Sesso con un sedicenne. In 6 ai domiciliari. Emergono sms e chat eloquenti

0

Telefonate, sms e chat in Whatsapp che non lascerebbero spazio a dubbi, in cui si parla di sesso, si chiedono incontri, si fissano appuntamenti e si commentano perfino i rapporti consumati con il proprietario del telefonino, dal quale le forze dell’ordine, su segnalazione dello stesso minorenne (17 anni appena compiuti, 16 all’epoca dei fatti)  sono risaliti ai profili degli otto adulti coinvolti nell’inchiesta bresciana. Sei persone sono finite agli arresti domiciliari su ordinanza del Gip del tribunale di Brescia, una ha obbligo di dimora e un’altra è indagata a piede libero.

Gli adulti tra loro non si conoscevano, ma erano entrati in contatto con il ragazzino  tramite face book e il sito di incontri Badoo. In cambio delle prestazioni sessuali consumate nelle abitazioni o sul posto di lavoro degli adulti venivano offerti regali, ricariche telefoniche, pranzi, cene, ma anche denaro.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Quanti insospettabili ci sono in giro. Molti in giacca e cravatta. Quanti ne stanno beccando e quanti (per ora) la fanno franca. Pervertiti!

  2. Mi metto nei panni dei genitori di questo ragazzino e mi sento mancare. Accade lo stesso se penso a quegli adulti, che potrebbero essere i loro padri o addirittura nonni. In che direzione va questa società? Ho i brividi

  3. Al di là delle convenzioni normative sulla maggiore / minore età, mi chiedo (e vi chiedo) se un 16enne di oggi sia da considerare sempre e solo vittima delle perversioni di qualche “adulto” deviato, e non piuttosto un soggetto consapevole che sa come muoversi in un mondo così corrotto.

  4. Un sedicenne è consapevole come può esserlo un sedicenne, forse più di quanto si immagini, ma comunque meno di un adulto. Se ti stai chiedendo di chi siano le maggiori responsabilità, credo che tocchi agli adulti prendersele.

  5. La stragrande maggioranza di chi si prostituisce ha subito abusi da minore. C’é una cultura perversa ed ipocrite che porta all’abuso di chi é più debole da parte di perversi e spesso impotenti (incapaci di relazionarsi con un/una partner). Tutti i clienti delle prostitute andrebbero pesantemente puniti, perché sono i detentori responsabili di questa cultura perversa.

  6. Alcuni obbiettano che a sedici anni qualcuno è cosciente o meno…. Io non discuto, la legge è chiara! Per cui se sono colpevoli vadano in galera per anni questi adulti!

  7. Sul Corsera-Brescia ci sono i nomi. Bresciani e italiani, non extracomunitari. Vale anche per i nostri bravi bresciani e italiani la regola della castrazione chimica tante volta invocata in questi casi per gli extracomunitari ?

  8. Prima si prostituisce poi quando ha finito di racimolare denaro e altro fa segnalazione. Mi auguro che oltre agli sfruttatori venga segnalato anche lui come prostituto!

  9. Certo, vale per tutti! Perchè, avevi dei dubbi? Se mi violentassero mio figlio di 10 anni secondo te farei finta di niente se fosse bresciano mentre invece farei fuoco e fiamme per uno straniero? Ma sei normale?

  10. Siamo tutti curiosi di conoscere il nome del “noto bresciano” arrestato, persona che ricopre un ruolo importante in città.

  11. il solito pirla che la butta sempre sul polemico. Ne abbiamo gia’ tanta di delinquenza che non ne abbiamo certo bisogno di importarne. Sia di extra che di comunitaria. Sia di africani e asiatici che di svizzeri e auatriaci. Chiaro?

LEAVE A REPLY