Terrorismo, armi sequestrate nel blitz. Il jihadista di Chiari: Dio distrugga la Francia

7

Nel blitz di questa mattina che ha condotto all’arresto di Samet Imishti con l’accusa di apologia del terrorismo e istigazione all’odio razziale, gli inquirenti hanno sequestrato anche diverse armi tra cui una carabina russa e una pistola calibro sette di fabbricazione slava.

A confermarlo durante la conferenza stampa che si è tenuta questa mattina in Questura a Brescia il capitano della Direzione Antiterrorismo della polizia kosovara, Blerim Rama. La collaborazione tra Italia e Kosovo nell’inchiesta denominata “Van Danne” è stata determinante per raggiungere il risultato odierno ed individuare i potenziali terroristi.

“E’ stata una collaborazione unica nel suo genere – ha spiegato il capitano Rama – grazie alla quale oggi abbiamo due armi in meno in circolazione e una persona arrestata in Kosovo che ha appoggiato apertamente il gruppo terroristico dello Stato islamico”.

Persona che aveva la sua base operativa italiana a Chiari, dove questa mattina gli agenti della Digos hanno trovato il fratello, e che su Facebook lanciava messaggi del tipo: “Dio distrugga la Francia, oh Signore, che fino a ieri i suoi aerei in Siria non hanno lanciato caramelle…” – o ancora – “ Allah è grande, se Allah vuole domani altri 1500”.

Comments

comments

7 COMMENTS

  1. Possedere un paio di pistole a Pristina è il minimo per campare, e poi, vogliamo credere che il terrorismo su annuncia con dei post o dei like su Facebook?? Ma mi faccia il piacere… Notizie ad usum lega

LEAVE A REPLY