Brescia da dimenticare: le rondinelle prendono tre sberle dal Carpi

0
Pallone da calcio
Pallone da calcio

Avrebbe dovuto essere l’occasione per sperare ancora nella salvezza. Ma la speranza si è spenta dopo pochi minuti. Contro il Carpi (capolista della serie B), infatti, le rondinelle avrebbero dovuto vincere, ma hanno incassato due reti nei primi 18 minuti.  E al 40′ sono rimaste in dieci per l’espulsione di Corvia. Al quarto d’ora della ripresa, quindi, è arrivato il 3-0 che ha chiuso definitivamente i conti.

LA CRONACA DELLA PARTITA

PRIMO TEMPO

4′ Il Brescia parte all’attacco, ma Antonio Caracciolo cicca la conclusione al volo

9′ Carpi in vantaggio: è M’Bakogu salta Arcari con un pallonetto

14′ Il Brescia perde Budel per infortunio, entra Bertoli

18′ Pasciuti fa metà campo di corsa, si libera di Caracciolo e infila Arcari in diagonale: 2-0

20′ Il Carpi sfiora il terzo goal con M’Bakogu, ma Zambelli ci mette una pezza

35′ Il Brescia torna in campo: Rovesciata di Corvia fuori di un niente

40′ Espulso Corvia per un fallo dubbio su Gagliolo: rondinelle in dieci

SECONDO TEMPO

6′ Il Brescia ha l’occasione di accorciare, ma la difesa del Carpi salva in extremis

15′ Il Carpi segna il 3-0, Lasagna parte suil filo del fuorigioco e trafigge Arcari

19′ Il Carpi sfiora il 4-0 con Di Gaudio

45′ Papera di Arcari, che rischia di concedere ancora il 4-0 agli avversari

CARPI – BRESCIA: 3-0

CARPI (4-4-1-1): Gabriel; Struna, Romagnoli, Gagliolo, Poli; Letizia, Bianco, Porcari, Di Gaudio; Pasciuti; Mbakogu. (Maurantonio, Modolo, Sabbione, Inglse, Gatto, Lasagna, Pugliese, Laner, Pasini). All.: Castori.

BRESCIA (4-3-2-1): Arcari; Zambelli, Caracciolo, Di Cesare, Coly; H’Maidat, Budel, Scaglia; Sestu, Da Silva; Corvia. (Andrenacci, Tognazzi, Lancini, N’Tow, Gargiulo, Morosini, Bertoli, Valotti, Boniotti). All.: Calori.

Arbitro Sacchi.

Reti: 9′ PT Mbakogu, 18′ PT Pasciuti, 15′ ST Lasagna

Comments

comments

1 COMMENT

  1. e in fretta… ripartire da zero, poi magari con un po’ di fortuna, tempo e qualche investitore si torna a vedere il calcio che conta. però in queste condizioni quattro o cinque anni in Lega Pro non ce li toglie nessuno…

  2. Pasciuti…Lasagna: anche i cognomi degli avversari che ci fanno gol sono un simbolo dell’annata "d’oro" 2014-2015. Da ricordare.

  3. Giusto ripartire dalla Lega Pro anche come "espiazione", senza dimenticare che risalire in serie B non è oggi così semplice ed automatico. Cito la Cremonese che dal 2006 tenta il ritorno in B con squadre atrezzate per farlo, ma non ci riesce. Ultimo passaggio: il necessario quasi totale smantellamento del parco giocatori con stipendi annui (i 700.000 euro di Caracciolo, per citarne uno) neanche lontanamente avvicinabili in Lega Pro. E quindi: molte incognite, ma speriamo tutti in un futuro che restituisca a Brescia un po’ di gloria calcistica del passato.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome