Nuovo centro Ikea, Rolfi: da Del Bono e Pd solo lacrime di coccodrillo

25
Bsnews whatsapp

“Il Sindaco di Brescia si dice molto preoccupato dal mostro di cemento che sta sorgendo ai confini della città, nel comune di Roncadelle, quello che a breve rappresenterà il centro commerciale più grande d’Italia. Ha ragione a dispiacersene, perché questa struttura potrebbe dare il colpo di grazia ai commercianti del centro storico. Peccato però che il progetto in questione sia stato proposto, voluto e difeso del Partito democratico, di cui Del Bono è importante esponente”. Così Fabio Rolfi, vice capogruppo del Carroccio in Regione Lombardia.

"Roncadelle infatti, storico feudo del Pd, è il Comune con la più alta concentrazione di centri commerciali del Paese, e ciò rappresenta una conseguenza di precise scelte di programmazione urbanistica e commerciale. Quando negli anni scorsi qualcuno evidenziava le criticità cui saremmo andati incontro, dal Pd cittadino, e dall’allora capogruppo in Loggia Del Bono, non sono arrivate parole di critica verso l’amministrazione di Roncadelle, guidata fra l’altro dall’attuale segretario provinciale, Michele Orlano. Le tardive, e interessate, preoccupazioni odierne appaiono quindi come vere e proprie lacrime di coccodrillo, buone soltanto per ingannare qualche cittadino distratto."

"Il mostro commerciale di Roncadelle – chiosa Fabio Rolfi – ha una precisa paternità politica, quella del Partito Democratico, le cui responsabilità riguardano anche il sindaco di Brescia."

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

25 COMMENTI

  1. Behhhh, certamente il nostri Sinadaco, il TENTENNA, non è che abbia scoperto solo oggi del MOSTRO DI CEMENTO che sta nascendo ai confini con Rondelle – se così fosse sarebbe veramente preoccupante! E’ che adesso in questo modo ALZA LE MANI e recupererà qualche voto dicendo: MA IO NON ERO PROPRIO D’ ACCORDO! La solita politica di chi NON DECIDE MAI NULLA!

  2. Rieccolo. Giusto, ma da che pulpito arriva la predica? Consiglierei a Rolfi di fare un giretto attraverso la lombardia dove loro governano da decenni per godersi il territorio che loro hanno devastato e trasformato in una colata di cemento. Ma stai zitto!

  3. Nell’ormai lontano 2013, in data 26 e 27 maggio, si tennero le elezioni comunali che decretarono la sconfitta della Giunta Paroli (ex sindaco praticamente inesistente le cui veci erano nelle mani dell’allora vicesidaco Fabio Rolfi). Proprio il giorno antecedente la prima tornata elettorale si tenne una riunione di Giunta che si chiudeva con la Delib. n. 289 – 25.5.2013 N. 56590 P.G. il cui verbale riporta “Con i voti favorevoli di tutti i presenti; di approvare, ai sensi del combinato disposto degli artt. 92, comma 1, e 14 della L.R. 12/2005 e ss.mm.ii., il Programma Integrato di Intervento, conforme al P.G.T. vigente, riguardante l’area in località S. Eufemia di proprietà Lonati S.p.A. e Santoni S.p.A..”
    In pratica di dava l’autorizzazione al centro commerciale Lonati la cui realizzazione è prevista in Viale S. Eufemia all’incrocio con la Serenissima.
    Ci può spiegare il nostro amico Rolfi che differenza c’è tra le sue lacrime e quella del coccodrillo Del Bono?

  4. balena bianca sempre operativa a brescia come prima piu’ di prima tutti ex dicci che se le fanno se le dicono e sempre loro se le combinano e intanto negozi chiudono gente perde il lavoro e per fortuna c’e’ la ripresa

  5. Sbagliate entrambe, con la differenza che l’aera Lonati non mi sembra che sia partita, mentre questo mostro è lì da vedere. Per te invece è giusto questo mostro?

  6. Il MOSTRO CHE NESSUNO CI INVIDIERA’ è già lì da vedere e intanto …. centinaia di persone ignare moriranno di tumore per l’ assalto dei gas delle automobili che invaderanno RONCADELLE, CHIESANUOVA, CASTELMELLA, LE TANGENZIALI SUD e tutto quel circondario DEI TUMORI Altro che mettere le tangenziali a 90 Km/all’ ora ! Guarda caso tutti gli amminstratori di A2A, COMUNE, ecc. vivono tutti a nord della città !

  7. Hai ragione, Marco. Il problema è che dagli errori del passato non si impara mai: non solo non si pone rimedio a quelli passati (no inceneritore e chiusura A2A, sì pannelli solari) ma se ne continuano a fare. E intanto noi moriamo e stiamo qui a guardare che l’ha detto Rolfi e non lo può dire perchè governava, Del Bono sta zitto perchè governa, e qui quo qua ma nessuno che intervenga energicamente e faccia ciò che è giusto per la nostra salute.

