Profughi, il Prefetto: no a tendopoli, sì ad accoglienza in accordo coi Comuni

14

No alle tendopoli, no all’uso delle palestre, ignorare gli attacchi politici e trovare soluzioni condivise coi Comuni. Questi i punti chiave della lunga intervista rilasciata dal Prefetto Valenti al Corriere della Sera, dove emerge che la via scelta dalla Prefettura di Brescia continua a essere la micro-accoglienza diffusa nei 206 comuni della provincia, alla ricerca, in emergenza, di capannoni o strutture pubbliche. Annuncia che si sta chiudendo un accordo con i Comuni dell’alta valle Camonica e che una decina di posti è stata data anche dal sindaco di Ospitaletto.

No all’uso di scuole e palestre, che dovrebbero essere restituite in un mese, e no alle risposte di attacchi politici. "Non bado molto alle dichiarazioni della politica. Il mio lavoro è rispondere ad una richiesta del governo. E rispondo. Indubbiamente la situazione di tensione è molto forte. Dedico alla questione profughi l’ 80 per cento del mio tempo lavorativo", dichiara al quotidiano.  Altra questione aperta i rimpatri: mancano gli accordi bilaterali con i Paesi d’origine, eccetto Marocco o Tunisia, ma il Prefetto assicura che il governo è impegnato a stringerne di nuovi soprattutto coi Paesi africani.  

Comments

comments

14 COMMENTS

  1. Fanno schifo le cose che scrivi tu. Prendersela con gli ultimi del mondo é da vigliacchi. Non sono tutti rifugiati, é vero, ma molti, la maggior parte lo sono e meritano tutto il rispetto e la solidarietà che si deve tra essere umani. Vergognati.

  2. I cittadini marocchini, per esempio, non sono considerati profughi: il manderei gli xenofobi a vivere 6 mesi in Marocco con un salario medio da operaio o da cameriere (non voglio essere così crudele da farceli stare per anni da miserabile disoccupato). Vedi poi come gli si apre la mente…

  3. ma dei tanto buoni sindaci di sinistra? Li c’è senza dubbio molto posto, avanti profughi, clandestini e compagnia cantante a sinistra c’è posto. A Desenzano, Roncadelle, Flero oppure Montichiari. Li i sindaci “buoni” li accoglieranno a braccia aperte! Avanti…..

  4. Tu invece dovresti andare una settimana in Siria, nelle zone controllate dall’IS. Dopo capisci come mai scappano. Pirla xenofobo !

  5. Inutile far finta di nulla, in Italia abbiamo un problema enorme: gli stranieri. Per prima cosa ci rubano i lavori migliori. Infatti chiunque vorrebbe vendere accendini e occhiali da sole sul parcheggio della Coop, specialmente ora d’agosto, che c’è quella brezzolina che ti rimette al mondo. Invece quegli impieghi lì sono già tutti occupati dagli africani mentre i culi merdosi delle vecchie se li accaparrano subito le moldave. Uno farebbe carte false per occuparsene e invece nulla! Una vergogna. Che poi voi pensate davvero che questi arrivino coi barconi? Questi vengono con la Costa Crociere, altrimenti non si spiegherebbe quanto spendono per il viaggio, e poi una volta vicini alle acque italiane li trasferiscono sulle zattere per non pagare l’ormeggio, me l’ha detto un mio amico che conosce una che è venuta dall’Islam e s’è sposata per avere il visto, perché poi sono furbe eh, non ti credere. Ma se dipendesse da me, io la casa non gliela darei mica, prima gli italiani da almeno sette generazioni! Oddio, magari sette sono un po’ troppe visto che l’Italia esiste da soli 150 anni ma il sangue è sangue e infatti Salvini lo dona a tutti, con il rischio che possa finire addirittura ai negri, poi ditene male! A proposito di sangue c’è da dire che questi immigrati sono tutti violenti, specie con le donne. Pensate che il 94% degli abusi avviene ad opera di familiari o conoscenti, ma gli altri? Eh? Lo sapete che in quel 6% di estranei ci potrebbero essere anche degli extracomunitari? No, non parlavo dei preti. Sì, ho capito, lo so che il Vaticano è uno Stato extracomunitario ma che c’entra? Loro mica ti trombano la moglie, al limite i figlioli. E poi le tasse? Vogliamo parlare delle tasse? Mi vorrete mica far credere che in quei 150 miliardi all’anno di evasione non ci siano anche quelli che vendono i parei sulle spiagge? No perché son cifre grosse eh! Io un giorno ho controllato, in un pomeriggio a Fetovaia un marocchino n’avrà venduti perlomeno tre. Te fai due conti! No via, bisogna fare qualcosa, e anche alla svelta. Se non altro per le malattie, perché questi qui vai a sapere cosa ci portano! Mica son come gli italiani che quando vanno a trombare le minorenni in Thailandia partono già bell’e vaccinati. Inutile dire, non è questione di essere razzisti, è proprio che noi abbiamo una cultura differente, non è mica un caso se siamo conosciuti nel mondo per essere persone oneste, rispettose delle leggi e incorruttibili! Invece lì, in Mussulmània, sono dei selvaggi: ammazzano le donne, picchiano gli omosessuali! Ve l’immaginate? Come se qui ci fosse ancora bisogno di fare una legge sull’omofobia! Nel 2015! Ma che scherziamo davvero? Via, ora vado sennò mi chiudono i cinesi e devo comprare il profumo per la macchina che stasera vò a troie brasiliane e se mi sgama la filippina poi lo dice alla mi’ moglie.
    Di dov’è la mi’ moglie? Rumena, perché?

  6. @2059 che fai il furbo prima erano tunisini poi egiziani per la primavera araba poi sono diventati somali poi libici ora siriani ma i palestinesi mai mancò i libanesi che sono in guerra da 40 anni guarda caso guerra causata dalla Siria di Sadat padre foraggiato dalla Russia ex unione sovietica per controbilanciare l’esercito israeliano isis ma se vuole il peggior presidente degli stati unitin
    Li fa fuori in una settimana ma forse fanno comodo per destabilizzare ora c’e’ un limite a tutto dunque caro amico studiati la storia per bene a Brescia
    Solo di extra sono il 20 per cento piu’ bulgari rumeni e compagnia.
    La

  7. @1809 sei molto furbo a non rispettare il pensiero delle persone poi fai il buonista ed il buon samaritano ma vergognato un po e non dare del pirla alla gente maleducato.

LEAVE A REPLY