Ruggeri, concerto a Brescia tra entusiasmi e qualche polemica

0
Bsnews whatsapp

Tutto esaurito, ieri, al Villaggio Prealpino per il concerto di Enrico Ruggeri, cantautore e personaggio televisivo che per circa due ore si è esibito al Teatro Santa Giulia davanti a un pubblico decisamente entusiasta. Nell’occasione dell’evento organizzato da Macramè, Ruggeri ha eseguito molti brani del nuovo album (Pezzi di vita) e quasi tutti i suoi storici successi, da Quello che le donne non dicono al Mare d’inverno, passando per le imperdibili Contessa, Vivo da re e Mistero. Unico neo alcuni problemi organizzativi. A metà spettacolo, infatti, una trentina di persone ha abbandonato i posti a sedere per mettersi in piedi di fronte al palco (proprio a ridosso degli amplificatori e dei cavi di alimentazione). Quindi, anche per le proteste di altri spettatori per la visuale ridotta, gli indisciplinati sono stati invitati a sedersi dal servizio di sicurezza. Ma a quel punto – a sorpresa – è stato lo stesso Ruggeri a invitarli a tornare parlando di “azione arrogante” della sicurezza. E gli spettatori più anziani o educati hanno dovuto tacere. (red)

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. ero alla serata, forse lei non lo era ma ha raccolto qualche racconto neanche tanto veritiero, il servizio d’ordine ha sì cercato di far risedere i fans accorsi sotto al palcoma a forza di MINACCE (raccontate dai fans stessi post concerto) e SPINTONI, io ero seduta in galleria e ho visto prendere per un braccio e spostare a forza una ragazzina magrissina che ha perso l’equilibrio. seguo ruggeri da 20 anni ho visto più di 100 concerti e mai un trattamento simile. Ruggeri ha interrotto il concerto spiegando ai fans cosa erano quei cavi e il motivo per cui dovevano sare attenti 1° per non prendere la corrente e farsi del male 2°perchè altrimenti Fabrizio (il bassista) avrebbe potuto avere problemi poi ha ripreso il ridicolo servizio d’ordine dicendo che non è quello che dici ma è come lo dici, basta spiegarsi senza arroganza e violenza e a lui come è stata gestita la cosa non è piaciuta. tutto qua. assicuro che la gente dietro vedeva benissimo e poi se non vuoi avere fans che cantano e si divertono vai in chiesa non ad un concerto. in galleria signorotti si lamentavano perchè io e le mie amiche cantavamo e applaudivamo secondo loro, forte. ma stiamo scherzando? signor giornalista a tempo perso, un consiglio si assicuri dei fatti prima di raccontare.

RISPONDI