Sportelli per le imprese, 31 quelli che operano nella provincia di Brescia

0

Fin dalla sua prima attuazione, il SUAP (Sportello Unico per le Attività Produttive) si è posto come il principale strumento di semplificazione per quel che concerne l’espletamento delle pratiche amministrative necessarie allo svolgimento delle attività d’impresa. Il D. Lgs. 26 marzo 2010, n. 59, emanato ai fini del recepimento della cosiddetta Direttiva Bolkestein, aveva poi ribadito l’istituzione dei SUAP telematici presso i Comuni.

Senza più la necessità di doversi recare presso tutti gli uffici dei diversi Enti pubblici interessati, il SUAP – che può essere realizzato da una o più Amministrazioni comunali per i territori di competenza – rappresenta pertanto  l’unico punto di riferimento per l’avvio e la gestione di tutti i procedimenti che abbiano ad oggetto l’esercizio di attività imprenditoriali, ivi compresi quelli relativi alla trasformazione, ristrutturazione, ampliamento o trasferimento, cessazione o riattivazione di tali attività.

Al fine di mettere a fuoco le strategie per il futuro dei SUAP e individuare ulteriori semplificazioni a favore delle imprese bresciane, la Camera di Commercio di Brescia ha organizzato oggi uno specifico seminario, rivolto ai soggetti interessati (Amministrazioni comunali, Enti pubblici, Associazioni imprenditoriali di categoria), i cui lavori, moderati da Antonio d’Azzeo, Conservatore del Registro Imprese, sono stati aperti dall’Assessore al Commercio Turismo e Terziario della Regione Lombardia, Mauro Parolini.

Alle Camere di Commercio la normativa vigente riserva infatti una ruolo fondamentale di supporto alla realizzazione e gestione dei SUAP, posto che gli strumenti operativi di cui questi si avvalgono – PEC, firma digitale, protocollazione informatica – sono già da tempo utilizzati dagli Enti camerali con ampio gradimento della propria utenza.

“La semplificazione e la velocizzazione nell’espletamento delle pratiche amministrative sono viste oggi come elemento fondamentale di competitività per le nostre imprese – commenta Massimo Ziletti, Segretario Generale della Camera di Commercio di Brescia – . L’utilizzo delle più moderne dotazioni informatiche rappresenta, peraltro, l’elemento decisivo attorno al quale ruota la possibilità di realizzare una concreta semplificazione a vantaggio del mondo imprenditoriale”.

Il sostegno della Camera di Commercio di Brescia all’attivazione e gestione di quella che può essere definita una vera e propria rete provinciale dei SUAP ha preso avvio, circa dieci anni, fa  tramite un apposito accordo convenzionale con la Provincia di Brescia, in rappresentanza degli enti territoriali. A seguito di tale accordo, che ha visto la Camera di Commercio impegnarsi  finanziariamente per 150.000 euro, i Comuni della Provincia che hanno aderito alle rete dei SUAP hanno potuto dotarsi degli strumenti operativi necessari al loro funzionamento: business key, firme digitali (1300 quelle rilasciate), 366 caselle di posta certificata e 128 utenze Telemaco. Al fine poi di  rendere operativi i SUAP e mettere i funzionari ad essi dedicati nelle condizioni di validamente operare in un’ottica di semplificazione delle procedure amministrative, sono stati coinvolti più di 1.600 partecipanti in specifiche sessioni formative, con una spesa di circa 120.000 euro dal 2010 ad oggi.

Questo percorso formativo, unico nel suo genere, è stato tra l’altro inserito del Rapporto sulla Formazione del Dipartimento della Funzione Pubblica come buona pratica tra i progetti più significativi.

E’ stato inoltre istituito un Osservatorio SUAP (STER Regione Lombardia Provincia Comune ACB Prefettura Infocamere e Camera di Commercio) con più di 40 riunioni, che ha portato alla definizione di figure professionali di raccordo tra Camera di Commercio, Infocamere e SUAP comunali, figure divenute punto di riferimento anche per altri enti, come VV.FF, ASL Questura etc, con oltre 18.000 contatti.

La Camera di Commercio di Brescia mette infine a disposizione uno specifico applicativo, sviluppato e gestito da Infocamere, a favore di quei Comuni ancora privi di un’adeguata piattaforma informatica e/o di un sistema proprietario per la gestione info-telematica dello sportello unico.  Per il periodo iniziale di due anni, mediante adesione ad un protocollo d’intesa, l’applicativo SUAP camerale è reso disponibile a titolo gratuito. Ad oggi sono già 31 i SUAP convenzionati con la Camera di Brescia e rappresentano 375.148 abitanti, pari al 30% della popolazione bresciana, e 44.097 imprese e unità locali attive, pari a circa il 30% del totale delle imprese iscritte nel Registro.

Comments

comments

LEAVE A REPLY