Dalla Regione 1,3 milioni per l’inclusione sociale

0

"L’intervento approvato oggi mette a disposizione 1,3 milioni di euro, che si aggiungono agli 1,8 precedentemente stanziati, per un totale di 3,1 milioni, per finanziare progetti finalizzati al recupero e alla prevenzione di persone a rischio di esclusione sociale con particolare riferimento ai giovani piu’ fragili, anche abusatori di sostanza, o senza fissa dimora". Lo ha detto l’assessore al Reddito di autonomia e Inclusione sociale di Regione Lombardia Giulio Gallera nel corso della conferenza stampa dopo Giunta, commentando l’approvazione della delibera con la quale vengono stanziati 1,3 milioni di euro dell’Asse II del Programma operativo regionale (Por), cofinanziato dal Fondo sociale europeo(Fse), riguardante inclusione sociale e lotta alla poverta’.

IMPEGNO REGIONE – "Una misura – ha rimarcato l’assessore – che evidenzia l’azione puntuale, precisa, e concreta, di Regione Lombardia nell’inclusione sociale e un’attenzione specifica per le aree urbane che presentano zone a rischio su cui intende agire per migliorarne le condizioni ambientali e di contesto. Un lavoro cominciato alcuni mesi fa che va ora a coprire tutte le aree urbane della nostra regione".

DESTINATARI – "I destinatari diretti – ha spiegato – , come detto, sono i giovani e le persone a rischio di grave marginalita’, anche abusatori di sostanze, che possono essere causa di conflitti sociali, ma sono anche destinatari indiretti i cittadini dei quartieri o dei territori in cui si realizzeranno i progetti sperimentali".

AZIONE SUSSIDIARIA – "Poiche’ Regione Lombardia opera una politica sussidiaria – ha continuato – i soggetti beneficiari sono i singoli Comuni o Associati, gli enti accreditati per la gestione di Udo (Unita’ d’offerta) socio-sanitarie, quelli accreditati per Udo sociali, le Organizzazioni del III° settore iscritte nei registri regionali o Enti ecclesiastici riconosciuti, le Ats o Asst e altri Enti pubblici che operano a livello territoriale".

AREE URBANE INTERESSATE E PROGETTI – Sono 10 le Aree urbane interessate dall’intervento approvato oggi – ha concluso l’assessore – che completa quello attivato lo scorso mese di marzo, con il quale erano stati stanziati 1,8 milioni di euro, per finanziare 22 progetti. Si tratta di Milano, Brescia per Valle Camonica, Como, Crema, Lecco, Lissone, Segrate, Varese, Vigevano e Voghera, per un totale di 13 progetti presentati, di cui 4 per Milano e 1 per tutte le altre province.

CONTRIBUTO E AREE URBANE – Il contributo e’ pari all’80% del progetto, fino a un massimo di 100.000 euro.

STRATEGIA POR FSE – "La strategia del Por Fse – ha concluso l’assessore – per rispondere alle nuove forme di marginalita’ e poverta’ e’ orientata a promuovere l’inclusione attiva e a favorire l’accesso a servizi sostenibili e di qualita’, in ambito sociale e sociosanitario, per ridurre i rischi di impoverimento maggiore. Essa, infatti, tiene conto del fatto che la poverta’, da fenomeno circoscritto, e’ diventata negli ultimi anni una minaccia per una parte consistente della popolazione, sia a livello europeo, sia sul territorio nazionale e regionale

Comments

comments

LEAVE A REPLY