Permessi di soggiorno, la Cgil si appella alle istituzioni per sanare tempi e modi

0
Bandiera Cgil
Bandiera Cgil

E’ un appello rivolto ai cittadini bresciani quello che si legge nel comunicato diramato dalla Cgil di Brescia che chiede “alle autorità ai vari livelli di esercitare il proprio dovere di responsabilità collaborando attivamente al cambiamento in modo efficace ed efficiente delle prassi di rinnovo e di rilascio dei permessi di soggiorno, ad accogliere positivamente le giacenti richieste di emersione dall’irregolarità da parte di cittadini immigrati presenti sul territorio da anni, e promuovere un processo di partecipazione attiva dei concittadini immigrati alla vita pubblica della città”.

DI SEGUITO IL TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO E LA LISTA DELLE FIRME RACCOLTE PER LA PETIZIONE:

Non rappresenta una novità il fatto che il sistema della gestione dei permessi di soggiorno per i concittadini immigrati in Italia sia estremamente complicato e inefficiente . La normativa prevede un lasso di tempo di 20 giorni dal momento dell’istanza di rinnovo al rilascio, ma la tempistica, soprattutto a Brescia, richiede mesi se non semestri o oltre. Accanto all’inefficienza del sistema rinnovo-rilascio del permesso di soggiorno, spesso indipendente dalla buona volontà o dalla capacità del personale di Questure o Prefetture, è da sottolineare l’esorbitante costo che la procedura richiede. La media per una famiglia di 4 persone di adulti può facilmente superare i 500-600 euro, a fronte di un servizio sostanzialmente di scarsa efficienza. Ora gli eventi che hanno visto , e che vedono continuamente, protagonisti i concittadini immigrati bresciani, sono una legittima richiesta di RISPETTO DELLE REGOLE E DELLE NORME DA PARTE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, e una fondata rivendicazione di rispetto e di riconoscimento della dignità di donne e uomini, che con le loro famiglie rappresentano il futuro sociale ed economico di questo territorio.

E’ sicuramente improvvido ogni tentativo di appesantimento delle procedure , talvolta fatto con la piena avvertenza, per rendere impossibile raggiungere l’obiettivo di una presenza regolare e dignitosa. I diritti di cittadinanza vanno tutelati a prescindere dalla condizione giuridica delle persone. Il desiderio di emersione da una situazione id irregolarità andrebbe supportato e promosso nell’interesse di tutta la collettività. Il frenare o vanificare tale necessità non serve a nessuno se non ad aggravare le condizioni di vita di tante persone che nulla di male hanno fatto.

Tutte le sanatorie fatte nel nostro paese, e in particolare nella nostra provincia , hanno promosso un legittimo interesse di partecipazione alla vita economica prima, sociale poi delle nostre comunità locali.

L’abominevole introduzione del reato di clandestinità è servito solo a sperperare denaro pubblico nel perseguire degli innocenti e a fomentare xenofobia e odi inutili.

Inoltre è estremamente palese il non senso della normativa introdotta nel 2002 con la cosiddetta Bossi-Fini. Il vincolo soggiorno-lavoro in un periodo i cui tutte le politiche occupazionale da oltre 20 anni puntano alla flessibilità, spesso tradotta in precarietà, non è semplicemente anacronistico

, ma del tutto deleterio per la vita economica di intere generazioni di concittadini immigrati. In tre anni sono stati cancellati oltre 500.000 permessi di soggiorno per mancanza di lavoro. Un non senso . Visto anche che non è materialmente possibile allontanare dal paese centinaia di migliaia di persone oneste con famiglie annesse. La rivendicazione fondante è eliminare dalla normativa tutto ciò che crea problemi e non programmarne altri. La procedura di sanatoria contestata a Brescia fa parte di questi “non senso”.

