Bordonali: le strade lombarde fanno ancora troppi morti

0
Assessore alla Protezione Civile di Regione Lombardia
Simona Bordonali
Bsnews whatsapp

Sono 438 le vittime della strada registrate nel 2013 in Lombardia. Come un piccolo Comune che scompare. “Un numero ancora troppo alto, seppur in discesa” secondo l’assessore regionale alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, la bresciana Simona Bordonali, che, in occasione della 30ª edizione della giornata della ‘Fraternità della strada’, oggi, a Milano, non ha voluto far mancare il proprio sostegno a questa associazione “che ci indica – ha sottolineato – come il lavoro da fare sia ancora molto”.

REATO DI OMICIDIO STRADALE – Il primo passo, ormai non più rinviabile, è quello di introdurre il reato di omicidio stradale “per assicurare una condanna adeguata a coloro che recano danni al prossimo – ha precisato Bordonali -, mettendosi alla guida senza esserne in condizione”.

3 MILIONI PER LA SICUREZZA – L’altro punto è investire in sicurezza. “La Regione Lombardia nei mesi scorsi – ha detto l’assessore – ha promosso un bando da 3 milioni di euro per cofinanziare progetti di natura infrastrutturale, ma anche progetti mirati all’educazione stradale da realizzarsi nelle scuole, in collaborazione con i Comandi di Polizia locale, e interventi volti alla sensibilizzazione nei confronti degli utenti della strada”.

90% INCIDENTI PER COMPORTAMENTI SCORRETTI – Il 90 per cento degli incidenti dipende da comportamenti scorretti, provocati anche da fattori come alcol, droghe e utilizzo del cellulare. “Per questo – ha concluso Bordonali – è fondamentale il lavoro educativo svolto da realtà come l’associazione ‘Fraternità della strada’, che quotidianamente si adopera per promuovere comportamenti virtuosi sulle strade”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

RISPONDI