Piromane seriale beccato con timbri e ricettari rubati. Obbligo di firma

0
Bsnews whatsapp

Nel pomeriggio di sabato, intorno alle 16.30 circa, una Volante è intervenuta in via Barberis a seguito di una segnalazione di lite in strada.

Giunti sul posto gli agenti hanno costatato che uno dei due litiganti era una persona nota. Trattasi di P.D., del 1957, originario della provincia di Campobasso. L’uomo, che dal mese di luglio scorso risulta gravato della libertà vigilata, è noto alle forze dell’ordine per i numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio.

Prima dell’estate scorsa l’uomo si è infatti reso responsabile di numerosi episodi di danneggiamento nei confronti di autovetture a cui lui stesso aveva dato fuoco.

Nello specifico, sabato pomeriggio scorso, P.D. ha incontrato un suo conoscente in strada e i due hanno iniziato a discutere. Riconosciuto da alcuni residenti quale l’autore di uno degli episodi di danneggiamento avvenuto vicino alla loro palazzina, la lite stava iniziando a coinvolgere più persone.

L’arrivo della Volante ha riportato la calma. Gli agenti nell’ascoltare quanto era accaduto hanno notato che P.D., sotto il giubbino lasciato aperto, indossava una fondina in pelle nera vuota.

Temendo che l’uomo potesse essere armato hanno proceduto alla sua perquisizione riscontrando l’assenza di armi ed il possesso invece di 3 grammi di hashish, suddivisi in quattro dosi pronte allo spaccio.

La perquisizione del suo domicilio, avvenuta nonostante le sue minacce e la sua resistenza, ha permesso inoltre agli agenti di rinvenire diversi timbri intestati ad enti diversi nonché a medici operanti in città con relativi blocchetti intestati.

La droga è finita sotto sequestro, mentre i timbri e i blocchetti sono stati restituiti ai legittimi titolari. P.D. è stato quindi tratto in arresto per detenzione illecita di stupefacenti ai fini di spaccio, resistenza a Pubblico Ufficiale, detenzione illecita di segni distintivi e ricettazione.

Convalidato il suo arresto, nei suoi confronti è stato disposto l’obbligo di firma per tre volte a settimana presso l’autorità di Pubblica Sicurezza.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. e voi uno così klo lasciate libero di circolare, cosi magari mentre viene a firmare incendia ancora un paio di auto? che giustizia del piffero

RISPONDI