Imu su seggiovie, cabinovie e skilift: gli impiantisti fanno ricorso

0

L’Imu non risparmia seggiovie, cabinovie e skilift e saranno circa 800mila euro i soldi che gli impiantisti dovranno versare, in attesa che si faccia chiarezza a livello politico sulla questione. A tuonare, in merito, il direttore di Adamello Ski, Stefano Pizzi che dichiara al Corriere «Tra Ponte di Legno e Tonale, Adamello Ski conta 30 impianti di risalita tra cui venti seggiovie e due telecabine. Con cifre simili, il futuro è incerto: questo è il modo di promuovere il turismo?». Ammontano infatti a 400mila euro i soldi che il gruppo dovrebbe versare. A ruota le proteste di Maniva Ski (80mila euro) e  Montecampione Ski Area (180mila). Sul piede di guerra i dirigenti Anef, associazione che riunisce gli esercenti funiviari che dichiarano come tutti gli impiantisti abbiano presentato ricorsi per evitare di essere assoggettati all’Imu. 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. …ma il Trentino con Trento e Bolzano a statuto speciale con esenzione IMU???????? Come la mettiamo?
    Italia sempre piu’ sfasciata……

LEAVE A REPLY