Coppa Italia, i ragazzi di Bovo s’impongono per 7 a 4 sullo Sport Management

0

Grazie a una terza frazione giocata con grande lucidità e fermezza, l’An Brescia supera il primo ostacolo nella Final Four di Coppa Italia: a Sori, nella semifinale contro lo Sport Management, i ragazzi di Sandro Bovo s’impongono per 7 a 4 (1-1, 2-2, 3-0, 1-1, i parziali). Come previsto, il match con la formazione veronese si è rivelato una dura prova, con i rispettivi reparti arretrati a primeggiare sugli attacchi per oltre due tempi: poi, intorno alla metà del terzo periodo, la determinazione e l’efficacia offensiva dell’An hanno avuto la meglio, con tre reti consecutive (nell’ordine, Valerio Rizzo in parità da posizione 1, Alessandro Nora e Willy Molina, entrambi in superiorità) e con la porta bresciana rimasta inviolata per più di un tempo e mezzo. Un allungo decisivo, quello dei biancazzurri, costruito con tanta grinta, con la pazienza necessaria a non sprecare palloni e con la consapevolezza nei propri mezzi e nelle proprie qualità. Tutto questo davanti a un avversario di livello, capace di creare grossi problemi fino al break di Rizzo e che, poi, però non è stato in grado di tenere il passo. Un’An, dunque, che esce alla distanza davanti a una compagine davvero ostica, con il mancino Nora tornato nel ruolo di ottimo finalizzatore delle trame costruite dalla squadra (con 3 reti, è il numero 8 bresciano il miglior realizzatore della serata). Un altro importante passo è stato fatto e ora tutta la concentrazione va sulla sfida di domani col Recco.

 

«Almeno fino a metà gara – commenta in vice presidente dell’An, Alessandro Morandini -, non abbiamo espresso il ritmo di gioco che è nelle nostre corde; nel terzo tempo, però, siamo stati quasi perfetti e non c’è stato scampo per lo Sport Management. Come sempre, molto bene la difesa con solo due reti prese in undici inferiorità e con i loro attaccanti Filipovic, Bini e Razzi, completamente all’asciutto; da parte nostra,  molto importanti sono stati i tre gol di Nora, così come la segnatura di Rizzo. Nel momento topico della partita, è venuta fuori la nostra incisività offensiva e questo è senz’altro un ottimo segnale per la gara di domani: sappiamo che sarà una battaglia e siamo pronti a lottare col coltello tra i denti. Spiace aver visto le tribune mezze vuote, soprattutto per quel che riguarda il pubblico più giovane: speriamo di vedere più gente domani».   

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome