“Cartelli contrari al codice della strada”. Il Ministero ne chiede la rimozione

0

Ricordate i discussi cartelli affissi all’ingresso di Pontoglio dalla giunta comunale bassaiola? Nei mesi scorsi avevano fatto scalpore per il loro contenuto: "paese a cultura Occidentale e di profonda tradizione Cristiana. Chi non intende rispettare la cultura e le tradizioni locali è invitato ad andarsene".

Secondo il Ministero delle Infrastrutture quei cartelli vanno rimossi perchè non rispettano il codice della strada. Il sindaco Seghezzi, dunque, ha due settimane di tempo per rimuoverli. Obbedirà? Domanda lecita, visto che – ad oggi – non si è mai adeguato alle disposizioni della Prefettura, in linea con la tesi sostenuta dal Ministero. 

Comments

comments

1 COMMENT

  1. A questo punto immagino debbano essere rimossi anche i vari “Comune senza pregiudizi razziali”, “Comune per la pace” e così via. Giusto per rispettare il Codice della Strada.

  2. Soldi sprecati spesi inutilmente da seghezzi. Danno erariale e restituzione dei soldi altro che stare lì a pensare cosa fare. Ha trovato un modo banale per far parlare di se così come fatto in passato dal sindaco di Adro.

  3. Premetto che con o senza cartelli il pensiero delle persone non cambia.
    Quindi togliamo anche i " COMUNE DENUCLEARIZZATO" oppure quelli del comune di chiari che si definisce "CITTÀ DEL PALIO MEDIOEVALE " ?
    E Per gli ignoranti il razzismo non è quello !
    Ma in prefettura non hanno di meglio da fare ?
    PS.
    La legge va rispettata, sempre, quindi si dovranno togliere tutti i cartelli e rimandare a casa chi non ha un permesso di soggiorno !

  4. Sono anche ignoranti: non si dice paese A cultura, ma DI cultura. La A si usa per i motori: motore A benzina, A gol, A gasolio. Capirai che cultura…

  5. E bravo Gian, ben detto. Ma siccome vige la solita legge del menga, cioè i reati sono reati a secont, questo è un reato, quello dei clandestini no!

  6. tanto a loro cosa interessa intendo loro delle “ideone-populiste” ….. paga pantalone! In un verso e nell’altro verso sempre soldi nostri soldi pubblici. Avanti con gli aumenti delle tasse ,imposte, tariffe ,benzina, iva …..

LEAVE A REPLY