La Festa della Musica accende gli strumenti: artisti (e non solo) cercasi

0

(a.marsigalia) Dopo il successo, quasi inaspettato, dello scorso anno la Festa della Musica torna a Brescia. E questa volta lo fa per restarci a lungo. Nato come una sorta di esperimento – ben riuscito anche se con qualche imprevisto – nel 2014, finanziato dal Comune di Brescia e dall’assessorato alla Cultura, l’evento dedicato alle band, ai duetti, ai solisti, ai cori e alle bande bresciane rinnova il suo appuntamento per il 21 giugno 2015.

Tante le novità che caratterizzeranno questa seconda edizione. In primis la nascita dell’Associazione Festa della Musica che, costituitasi a febbraio, avrà lo scopo di dar vita all’evento oggi, ma anche negli anni futuri, rendendolo indipendente economicamente e autonomo. Ieri, intorno alle 20.30, nella Sala SS. Filippo e Giacomo, l’assessore alla cultura Laura Castelletti, il coordinatore della Festa Luigi Radassao, il Presidente della Associazione e giornalista musicale Jean Luc Stote, il segretario Francesco Pagnoni rappresentante del Cos (coordinamento operatori spettacolo) hanno ringraziato tutti coloro che hanno contribuito a rendere la prima edizione una bella scoperta (con oltre 200 artisti in opera da mattina a notte) e presentato quella che sarà l’edizione nuova.

Ancora una volta il teatro sarà la città, nelle sue piazze, nei suoi parchi e ovunque un palco sia ben gradito e ben organizzato, locali e attività private comprese e tutto sarà organizzato e pianificato dall’Associazione che ha previsto maggior attenzione ai luoghi rispetto allo scorso anno (qualcuno era inadatto) e il completo coordinamento di tutte le attività. Ci sarà tempo fino al 15 aprile per gli artisti di iscriversi alla manifestazione, mentre invece resta sempre aperta la possibilità di entrare a far parte dell’Associazione, che, come ha dichiarato Stote "è nata per consolidare quello spirito di collaborazione che ha caratterizzato lo scorso anno e mettere sotto le stesso tetto tutte le realtà che hanno contribuito". Tutti possono iscriversi, contribuendo con 10 euro e con la volontà di dare una mano alla macchina organizzativa.

Proprio per questo, ogni martedì e venerdì, dopo Pasqua sarà adibito uno spazio adiacente la Loggia per poter entrare in contatto con gli organizzatori e dare il proprio contributo, creativo, operativo e propositivo. Contemporaneamente è già partito il merchandising della Festa della Musica 2015: per lasciare ancora una volta spazio alla creatività si è deciso di dar vita ad un contest per definire come saranno magliette, cappellini e gadget di quest’anno.

E sempre in tema di musica, come ha ricordato Radassao, continua il ciclo di incontri dedicato alla “Professione Musica” che accompagneranno Brescia fino alle soglie della prossima Festa. Tra gli eventi in programma, ci sarà anche l’incontro con Andrea Rosi (presidente di Sony Music Italy) che ha già anticipato che non mancherà di mandare degli osservatori proprio il 21 di giugno a Brescia, alla scoperta dei talenti della musica bresciana. 

Comments

comments

LEAVE A REPLY