Moschea abusiva a Orzinuovi, la Lega Nord chiede lo sgombero

27
Bsnews whatsapp

“Gli amministratori sanno, ma non intervengono”. A lanciare l’accusa è Federica Epis, segretario cittadino della Lega Nord di Orzinuovi, che con una nota critica l’amministrazione comunale “colpevole” di non far nulla contro la “moschea abusiva”. E invita il primo cittadino a procedere con lo sgombero.

“All’amministrazione comunale (durante il consiglio comunale di sabato 30, ndr) è stata rivolta un’interrogazione scritta per sapere se fosse a conoscenza del fatto che a Orzinuovi, in via Francesca, si svolgono attività di culto in sfregio alla legge, che non lo consente in quelle aree a destinazione commerciale. Purtroppo le risposte fornite sono state in tutto e per tutto deludenti”, spiega Epis, che incalza: “In sostanza Ratti e i suoi hanno dichiarato pubblicamente di voler chiudere gli occhi di fronte a quanto sta succedendo. La moschea c’è ma loro hanno deciso di non muovere un dito per dimostrarlo, cosa che sarebbe invece la soluzione per fermare al più presto la predicazione islamica e la scuola coranica nei locali dell’ex discoteca Primo Piano”.

“I peggiori terroristi che stanno insanguinando l’Europa si annidano nelle moschee, abusive o meno che siano. Non potendo chiudere i luoghi di culto legali – chiosa la leghista – bisognerebbe almeno sgomberare quelli abusivi. È un gesto suicida che l’amministrazione comunale dia tutta questa fiducia a quelle persone”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

27 COMMENTI

  1. I peggiori fanatici della diversità sociale si annidano nella lega e tu ne sei l'esempio. Prova ad andare alla gmg, respira l'aria della condivisione e poi ne riparliamo

  2. Qui, in un luogo senza permessi, si riuniscono persone abusivamente ed il sig prefetto, tanto solerte nel togliere i cartelli che ritiene discriminatori a pintoglio, qui non interviene e non dice nulla. Come sempre, due pesi due misure, a dimostrazione della malafede di chi invece dovrebbe essere imparziale con tutti…

  3. Considerazione, paladino delle diversità con gli italiani. Mi sembra che anche i romani vietassero ai cristiani di professare liberamente la propria religione. La storia non vi insegna nulla ?

  4. Se non lo capisci da solo chi sono io per insegnarti qualcosa che dovresti avere dentro. Se non capisci vuol dire che non vuoi capire e quindi evito di perdere tempo a spiegare ad un sordo cosa voglia dire condivisione. Spero che tu sia un buon genitore se no poveri figli

  5. La tua opera di condivisione nasce gia’ monca in pertenza, visto che non hai nemmeno la volonta’ di spiegarla. In piu’ fai come i preti: non ti affanni a convincere chi e’ lontano, meglio convincere chi la pensa come te. E’ piu’ facile, non costa fatica e non ti costringe al confronto. Se questi sono i presupposti per educare i tuoi figli, dio ce ne scampi…

  6. Qui parliamo di riunoni non autorizzate. Oppure, come sempre, per loro le leggi non valgono? Quanto ai romani, l’editto di costantino fu una questione politica
    E infatti da li’ la religione cristiana divenne potere…

  7. Cresci, vai a lavorare, datti da fare per il sociale e per i più bisognosi. Per il resto non c'è bisogno di parole. Fino a che non consentiamo di professare liberamente la propria religione a chi viene qui e viene sfruttato nelle fabbriche padane dei leghisti e della buona borghesia le cui mogli sono sempre in prima fila nelle chiese cristiane, non possiamo meravigliarci e scandalizzarci sulle moschee clandestine.

  8. Bravo, vedo che sei per la legalita’. Daltronde uno che pensa che a sfruttarli siano solo i leghisti, mentre il bravo cattocomunista che fa l’opera di bene di prendere una badante per 800 euro al mese scaricandole il vecchio di turno che in una struttura come si deve costerebbe almeno tre volte di piu’ non sfrutta la miseria? Dai, cresci, e capiscila una buona volta che qui e’ meglio che non vengano, che di problemi ne abbiamo fin troppi e questi finiscono per alimentare la gia’ tanta poverta’ che abbiamo…

  9. Prima vietano la costruzione di moschee e poi si lamentano che si incontrano per pregare dove possono. Autorizziamo le moschee secondo le regole, che devono permettere la libertà di religione e non proibirla di fatto. O vogliamo diventare come loro?

