Rapporto Ispra, pesticidi e metalli pesanti nelle acque bresciane

0
Bsnews whatsapp

Una volta usati sui campi i pesticidi rilasciano i loro effetti, purtroppo nocivi, finendo in fiumi, fossi e acque di falda. A dichiararlo l’Ispra, che ha elaborato i dati Arpa del 2012, dai quali emerge che tali veleni sono stati trovati in abbondanza nei fossi (nel 76% dei campioni) e nelle acque sotterranee (30% dei casi). Guardando al bresciano, come riporta il Corsera, l’Arpa ha trovato inquinanti nei fossi e nei fiumi di Castenedolo (Naviglio Grande), Flero (Vaso Fiume), Cazzago San Martino (seriola Castrina) ma anche a Pozzolengo, Rudiano, Castrezzato (Baioncello). Metalli pesanti, come mercurio e tetracloroetilene, sono stati invece trovati nelle acque delle Valli, in particolare a Bovegno, Marcheno (Lembrio), Villa Carcina (Gombiera), Sarezzo, Bovezzo. Le acque sotterranee con più casi di inquinamento sarebbero quelle di Adro, Brescia, Calvisano, Gardone Valtrompia, Pisogne. 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

RISPONDI