Rissa in piazza Vittoria, identificato il sesto uomo. Ipotesi di missione punitiva

8

Il sesto uomo è stato identificato e il settimo ha le ore contate. Queste le ultime novità che emergono dalle indagini della Polizia Locale sul pestaggio avvenuto sabato pomeriggio in piazza Vittoria. Secondo la ricostruzione effettuata dalle forze dell’ordine sembrerebbe trattarsi di una missione punitiva per colpire l’aggressore di un ragazzino albanese picchiato una settimana prima al centro commerciale Freccia Rossa, luogo di ritrovo di tanti giovani anche in arrivo dalla provincia.

Per vendicare il pestaggio sarebbero state assoldate almeno tre persone. Il senso uomo identificato dalla Polizia Locale è un trentenne albanese, ritenuto tra i più attivi nella rissa, mentre il settimo è in fase di identificazione anche grazie alle telecamere presenti in piazza Vittoria che hanno immortalato lo scambio di calci, pugni e bottiglie lanciate in aria.

E mentre le forze dell’ordine, che questa mattina hanno trasmesso gli atti alla Procura con i sei nomi dei responsabili, tutti maggiorenni, stanno cercando il settimo uomo, non si placa la polemica di chi ritiene che il loro intervento sia stato tardivo. “Si sono mossi secondo le regole”, risponde il sindacato di Polizia Locale.

Comments

comments

8 COMMENTS

  1. Io ero presente sin dall’inizio. Le forze dell’ordine sarebbero arrivate prima se gli stessi che ebbero la prontezza di riflessi per estrarre il telefonino e riprendere tutto, l’avessero usato per contattare il 112. Mi stupisco che non si trovino altri filmati nella rete, visto che sembrava di stare ad un concerto (tutti con lo smartphone puntato al centro della piazza – n.d.r.)
    Le forze dell’ordine hanno fatto quanto potevano. Diciamolo. Queste cose succedono da anni e succederanno ancora. Succedono al nord, al sud, nei paesi e nelle città. Succedono in inghilterra e succedono in russia, in australia e in giappone. Inutile prendersela con chi fa solo il proprio lavoro…

  2. Ma Xche se sono cose che succedono in altre parti dobbiamo arrenderci e considerarle normali ???? Ma stiamo impazzendo ????? Risse così NON DEVONO SUCCEDERE ANCHE XCHE NE VA DELLA INCOLUMITÀ NOSTRA E DEI NOSTRI FIGLI !!!!! Non è nel nostro DNA picchiarci violentemente x strada , mentre lo è x migranti !!!!! Ma li avete incontrati x strada ???? Giovani, alti e grossi .Mi riferisco non a quelli che lavorano e che sono inseriti nel nostro tessuto sociale ma a quelli che non lavorano , che sono mantenuti da noi e che non sanno come impiegare il tempo Questi sono bombe pronti ad esplodere in qualsiasi momento !!!! E BRESCIA SAREBBE UNA CITTÀ SICURA ??

  3. “Non è nel nostro DNA picchiarci violentemente x strada , mentre lo è x migranti !!!!!”: Ennesimo intervento delirante del nostro amato Mr ,Virgola! Un pout-pourri di farneticanti affermazioni e orrori grammaticali. RUSPA PER MR VIRGOLA PLEASE!

  4. Questi episodi così come sono descritti, mi convincono sempre più che dietro c’è una regia occulta con lo scopo destabilizzatore.

  5. Episodi che capitano in tutto il mondo? E se ci fosse scappato il morto? Bene, avanti così finché arriveremo ai livelli di violenza delle città del terzo mondo. Tanto poi in questa giungla dovranno viverci i nostri figli…

LEAVE A REPLY