Giovani alpinisti bloccati in Alta Valle Camonica, complesse le operazioni di soccorso

0

Bloccati su una cascata di ghiaccio nella zona del Pisgana, in Alta Valle Camonica, nel territorio del Comune di Ponte di Legno, due ragazzi di Vestone (BS), entrambi di 28 anni, ieri nel tardo pomeriggio si sono trovati in difficoltà perché non riuscivano più a proseguire. Hanno quindi chiesto soccorso e la Centrle operativa del 112 ha immediatamente contattato i tecnici della V Delegazione Bresciana, competente per territorio. L’allertamento è giunto intorno alle 16:45; dopo avere localizzato i due giovani alpinisti, sono subito partite le squadre territoriali appartenenti alle Stazioni di Ponte di Legno, Temù ed Edolo; sul posto anche i militari del SAGF (Soccorso alpino Guardia di Finanza) di Edolo. I tecnici si sono diretti prima verso la zona dell’intervento, fino a dove era possibile spingersi con i mezzi fuoristrada, poi hanno dovuto proseguire a piedi per circa un’ora, con zaini e attrezzatura di soccorsoal seguito, fino a raggiungere la base della cascata.

L’eliambulanza di SOREU non poteva decollare perché fuori effemeridi. L’intervento si è presentato subito come estremamente tecnico: i ragazzi erano impossibilitati a proseguire, appesi alla parete ghiacciata, fermi al quarto tiro della cascata. I tecnici del Soccorso alpino sono risaliti e li hanno raggiunti; i due alpinisti erano illesi, seppure in difficoltà; sono stati messi in sicurezza e portati prima fino alla base della cascata, poi valutati dal medico e trasportati a valle con l’elicottero della Rega, abilitato per il volo notturno a vista, inviato sul posto dalla centrale operativa della SOREU. Oltre alle difficoltà oggettive legate all’ambiente impervio, che richiedono la massima attenzione, a rendere particolarmente ardua l’operazione si è aggiunta anche l’oscurità, che di per sé rende ogni manovra più complessa e delicata. L’intervento si è comunque concluso positivamente intorno alle ore 1:30, con il rientro in base delle squadre.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. L’elicottero della Rega (Guardia Aerea Svizzera: La Rega si basa sul sostegno delle sue sostenitrici e dei suoi sostenitori. Per ringraziarli può condonare loro i costi d’un intervento qualora questi non fossero coperti dalla cassa malattia o dall’assicurazione contro gli infortuni)…..spero che i due abbiano stipulato una buona assicurazione……. non ricordo se tessera CAI/FISI vale per la Rega.

LEAVE A REPLY