Polemiche per le code infinite causate dalle asfaltature

0

Dopo l’inferno di martedì, e il parziale miglioramento nella giornata di ieri, si preannunciano altri due giorni di passione per la strada gardesana occidentale, tra i comuni di Toscolano e Tignale.

Per il secondo anno consecutivo i lavori di asfaltatura eseguiti a ridosso dell’estate stanno innescando una grossa polemica tra gli operatori turistici e gli amministratori comunali che si lamentano pubblicamente con i vertici di Anas. A lamentarsi per primo è stato il sindaco di Tignale, Franco Negri, spedendo una lettera preventiva alla società, prima dei lavori, e poi intervenendo sulle colonne di Bresciaoggi: "Avevo sconsigliato la programmazione dell’asfaltatura in questi giorni caratterizzati dalle festività dell’Ascensione invitando l’Ente a effettuare i lavori in orario notturno dalle 22 alle 6 del mattino. Dopo le code di martedì ho inviato una nota in Prefettura e un’altra ancora all’Anas evidenziando per l’ennesima volta il demenziale “rito” dell´asfaltatura che non tiene conto delle esigenze dei turisti e dei cittadini che vivono in un territorio dalle problematiche di viabilità non indifferenti: qui da noi la viabilità è critica in situazioni di traffico ordinario ed è praticamente impossibile in presenza di incidenti o lavori". 

Sulla stessa lunghezza d’onda il direttore del Consorzio lago di Garda Lombardia Marco Girardi, le cui parole sono anch’esse riportate sul quotidiano in edicola stamane: "L’esperienza negativa dello scorso anno non è servita a nulla: qualcuno ha ritenuto opportuno riaprire i cantieri stradali sulla trafficatissima Gardesana, proprio in coincidenza con uno dei periodi di maggiore afflusso dei turisti stranieri. Stiamo dando una cattiva immagine del lago, tanto più che in questi giorni transitano dalle nostre parti anche gli equipaggi e il pubblico della Mille Miglia, diretti a Brescia. Speriamo che almeno nel 2016 questi spettacoli indecorosi non si ripetano più sulle nostre strade".
(red.)

Comments

comments

LEAVE A REPLY