Armi illegali, 200 pezzi sequestrati: operai ed ex muratori tra i “collezionisti”

0
Bsnews whatsapp

Duecento armi sequestrate dal valore di tre milioni di euro, tra mitragliatori e fucili, ma anche sciabole e pugnai. I Carabinieri di Legnano, insieme a quelli di Bergamo, Chiari e San Giovanni in Persiceto (Bo), hanno messo in manette otto persone per detenzione illegale d’armi da guerra e di munizioni. Le indagini, a opera dalle Procure di Busto Arsizio, Bergamo e Brescia, sono iniziate con l’arresto di due fratelli di Castano Primo (VA), che nascondevano due «AK-47», una mitraglietta «Skorpion» ed un mitragliatore «MAB». Da Lì, come riporta il Corsera, si è risaliti a un gruppo di collezionisti che detenevano illegalmente armi da taglio e da fuoco. Otto persone insospsettabili, tra cui operai, ex dipendenti pubblici, ma anche un ultraottantenne ex muratore della provincia di Brescia che aveva creato un laboratorio in casa per lavorare le armi.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

RISPONDI