  8. Per quanto riguarda il mostro è chiaro che per me non è giusto e che chi ha rilasciato l’autorizzazione non ha reso un buon servizio alla comunità.

  9. Questi politici ipocriti e indegni fanno disastri e dicono tutto e il contrario di tutto in base alle convenienze del momento e agli interessi della cricca! Basta vedere il caso della lottizzazione di via riccobelli! !! Che faccia tosta e che voltagabbana!

  10. Corsini ha stravolto la viabilità di tutta la zona di VIA MANTOVA pur di creare benefici ai suoi Compagni della COOP (peraltro sempre mezza deserta e che vivacchia …. – MEDIA WORLD nello stesso stabile ha già chiuso); poi ha sconvolto tutta la zona sud per creare benefici alla FRECCIA ROSSA e alla nuova sede della CGIL e rovinando così tutto il centro storico! Cosa pretendete che DEL BONO non voglia fare qualche favore alla COOP ROSSA del PD facendo finta di niente fino a qualche giorno fa sul MOSTRO al confine con RONCADELLE! Sempre con la solita solfa che COSI’ SI CREANO I POSTI DI LAVORO, ma in realtà si portano via alla campagna i posti di lavoro e si regala alla gente solo TUMORI di un’ aria irrespirabile come sarà ancora di più in tutta quella zona! Io ne sono scappato tre anni fa perché nella mia famiglia con tre bambini LA TOSSE INIZIAVA ad ottobre e terminava a GIUGNO ! Maledetti chi non pensa a queste cose e giustifica sempre tutti con I POSTI DI LAVORO!

  11. Di negozi in centro ne stanno rimanendo aperti pochi, ed ogni giorno ne chiude uno! I negozi rimasti aperti sono decisamente cari (a causa degli alti costi legati al centro) ed i commessi spesso non troppo simpatici, gli orari di apertura sono gli stessi orari in cui la gente lavora… Con la chiusura domenicale! Forse una maggiore flessibilità… E non serve a nulla fare un’apertura straordinaria ogni tanto, serve continuità! Senza dimenticare il problema parcheggi, e vivibilità del centro! Sembra usai che si faccia l’impossibile per scontentare il cliente, anzichè assecondarlo nelle esigienze ! Questo porta inevitabilmente a preferire altre situazioni commerciali per effettuare gli acquisti. È questo non a nulla a che fare con il nuovo centro Ikea (forse è un mettere le mani avanti per giustificare la chiusura dei prossimi negozi in centro). Anche il centro commerciale di Roncadelle ha sempre molti negozi con la serranda abbassata già da oltre un paio di anni (e non hanno aperto altri centri commerciali) se devo scegliere un centro commerciale cerco qualcosa che abbia la scelta, una buona varietà dei prodotti con commessi disponibili e gradevoli, purtroppo le risorse umane sono sempre meno motivate e questo incide molto sugli acquisti (sfido chiunque a dire che spende i suoi soldi anche se servito male!!!! Si cambia negozio!) inutile avere 50 negozi se poi sono quasi solo gioiellerie, profumeria, telefonia ed intimo… Esempio…perché in centro a Desenzano le serrande non sono abbassate nonostante l’apertura del centro commerciale Leone, il più gettonato della provincia??? Sindaco fatti delle domande, pensa da imprenditore una volta tanto!!!! Non andare contro alle novità ma cerca di trarne dei vantaggi… (Sistemazione del centro, abbassare i costi di gestione dei negozi in centro, aumentare la sicurezza, pubblicizzare ed incentivare i numerosi e sconosciuti siti storici, i musei, qualche giornata con ingresso gratuito, creare iniziative interessanti, qualche sagra enogastronomica, bus navetta gratuiti che dal futuro centro Ikea portino a visitare il centro – con i negozi aperti magari anche la domenica è con orario continuato- qualche idea buttata lì giusto per iniziare…. ) Caro Emilio, apri la mente! Vai incontro e non contro alle potenziali risorse!

  12. Il colpo di grazia se lo sono dati i commercianti con i prezzi altissimi, adatti ai consiglieri regionali che pare prendano diecimila euro netti al mese. Noi comuni mortali facciamo spese nei centri commerciali e dai cinesi.

  13. Evidentemente tu non PAISCI NIENTE DI NIENTE di DOMADA e OFFERTA! Forse non sai che un negozio in pieno centro ha un affitto di almeno 3.000-4.000 euro al mese! Ma è giusto che la gente vada come te vada nei centri commerciali dove arrivano negli weekend migliaia di automobili ma ti prego vai anche ad abitarci vicino a questi centri commerciali COSI’vedrai cosa vuol dire morire di inquinamento da traffico! Ma forse sono concetti che sono ben difficili da capire per gente che ama i centri commerciali! Ma non sai ad esempio che in centro c’è anche il mercato con prezzi adeguati? Ma certamente se devi mostrare il tacco 15, la cavigliera, i tatuaggi e il piercing nel naso … è giusto che tu continui a frequentare i centri commerciali!

  14. Quanto scrivete….parole inutili al mondo…andate in piazza se vi dà fastidio…….tutti che si lamentano e sono bravi a scrivere ….solo a scrivere…..

  15. Ma questo pseudo sindaco TENTENNA crede davvero che tutti sono tonti? Ma davvero fa finta di non sapere che questo centro è il risultato di scelte del suo partito? Davvero crede che il tutto non sia passato ben prima dalla segreteria provinciale del PD??? Caro Tentenna se vuoi sapere qualcosa chiedi in segreteria provinciale oppure chiedi molto vicino a te….. Magari a qualche “tecnico di fiducia”…… Via Riccobelli insegna….

  16. evidentemente chi ha voluto capire quello che volevo scrivere l’ ha capito: NON CAPISCI (NON PAISCI) NIENTE DI NIENTE DI DOMANDA e OFFERTA ………. ma un refuso sulla tastiera ci può anche stare o no?

  17. in centro non si avvicinano nemmeno i fast food, prima perchè non potevano, oggi per gli affitti troppo cari! è ora che le regole cambino, per conto mio in certe zone dovrebbero creare posti auto per residenti, ci sono negozi periferici che potrebbero diventare garages, garantire più sicurezza, aumentare la popolazione cittadina senza sfruttare territorio, Brescia dovrebbe tornare il polo d’attrazione mentre la gente scappa per raggiungere paesi dormitori. La cultura ha fatto passi in avanti, eventi sicuramente che hanno trovato consenso ma se poi si gira in centro il martedi, mercoledi, giovedi non c’è nessuno!!! la zona stazione è ancora oscena, in città nessuno rispetta i limiti di velocità! Queste sono i punti che l’amministrazione deve prendere in mano!

  18. Avendo visto e vissuto personalmente l’epoca in cui il centro storico era pure il centro della vita e delle attività commerciali, la situazione attuale è purtroppo il risultato di un mix di più cause concomitanti, complementari e forse complesse. Condivido molte riflessioni nei commenti all’articolo, ma c’è realisticamente da chiedersi quali siano le ricette concrete che permettono a piccoole realtà commerciali, in centri storici analoghi per dimensione al nostro, di sopravvivere dignitosamente. Un problema di abitudini e di stili di vita profondamente cambiati ? I flussi turistici che da noi latitano ? Un complesssivo degrado legato a situazioni ambientali, sociali ed edilizie ? Problemi di corretta gestione del traffico e dei parcheggi ? Il proliferare eccessivo dei centri commerciali, degli outlet, dei megastore, delle vendite on-line e dell e-commerce ? Tutto vero, ma se si parla di responsabilità amministrative e politiche, cosa fare e da dove partire francamente non è oggi così facile.

  19. madaiiiiiiiiiiiiiiii iiiiiiiiiiiiiiii Roncadelle il comune amministrato dal coordinatore provinciale del PD, Orlando…. avevano già Provato a Leno qualche anno fa con il coordinatore provinciale Bisinella, maqualcosa andò storto.
    ora il PD ci è riuscito a Roncadelle.
    W la coerenza!

  20. Roncadelle fu amministrata da Orlando dal 2005 fino a giugno 2015: il primo cottadino è oggi Damiano Spada. Ma ininterrottamente dal 1973 ad oggi il paese è stato amministrato da Sindaci di sinistra: 1973-1992 Tobanelli (Partito Comunista Italiano), 1992-2005 Ragni (PDS / DS), poi appunto 2005-2015 Orlando (DS/PD) e oggi Daminai (PD). Magari per questo, a partire dall’insediamento nel 1974 di uno dei più grandi ipermercati d’Italia del Gruppo Rinascente sino all’Ikea di oggi, Roncadelle detiene un invidiabile primato (da Wikipedia): è il primo paese a livello europeo (!) in fatto di spazi commerciali pro-capite. Domanda curiosa rivolta al Sindaco attuale: cosa si costruirà dopo il megastore Ikea ?

  21. Wow Del Bono attentissimo al territorio se si è accorto solo ora che stanno costruendo. Ora vai a dire agli operai o ai padroni “Ragazzi via di qui. State rompendo. Via Via Via Sciò. I soldi che avete investito finora buttati nel cesso perchè, Ohibo, mi sono accorto che state facendo un altro centro commerciale”

RISPONDI