Occupazione uffici A2A, tredici gli indagati di Diritti per Tutti

0

Sono tredici le persone indagate dalla Procura di Brescia per occupazione abusiva, imbrattamento e violenza privata in relazione all’occupazione degli uffici di A2A del 14 ottobre scorso da parte di alcuni attivisti dell’associazione . La ragione dell’occupazione era la protesta contro gli sfratti e la soppressione delle utenze da parte di A2A nei confronti delle famiglie morose, coloro cioè che non erano in regola con i pagamenti delle bollette.

Gli occupanti avevano bloccato gli uffici di via Lamarmora occupando anche le scrivanie del personale e rivolgendosi loro con violenza e minacce. Tra i tredici indagati anche i vertici di Diritti per Tutti, Umberto Gobbi e Claudio Taccioli ritenuti dai sostituti procuratori i promotori e organizzatori dell’occupazione. Con loro altri quattro italiani e sette stranieri. I tredici ora dovranno presentare memoria scritta o farsi interrogare in Procura.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. piacerebbe tanto saperlo anche a me. Capisco gli immigrati senza lavoro ma questo gobbi e Taccioli che fanno? la bella vita, mi sà…

  2. Tra l’altro molti di questi violenti imbrattatori sono sul libero mercato del gas e del’energia elettrica: pertanto le società di distribuzione si limitano a ridurre, e poi a sospendere i clienti morosi. Molti di questi pensano che continuando a cambiare fornitore (e continuando a non pagare)riescano a mantenere in essere le utenze. SBAGLIATO

  3. Cari miei taccioli lo conosco e credetemi è una persona da mettere alle strette molto alle strette , solo così viene spento nelle chiacchiere in più è uno che il denaro ne ha a volònta . Questa gente sarebbe tutta da mettere alle strette , sapete perché si permettono di fare ciò ? Perché tutti vi fate vedere ad avere paura di loro. Io sono italianissima , ho da combattere con uno di loro che per farmi paura mi ha messo le mani addosso , ma non c’ è riuscito e non ci riuscirà mai!!!!!

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome