Omicidio Seramondi, gli 844mila euro di Frank sono un tesoretto nero

34

Gli 844mila euro che i coniugi Seramondi, Frank e Giovanna, tenevano in casa erano con ogni probabilità frutto di anni di “nero” accumulato. I due, freddati in una mattina di agosto nella loro pizzeria di via Mandolossa, negli anni di attività erano riusciti a tenere lontani dall’Erario quasi 850mila euro.

Soldi che quindi non c’entrerebbero nulla con l’omicidio, che il reo confesso Adnam continua a dire frutto della gelosia per il volume d’affari della pizzeria di Frank. Il giorno dell’omicidio Frank stava contando una mazzetta da 6 mila euro, probabilmente frutto di altro “nero” ed era solito segnare su un registro il nero di giornata.

Comments

comments

34 COMMENTS

  1. Dispiace per la tragedia dell’omicidio, ma questi, nonostante molti si affannino a blaterare di poche “mele marce”, sono un classico esempio di imprenditoria italiana: soldi in nero (ecco la colossale evasione fiscale) e debiti non saldati a nastro. Se gente che produce pizzette e brioche accumula milioni (850.000 li hanno trovati, chissà quanto hanno speso o imboscato altrove negli anni), figuriamoci chi si dedica ad affari di maggiore portata… Ma i beoti si fanno fregare volentieri e se la prendono con i politici, con i dipendenti pubblici, con gli immigrati e soccombono di fronte a qualsiasi arma di distrazione di massa.

  2. Moralmente meno condannabile lui che comunque se li è lavorati rispetto a chi ottiene 100 euro puntandoti un coltello alla gola

  3. Ecco il solito che non ama gli imprenditori e i commercianti naturalmente ! Come se la sua radio quando fa la festa dichiarasse tutto quello che incassa ! Beota sei tu che hai le fette di salame e se le pizzette rendono così tanto …. perché non le fai anche tu invece di scaldare la sedia in qualche ufficio pubblico ! Come faccio a saperlo ? Ben ….. dai tuoi sproloqui non puoi che essere uno che lavora nella pubblica amministrazione e che un negozio l ha mai gestito ! Con questo comunque NON DIFENDO questo FRANK che aveva in casa oltre 800.000 euro in nero ! NO NON LO DIFENDO PER NIENTE ! ma non tutti i commercianti e gli imprenditori sono di questa pasta !

  4. Quasi 850.000 in contanti (solo) in casa e doppia contabilità, come tutti da sempre. Non c’è nè da meravigliarsi nè esprimere giudizi di alcun tipo. Ricordo solo che a quei 120 miliardi di evasione fiscale ogni anno (su quasi 400 di imponibile) si contrappongono quei dipendenti e quei pensionati che rappresentano l’87% del gettito IRPEF totale e che tutta la vita hanno pagato, pagano e pagheranno le tasse fino all’ultimo centesimo di euro. Così è, se vi pare, direbbe Pirandello…

  5. 850.000 : 35 anni : 12 mesi= circa 2.000 euro al mese = 66 euro al giorno ci sta con l'incasso m. Il frutto di una vita di lavoro, certo magari non dichiarando tutto, ma se li è lavorati. Tanto sacrifici e poi triste destino

  6. Quei dipendenti e quei pensionati che non lo possono fare. Poi ci sono quelli che i soldi non se li sono guadagnati ma hanno sempre ricoperto cariche al di sopra delle loro capacità e strapagati ma non in nero. E qui entriamo nel discorso dell’etica sul quale ognuno ha la sua da dire…. Ecco alcuni dei mali del nostro paese.

  7. E più condannabili coloro che per essere amici degli amici, aver vinto, non si sa come un concorso ma non sapere fare o col bicchiere, ha ottenuto posti pubblici ben pagati, tranquilli, dove non rischi il posto, non hai il pensiero di crearti una clientela, non rischi niente di tuo, hai degli orari e oltre a quelli fai ciò che vuoi, non hai pensieri e a fine mese ti arriva sempre e comunque lo stipendio, anche se ti ammali.

  8. Bella questa. I pensionati in Italia pagano ancora una valanga di tasse diversamente da gran parte di moplti paesi anche europei. I dipendenti strapagati sono un problema dei datori di lavoro che li pagano e non li sanno valutare oppure controllare, se preferisci. Ma più li pagano e più euro entrano nelle casse dello Stato e pure dell’INPS. Invece, quando si parla di evasione fiscale o contributiva (150 miliardi di euro in totale) si parla di furbi o di ladri, che lo fanno intenzionalmente e premeditatamente sottraendo denaro che non viene investito in scuole, pensioni, assistenza sanitaria, e chi più ne ha più ne metta. Ci siamo capiti ?

  9. Guarda che non esistono datori di lavoro che strapagano i loro dipendenti. Succede solo nel pubblico o nel parapubblico e i risultati li vediamo tutti i giorni quando hai a che fare con loro che non capiscono niente e quando fanno qualcosa la fanno sbagliata, tanto paghiamo tutti. In questo senso è l’etica che dico che vale anche per l’evasione. Mettere persone incapaci crea danni pari all’evasione che poi paghiamo tutti noi cittadini con servizi inefficienti, aumenti di tariffe e burocrazia inutile, capito? Solo che l’evasione non è legittimata mentre quelli di cui sopra nessuno li può spostare e, se non hanno etica, possono fare quello che vogliono alle spalle dei cittadini, capito?

  10. Facciamo una cosa: ai pensionati togliamo l’irpef, però li mettiamo a contributivo, cioè ricalcolo della pensione in base ai soli contributi versati. Per chi prende tanto e quindi paga tante tasse e contributi perchè dipendente, facciamo un’altra cosa: raddoppiamo gli assunti e dimezziamo gli stipendi, così diamo una mano a chi non ha lavoro e equipariamo le retribuzioni. Diminuiamo le retribuzioni dei dipendenti pubblici perchè non rischiano il licenziamento, e combattiamo seriamente l’evasione fiscale. Chissà che finalmente si incominci a fare giustizia sociale e le risorse vengano veramente distribuite per i meno abbienti…

  11. Comunque siano i commenti, gli 850.000 euro in nero nascosti “sotto il materasso” sono una vera porcata che sommata agli altrettanti miliardi di euro sottratti all’erario equivalgono ai disservizi pubblici e all’inefficienza dello Stato che di suo poi ci mette anche la corruzione e così si fa bingo! Che dire allora quando all’unisono si dice che l’Italia è un paese del cavolo, eufemisticamente parlando, e del malaffare?

  12. Quanti ipocriti… Mai successo di fare straordinarie in nero , dentista, meccanico , dottore ? Se dite di no siete dei grandi bugiardi ! E allora non giudicate gli altri .

  13. Ipocriti ? Le ore straordinarie paget in nero fatte da dipendenti ? Ovvio, ma il ladro (si chiama evasione fiscale e contributiva) è il datore di lavoro che in più ti obbliga a farle se no, di questi tempi, ti manda via a calci in culo e assume un altro. Roba da matti…

  14. Non ci credo che il datore di lavoro ti obbliga altrimenti ti licenzia … Se fosse così… Le altre cose che ho scritto . Mai pagato un dentista un meccanico uno specialista ecc… Se dici no non ti credo . E non dire che sono loro gli evasori . Lo sei anche tu .

  15. Che lavoro fai? Hai famiglia, parenti, amici? Lo chiedo perché o non lavori e non hai relazioni sociali, oppure non puoi non renderti conto, anche solo parlando con altri, di cosa vuol dire lavorare da dipendente, non puoi non sapere che (a maggior ragione dopo il Job’s Act) l’arbitrio dei datori di lavoro è totale. Sulla complicità sostanziale di molti con gli evasori, hai ragione, ma è lo stesso rapporto che c’è tra tossico e spacciatore: chi è il vero “delinquente”? Chi spaccia (leggi chi evade), o chi consuma (leggi chi paga senza ricevuta)?

  16. Si deve pagare un dentista, un meccanico in nero perchè solo così ottieni lo sconto e non per avere garantito un prezzo giusto? Stiamo scherzando? Io pretendo di volere i servizi essenziali per la mia vita perchè pago le tasse, e devo vedere gli stessi servizi erogati ad uno che evade? Forse viviamo su un altro pianeta, oppure, come sembra più logico capire questo pianeta si chiama Italia dove i marziani guardano la pagliuzza delle proprie miserie e non sembrano voler vedere la trave che li schiaccia?

  17. Quindi siamo sempre al solito discorso della mediocrità in tutto: nei servizi, nel pubblico che non funziona e nella lotta all’evasione. Ma forse è anche la gente che è mediocre così….

  18. Brava gente … Tutti capaci di pontificare e fare i moralisti con i soldi degli altri.. Poi appena possono fottono e fregano a più non posso… Siamo proprio figli dei preti .. Fate quel che dico ma non fate ciò che faccio.

  19. Già, ma questo comporta anche rinunciare ai propri privilegi, quindi la vedo alquanto difficile questa rivoluzione e le riforme mancate di sempre parlano chiaro….

  20. Alcuni anni fa ho lavorato in un negozio dove 8 clienti su 10 chiedevano di pagare in contanti pretendendo sconti, perchè altrimenti andavano da un’altra parte a comprare dove sapevano che potevano pagare come volevano…. e tanto erano privati che non potevano scaricare!!!! Nessuna commessa ha avuto la mia stessa esperienza??? Concordo in pieno con Eva!!!

  21. Fare le riforme vere significa quindi togliere anche alla gente comune che non si rende nemmeno conto che anche lei ha i privilegi. Chi sta male non viene mai tutelato e quindi nulla mai cambia….

  22. Come lo è chi ricopre posti pubblici ben pagati senza fare il proprio dovere e creando problemi e costi ai cittadini!

  23. E’ difficile dare giudizi: li avessi avuti Io, sarei andato a vivere ai tropici da un bel pezzo, guarda invece che fine hanno fatto…

  24. Torno a leggere quanto scritto da BSNEWS nei giorni del tragico episodio: “Era la terza attività che Frank e la moglie avviavano, le due precedenti non erano andate bene e pare che anche questa non fosse in solidità economica.” Non aggiungo commenti.

LEAVE A REPLY