Tessile, a Brend il mondo dei filati made in Brescia

0
Bsnews whatsapp

Inaugurata ieri mattina la mostra, in programma in settembre a BREND e dedicata al settore tessile, che ha come testimonial dodici imprese della filatura, della tessitura, dei calzaturieri, della calzetteria, dei retifici e delle confezioni: Bonadei, Cittadini, Condor Trade, Cotonella, Disco Blu 2, Facenti, Filmar, Maris, Montecolino, Monticolor, Progetto Maglia e Saccheria Franceschetti. A fare da cornice alla rassegna fino al 27 settembre un colorato arredo di piazzetta Sant’Alessandro ideato da Luigi Franceschetti.

Il percorso espositivo si sviluppa attraverso ambienti in cui sono ospitate installazioni realizzate con oggetti di diversa natura provenienti dalle aziende che hanno aderito alla proposta. Le realizzazioni sono accompagnate da fotografie e testimonianze che presentano i differenti aspetti della creatività e delle tecniche di produzione adottate.

Tutti gli exhibit "provengono – ha spiegato Michela Facenti presidente degli imprenditori tessili di AIB – dalle realtà imprenditoriali presenti, coerentemente con le precedenti mostre realizzate a BREND, basate sull’idea di dare voce alle imprese partecipanti esclusivamente attraverso i loro prodotti e la loro tecnologia".

Una particolarità della mostra, e vera e propria eccezione rispetto alla “filosofia” delle esposizioni di BREND, è costituita dalla presenza di un’opera di Fortunato Depero (1892-1960), pittore della corrente futurista, scenografo, grafico pubblicitario, artista con una spiccata simpatia per le arti tessili dato che si dedicò alla realizzazione di arazzi e di eclettici capi di vestiario, di cui sono eccellente testimonianza i famosi “panciotti”. L’opera esposta è “Rosetta al telaio”, 1922, tempera all’uovo su panno di lana applicato su canovaccio di cotone, proveniente da una Collezione Privata e da decenni non esposto in pubblico.

Per il tema e per la personalità innovatrice dell’autore, quest’opera bene interpreta lo spirito della mostra che si sviluppa nelle sale al piano terra di Palazzo Martinengo Colleoni e che vuole raccontare l’eterogeneo mondo del tessile a 360°, sia presentando un panel di imprese estremamente diverse tra loro, dalle grandi realtà manifatturiere a quelle artigiane, sia "raccontando – ha detto Giuseppe Ambrosi presidente Camera di Commercio – i diversi universi che riguardano il settore: le fibre tradizionali e quelle tecnologiche, i prodotti di differenti tipologie di fashion o di materiali per arredo, le macchine di ieri e quelle di oggi".

“Tessile” costituisce un modo "per conoscere meglio – ha sottolineato il presidente di AIB Marco Bonometti -. un settore produttivo che – con i cotonifici sorti lungo la valle dell’Oglio e lungo quella del Chiese – storicamente è stato di grande importanza per il bresciano e che anche oggi è caratterizzato da una grande vitalità imprenditoriale del settore che ha saputo adattarsi ai cambiamenti del mercato".

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

RISPONDI