Ora è fuori dubbio, che in questa situazione di continuo stallo, il diritto a manifestare il proprio dissenso o di richiedere l’adempimento dei compiti istituzionali è un diritto fondamentale che va sempre e comunque tutelato e garantito. Tutte le istituzioni e le realtà aventi parte vengono chiamate , nel reciproco senso di responsabilità, a costruire percorsi che permettano di raggiungere l’obiettivo di tutela dei diritti di tutti e di garantire il rispetto delle normative a tutela dei concittadini immigrati. Occorre doverosamente adoperarsi per promuovere una nuova cultura normativa ed amministrativa in grado di gestire in modo “ umanamente sostenibile” tutte le pratiche di emersione dall’irregolarità favorendo i soggetti che vogliono vivere alla luce del sole in seno alla comunità locale. Onde evitare strumentalizzazioni di vario genere richiamiamo le autorità ai vari livelli ad esercitare il proprio dovere di responsabilità collaborando attivamente al cambiamento in modo efficace ed efficiente delle prassi di rinnovo e di rilascio dei permessi di soggiorno , ad accogliere positivamente le giacenti richieste di emersione dall’irregolarità da parte di cittadini immigrati presenti sul territorio da anni , e promuovere un processo di partecipazione attiva dei concittadini immigrati alla vita pubblica della città. E’ interesse comune dialogare per risolvere i problemi ed è a discapito di tutti fomentare tensioni ed ingiustizie.

DANIELA PEZZUCCHI

MAURO CHERUBINI

MICHELA PAGHERA

SANDRO FAIA

DANIELA VARINI

ABDELMAJID DAOUDAGH

RICCARDO PILATO

INES PACCANELLI

MARIA MAIORANA

TOMMASO GAGLIA

KAWSAR ZAMAN

FRANCO VALENTI

GIULIA DI FIORE

ANDREA BOUZIDI

ABDELGHANI MOUDEN

LUCIANO DI GREGORIO

NAIMA DAOUDAGH

OMAR HAMID MIR

VIRA HORILA

TAHIR NAZIR

DANIELA NADELCU

JABRAN FAZAL

DANIELA LONGINOTTI

TERESA BENEDINI

GIOVANNA BENINI

BEPPE ALMANSI

PIETRO PUZZI

ABDOULAYE DIARRA

GIUSEPPE OLIVARI

ANNA SORTENI

VANESSA TULLNOVA TULLO

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Cgil solo pro immigrati… Mai più rinnoverò la mia tessera. Non c'è lavoro neanche per noi . Se loro non hanno lavoro che se ne tornino ai loro paesi oppure si rivolgano alla Germania o alla Francia o… Se non si trova lavoro vadano … La Svizzera la Germania non vuole persone senza casa e lavoro . Perché l'Italia deve sempre subire?

  2. Razzisti di merda…..e bello pero quanto andate a fare missione nei paese che non ci appartengano ho di rubare le nostre terre ……razzisti se voi non avevate invaso le nostre terre in passato e di prendere petrolio oro ecc…… saremo noi i capi sciacuate la bocca prima di parlare

  3. Cgil schierata apertamente contro gli italiani: emorraggia di voti, palese perdita di iscrizioni, meno introiti… Allora cosa fare? Prostarsi a paladini dei diritti degli immigratis! Fate davvero pena

  4. ha davvero qualcosa di… morboso questo attaccamento della cgil con gli immigrati. ovviamente a pensar male si fa peccato, ma… non sarò mica solo una questione di voti questa "battaglia"?

  5. Sembra che la CGIL viva in una dimensione parallela rispetto alla realtà. A monte esiste, ed in mnaniera sempre più drammatica, la mancata gestione in Italia dell’intero fenomeno dell’immigrazione sotto il profilo legislativo e normativo. Richiamarsi, a valle, solo alla gestione burocratica dei permessi di soggiorno ed alla velocizzazione delle sanatorie e delle presenze irregolari sul territorio, significa voler aggravare ulteriormente la situazione, richiamando ulteriori flussi migratori dall’estero. Ognuno può esprimere la propria opinione, ma l’appello rivolto ai cittadini bresciani personalmente mi sembra fuori luogo.

  6. Ahhh,ahhh,ahhhhh , andiamo bene…prima scriveveano solo gli amicifratellimigrant i, ora abbiamo i fratellimigranti che scrivono sproloqui….Ahhh,ah hhhh,ahhhhhhh che bella è l’Italia , Brescia in particolare, con i sindacati che non difendono gli italiani ma gli stranieri…..

  7. X avere permesso di soggiorno una persona DEVE avere un posto di lavoro .X vivere ed integrarsi DEVE LAVORARE X potersi mantenere Non c'è lavoro ??? Allora NON devono entrare in Italia Xche non ce n'è nemmeno X i nostri ragazzi !!!!! Bisogna assolutamente che le regole vengano rispettate .

  8. se quello che ha scritto il commento da te citato è un extra, io sono Gandhi. sicuramente si tratta di qualche "magazzinaro" in vena di scherzi, il livello culturale e ancor più la grammatica di quelle poche righe sono tipici del soggetto…

LEAVE A REPLY