Rigore inesistente ed espulsione: Brescia sconfitto anche dal Modena

0
Bsnews whatsapp

Non ci voleva. Il Brescia esce sconfitto da una gara che era fondamentale vincere. Le attenuanti sono clamorose, rigore ingiusto ed ingiusta espulsione del portiere, ma l’approccio alla partita è stato davvero poca cosa, e per tutto il primo tempo siamo stati a guardare gli avversari. Ora la situazione di classifica è peggiorata ulteriormente, seppur le nostre dirette avversarie per la salvezza (a parte il Modena, ovviamente) non abbiano fatto punti.

Dopo tutto un primo tempo avaro di vere emozioni, a parte un tentativo di Caracciolo, mai così giù dal punto di vista fisico e forse anche psicologico, e uno di Corvia, e un gol annullato agli avversari, l’episodio chiave è al 44°, quando il portiere avversario Pinsoglio con un lungo lancio pesca Garritano in contropiede. L’attaccante entra in area, Arcari è bravo a toccargli nettamente la palla, per poi finirgli addosso, ma l’arbitro fischia rigore e, cosa ancora peggiore, espulsione del nostro portiere. Clamorose le proteste, che però non servono a nulla. Al posto del positivo Da Silva (il più frizzante fino a quel momento, e il più veloce) entra così Andrenacci, classe 1995, al debutto in Serie B, che si fa trafiggere da Granoche. Al rientro negli spogliatoi giocatori e staff assediano a lungo l’arbitro.

Nella prima parte della ripresa le Rondinelle sono scialbe e improduttive come per tutto il primo tempo, con il passare dei minuti però il ritmo cresce e così la pressione. Due le occasioni più ghiotte: la prima del neoentrato Scaglia, che su assist di Sodinha, davanti al portiere, non prende la palla, la seconda con Quaggiotto che calcia, da buona posizione, addosso a Pinsoglio. 

Qui gli hihlights della partita: Brescia – Modena 0-1

A fine gara mister Calori: "E’ una sconfitta che brucia. Dobbiamo sicuramente migliorare nell’approccio alla partita, il primo tempo siamo stati troppo attendisti, poi l’episodio del rigore a pochi secondi dall’intervallo ha spezzato completamente gli equilibri. Nella ripresa, pur in inferiorità numerica abbiamo reagito, non concedendo nulla al Modena e creando alcune occasioni per pareggiare. Dobbiamo ripartire da qui, dala determinazione che abbiamo dimostrato nella ripresa e rialzare subito la testa perchè sabato ci aspetta un’altra sfida difficile e dobbiamo prepararla al meglio".

Sagramola: "Sicuramente la sconfitta di oggi rappresenta un duro colpo. Il campionato però è ancora lungo e bisogna lottare fino alla fine. Purtroppo l’episodio in occasione del rigore ha condizionato l’andamento della gara. Sono errori che non dovrebbero accadere, ma che possono capitare. L’importante ora è rialzare subito la testa e reagire. Questa squadra ha tutte le possibilità di salvarsi, ma serve una reazione immediata. Dobbiamo crescere sotto certi aspetti, scendere in campo fin dall’inizio con maggiore grinta e determinazione, anche se alla fine non abbiamo concesso quasi nulla al Modena."

 

IL TABELLINO:
Marcatori: 47’p.t. Rig. Granoche (M).

BRESCIA (3-4-1-2): Arcari, Tonucci, Budel (Vice Cap.)( 21’s.t. Scaglia), Di Cesare; Sestu, Quaggiotto, Benali, Zambelli (Cap.), Da Silva ( 46’p.t. Andrenacci), Corvia ( 29’s.t. Sodinha), Caracciolo And.
A disposizione: Lancini, Ntow, H’Maidat, Gargiulo, Morosini, Bentivoglio.
Allenatore: Calori.

MODENA (4-3-3): Pinsoglio, Calapai, Gozzi (Cap.), Cionek, Rubin, Schiavone ( 1’s.t. Salifu), Martinelli, Signori ( 36’s.t. Beltrame), Garritano, Granoche (Vice Cap.)(21’s.t. Acosty), Fedato.
A disposizione: Manfredini, Ferrari, Sakaj, Zucchini, Marsura, Guidiala.
Allenatore: Melotti.

Arbitro Sig. Rosario ABISSO di Palermo
Assistenti Sig. Alessio TOLFO di Pordenone e Sig. Alfonso D’APICE di Parma.
IV ufficiale Sig. Gianluca MANGANIELLO di Pinerolo

Ammoniti: 32’p.t. Corvia (B), 40’p.t. Fedato (M), 41’p.t. Martinelli (M), 47’p.t. Budel (B), 35’s.t. Calapai (M), 39’s.t. Acosty (M).
Espulsi: 44’p.t. Arcari (B).

Angoli: 5-3
Recupero: 2’p.t. – 4’s.t.
Note: 8.677 spettatori

 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Anche Calori ha le sue belle colpe… perché non ha tolto prima Corvia? perché mettere in difesa Budel quando a centrocampo nessuno sapeva far girare la palla?

RISPONDI