Un protocollo d’intesa tra Brescia e Bergamo per garantire la sicurezza sul Sebino

0

Le Province di Bergamo e di Brescia e l’Autorità di Bacino lacuale dei laghi d’Iseo, Endine e Moro, insieme alle organizzazioni di volontariato e protezione civile, hanno deciso di rinnovare anche per la stagione estiva 2015 l’impegno a mettere in campo attività di sensibilizzazione, prevenzione e monitoraggio per la sicurezza del lago d’Iseo.

Oggi è stato firmato il protocollo operativo in cui tutti i soggetti si impegnano a dare il loro contributo per garantire la prevenzione di incidenti. In particolare, le Province partecipano all’accordo attraverso i Corpi di Polizia provinciale, che si occuperanno di vigilanza e controllo rispetto alle norme in materia di navigazione in prossimità delle rive e delle aree più densamente frequentate, e attraverso i Servizi di Protezione civile, che coordineranno le organizzazioni di volontariato di protezione civile coinvolte.

L’Autorità di bacino lacuale supporta le attività svolte dalle organizzazioni di volontariato di protezione civile con l’erogazione di contributo per rimborsare le spese sostenute dal volontariato, azioni di supporto normativo e logistico nonché informazione e formazione ai soggetti impegnati nei servizi; infine ha predisposto un portale web dove caricare le informazioni necessarie per lo svolgimento delle attività.

Le organizzazioni di volontariato coinvolte avranno il compito di fornire agli utenti del lago ogni informazione utile a prevenire comportamenti pericolosi o contrari alle norme in vigore, garantendo così un’azione di supporto e di coordinamento con l’attività svolta dai Corpi di Polizia Provinciale.

«Il lago d’Iseo ha bisogno di un servizio di presidio che garantisca ai residenti e ai turisti di immergersi nelle meravigliose acque del Sebino in tutta sicurezza. La preziosa sinergia tra la Provincia di Brescia e quella di Bergamo – dichiara il presidente della Provincia di Brescia, Pier Luigi Mottinelli – testimonia ancora una volta che le Province, nel nuovo ruolo di "Case dei Comuni", sono al servizio degli stessi e della collettività. I Gruppi di volontari della Protezione Civile svolgeranno un lavoro di vigilanza e controllo, con l’obiettivo di far rispettare le regole e di tutelare l’ambiente. Un grazie sincero a tutti i volontari che si priveranno del loro tempo per donarlo alla comunità».

Comments

comments

LEAVE A REPLY