Ztl in centro città, nuovi occhi elettronici a vigilare gli ingressi senza permesso

0
Bsnews whatsapp

Controlli più serrati in centro città per evitare scarichi illeciti e passaggi non permessi. Nuove telecamere di sorveglianza saranno disposte tra piazza Arnaldo, piazza Loggia, corso Zanardelli e l’ex Tribunale per controllare che non vengano violate le zone Ztl.

le ultime arrivate vanno ad aggiungersi alle sedici videocamere esistenti: saranno poste, come riporta il Giornale di Brescia, nel tratto ovest di via Musei, che porta in piazzetta Tito Speri, in via Trieste, in via Cattaneo e in via Bronzetti.

Per chi violerà le regole e le zone a traffico limitato la sanzione è di 80 euro. 

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. 'Chiuderemo il centro alle auto!' Disse il candidato sindaco. Da allora siamo ancora alle scelte di Rolfi: tutti dentro! Nonostante metropolitana, autobus, un centro da soli 2 km per 2 km, parcheggi sopra e sotto terra… Siamo fermi agli anni Sessanta con questo gruppetto inadeguato al potere.

  2. E voi avanti a credere a queste amministrazioni di centro sinistra che hanno rovinato la città, ci hanno indebitato a vita e reso la qualità della vita allucinante. Per non parlare delle periferie…

  3. ohhh come rimpiango la giunta dei paroli, degli arcai, dei LABOLANI!!!! ohhhhh come la rimpiango! di sicuro c’era meno serieta’ e ci si divertiva assai!!! tornate tornate vi prego

  4. Il centro sinistra ha fallito e questo è sotto gli occhi di tutti (da Trebeschi in poi). Trovare un’alternativa capisco che non sia facile, e non è detto che debba essere la destra. Di fatto chi ha govrernato negli ultimi 35/40 anni (se escludiamo il periodo di Paroli) sono stati sempre loro e hanno fatto disastri che continuiamo oggi a pagare.

  5. Vero. Paroli, Rolfi, Arcai, Labolani, Vilardi, Di Mezza: questi sì che hanno lasciato il segno e cambiato l’aria di Brescia. Dall’incompetenza all’improvvisazione, dagli annunci alle chimere, dai proclami alle gaffes, li ricorderemo come “i dilettanti allo sbaraglio” della Corrida pubblica cittadina.

  6. In primis: nell’elenco manca il top, cioè l’assessore al commercio che fu, il grande Margaroli. Ciò detto, non c’è da stare allegri. L’attuale assessore all’ambiente ha affermato che la situazione dell’aria non preoccupa perché se è vero che d’inverno abbiamo dei picchi d’inquinamento largamente fuori soglia è anche vero che il dato annuo è nella media. Come dire che se anche fai un’indigestione da crepare, non ti devi preoccupare se per 300 giorni all’anno non hai mangiato. Dove l’hanno pescato questo signore?

  7. Loro almeno hanno governato poco, gli altri, oltre ad essere stati incompetenti camuffati da “sapientoni”, alla radicalchic hanno purtroppo governato per decenni, rovinando irrimediabilmente questa città…

RISPONDI