A Chiari il problema delle deiezioni canine è affidato ad un consigliere

0

E’ un problema al pari di altri, e ci deve essere chi se ne occupa. L’amministrazione comunale di Chiari ha recentemente assegnato a un consigliere la specifica delega per risolvere il problema della convivenza tra cittadini e cani di compagnia.

La scelta del sindaco Massimo Vizzardi è caduta sulla consigliera Simonetta Marconi, che d’ora in poi dovrà cercare sia di mettere in campo tutte le iniziative volte ad educare i padroni che non si preoccupano di raccogliere le deiezioni dei loro animali, sia di trovare il modo più efficace per disincentivare la maleducazione a danno della comunità. Il provvedimento si è reso necessario per cercare di limitare la presenza di "ricordini" sui marciapiedi, o peggio ancora nei prati del parchi dove giocano i bambini o dove vorrebbero sdraiarsi gli adulti, che sono costretti però a desistere per evitare il rischio di avere brutte sorprese. 

Presto però potrebbero esserci novità anche sul fronte della sicurezza: come riportato sulle colonne del quotidiano Bresciaoggi potrebbe infatti arrivare l’obbligo di museruola per specifiche razze di cani.
(red.)

Comments

comments

LEAVE A REPLY