Allarme frane in Valcamonica, necessari fondi per 88 milioni di euro

0

Non si placa l’allarme frane in Valcamonica. Dopo tre giorni di pioggia il terreno ha iniziato a cedere.  Grave la situazione a Corteno Golgi, vicino all’Aprica:  300 metri cubi di roccia hanno invaso la strada che porta alla frazione di Sant’Antonio. Altri casi ci sono stati a Braone dove sono caduti alcuni massi pesanti e due le abitazioni evacuate. Infine,  a Loritto, frazione di Malonno, un masso di un metro e mezzo di volume è caduto sulla strada comunale.

"Questi tre episodi non erano prevedibili – spiega al Corriere della Sera, Gian Battista Sangalli responsabile dell’ufficio che si occupa di dissesto idrogeologico nella comunità montana -. Questo però non ci induce a sottovalutare i rischi: gli ultimi studi, che hanno riguardato tutti gli 84 sotto-bacini del fiume Oglio, rivelano che per metterli in sicurezza servirebbero opere e interventi per 88 milioni di euro".  Negli ultimi dieci anni, per la regimazione dei torrenti e per la bonifica dei versanti, ne sono stati spesi venti.  

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome