Imu su seggiovie, cabinovie e skilift: gli impiantisti fanno ricorso

0
Bsnews whatsapp

L’Imu non risparmia seggiovie, cabinovie e skilift e saranno circa 800mila euro i soldi che gli impiantisti dovranno versare, in attesa che si faccia chiarezza a livello politico sulla questione. A tuonare, in merito, il direttore di Adamello Ski, Stefano Pizzi che dichiara al Corriere «Tra Ponte di Legno e Tonale, Adamello Ski conta 30 impianti di risalita tra cui venti seggiovie e due telecabine. Con cifre simili, il futuro è incerto: questo è il modo di promuovere il turismo?». Ammontano infatti a 400mila euro i soldi che il gruppo dovrebbe versare. A ruota le proteste di Maniva Ski (80mila euro) e  Montecampione Ski Area (180mila). Sul piede di guerra i dirigenti Anef, associazione che riunisce gli esercenti funiviari che dichiarano come tutti gli impiantisti abbiano presentato ricorsi per evitare di essere assoggettati all’Imu. 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. …ma il Trentino con Trento e Bolzano a statuto speciale con esenzione IMU???????? Come la mettiamo?
    Italia sempre piu’ sfasciata……

RISPONDI