Centropadane, Molgora costretto alle dimissioni. Nuovo Cda entro l’estate

7
Daniele Molgora
Daniele Molgora
Bsnews whatsapp

Le dimissioni di Daniele Molgora dalla presidenza della società autostradale Centropadane sono un atto dovuto in quanto l’Autorità nazionale anticorruzione si era subito espressa dichiarando che “non era conferibile, ai sensi dell’art. 7, comma 2 del decreto 39 del 2013, l’incarico del Presidente del Cda di un Ente di diritto privato in controllo pubblico a colui che riveste la carica di presidente di una Provincia che sia socio di tale Ente”; pertanto è evidente che Molgora è stato costretto dal Collegio Sindacale alle dimissioni, per evitare l’annullamento degli atti di un presidente il cui contratto d’incarico era da considerarsi nullo per problemi di incompatibilità, come indicato da Anac.

Rispetto a quanto accaduto, senza entrare nel merito delle motivazioni politiche che hanno portato alle dimissioni, è intervenuto il presidente della Provincia di Brescia, Pier Luigi Mottinelli, affinché la Provincia abbia al più presto rappresentanti di propria indicazione nel Consiglio di Amministrazione, dato che l’elezione di Daniele Molgora è avvenuta prima dell’insediamento dell’attuale Provincia.

«Alla luce degli ultimi avvenimenti – ha dichiarato il presidente Mottinelli – che vedono il gruppo Gavio aggiudicarsi la concessione del tratto autostradale della A21 Piacenza -Cremona – Brescia, anche se la procedura di affidamento non è conclusa in quanto il Ministero delle Infrastrutture deve completare le attività procedurali propedeutiche l’aggiudicazione, i soci dovranno ragionare su che cosa farà la società, in assenza della concessione autostradale, scaduta il 30 settembre 2011.

Sono interessato a concorrere in qualità di azionista di riferimento, insieme agli altri soci, – ha continuato il Presidente Mottinelli – alla modifica statutaria e alle nuove competenze della società, a partire dall’autostrada regionale Cremona – Mantova, di cui ho parlato proprio oggi in un incontro a Milano con il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni».

La Provincia di Brescia ha avuto mandato dagli altri soci di dare l’avvio a un percorso che modifichi lo statuto e nomini un nuovo Consiglio che interpreti le nuove finalità societarie, nel più breve tempo possibile, tra giugno e settembre.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

7 COMMENTI

  1. Beh, Molgora ha sempre scelto la via più comoda, nella politica. Peccato che la sua opera sia finita e ora non gli resti che tornare a casa.

  2. Mottinelli ha parlato oggi con Maroni di modifiche statutarie e nuove competenze di Centropadane in particolare legate alla realizzazione della Cremona-Mantova, opera infrastrutturale talmente strategica da essere pochi giorni fa letteralmente scomparsa dal DEF, cioè il documento ufficiale di programmazione finanziaria dello Stato. Forse era meglio se i due discutevano sul fatto che "non ci sono più le mezze stagioni" oppure "sullo spiedo improponibile senza uccelli dal becco fino"….

  3. lo hanno CACCIATO se non era per il collegio sindacale se ne stava seduto a prendere ancora qualche mensilità! Ha guidato di fatto una società senza che l’incarico fosse conferibile a lui! Ma ci rendiamo conto!!! Ora Mottinelli (un grande….) si chiede che farà questa società senza autostrada da gestire…. Cosa cavolo vuoi che faccia se chiudere e subito!!!!!!!!!

  4. ecco cosa serve la pro-loro-vincia! Intanto le deliberine di un anno con appalti ecc restano valide a breve una nuova seggiola e chissenefrega

RISPONDI