  10. Io razzista? Perche’? Perche’ nn la penso come te? Vedo che il tuo livello di democrazia eccelle… Sempre e solo verso chi ti da’ ragione. Se trivi chi ti contraddice senza offendere, allora vuoi mandare in esilio il dissidente, come facevano i fascisti. Non e’ che alla fine sei un fascista travestito da sinistro cattocmunista radicalcich? Ce ne sono tanti in giro…

  11. Ancora monumenti di culto… Facciamoli pregare nelle tante chiese vuote che abbiamo. Tanto ormai l’hanno capito tutti che bergoglio si e’ messo d’accordo con i musulmani: i cristiani hanno i soldi e gli islamici il potere di sottomettere…

  12. Sei razzista perché te la prendi con gli stranieri in quanto tali, ti ammanti di legalità ma anche l’apartheid era legale, anche la schiavitù. non vuol dire nulla la legalità se non parte dall’umanità. E quelli come te non ce l’hanno.

  13. Mettetevi d’accordo: se é una guerra di religioni allora cattolici e islamici non posso essere d’accordo. Se sono d’accordo allora é un’altra cosa. Che i razzisti siano illogici però é normale.

  14. Io nn me la prendo con loro, sei tu che te la prendi con me perche’ non la penso come te e faccio un ragionamento concreto. Adesso poi, quando ti fa comodo, la legalita’ non serve a niente. Quanto all’umanita’ uno come te che dice a me, che non mi conosci, che non ho umanita’ giudichi a priori e solo perche’ non ho la tua umanita’ (quella che sbandieri a parole) a dimostrazione del tuo pensiero a senso unico

  15. COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
    Art. 18.

    I cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione, per fini che non sono vietati ai singoli dalla legge penale.

    Sono proibite le associazioni segrete e quelle che perseguono, anche indirettamente, scopi politici mediante organizzazioni di carattere militare.

    Art. 19.

    Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume.
    mi senbra che qualcuno ne sia a digiuuno

  16. Sarebbe ora che si portasse il problema davanti alla Corte Costituzionale, perchè se si osserva fedelmente la costituzione l’art. 18 parla di cittadini e per cittadini si intendono i cittadini italiani e coloro che hanno acquisito cittadinanza italiana. Perciò sembrerebbe che coloro che non hanno questi requisito della cittadinanza italiana non potrebbero per costituzione associarsi liberamente. Poi anche l’art. 19 che invece contiene la parola tutti e quindi si riferisce sia ai cittadini italiani sia a coloro che non lo sono ancora, è vero che concede il diritto di professare liberamente la propria fede religiosa, ma come tutti i diritti costituzionali questa libertà non deve contrastare con altri diritti costituzionali. Lasciar predicare i versetti di odio e morte contenuti nel Corano non solo contrasta con il nostro diritto alla vita, che nessuna religione puo’ mettere in pericolo, ma è una istigazione all’odio e alla morte inaccettabile. Ma contrasta con ogni piu’ elementare forma di pace e giustizia.

  17. Abbiamo anche il diritto di vivere in una casa: ma le dotazioni delle case ed il numero di persone che ci possono stare dentro sono fissati da leggi che vanno rispettate. Abbiamo il diritto di andare in piscina o al cinema: ma le dotazioni delle piscine e delle sale cinematografiche ed il numero di persone che ci possono stare dentro sono fissati da leggi che vanno rispettate. Io sono d’accordo che ci siano spazi perché tutti possano pregare: non sono d’accordo con il confondere un diritto con un’arbitrarietà nel rispetto delle regole. Tu?

  18. Si da’ il caso che esistano delle norme di pubblica sicurezza, soprattutto in periodi come questi di allarme terroristico. Quindi e’ quantomai opportuno che riunioni di questo tipo vengano autorizzate, non trovi?

  19. Probabilmente sei illogico tu che non rifletti, e quindi, seguendo il tuo dare epiteti, sei anche razzista. La guerra di religione la stanno facendo i musulmani per imporsi in europa. I cristiani, quei pochi rimasti, hanno altro a cui pensare: arricchirsi con l’8 per mille, fare canoniche lussuose, spendere per cose inutili, chiacchierare di solidarieta’ e incassare i 35 euro al giorno per i profughi, imporre alla povera gente che ormai non crede piu’ a loro l’accoglienza degli stranieri mentre tu devi sempre essere piu’ povero per mantenerli. Poi c’e’ la gente che non crede piu’ a queste fandonie e che vuole finalmente essere tutelata. Chiaro adesso?

  20. Non é chiaro affatto, anche a se a te sembra così. La guerra che tu chiami di religione viene portata avanti da fanatici che non rappresentano affatto l’Islam, tanto che appunto musulmani e cristiano sono concordi nel condannare. Gli stessi musulmani sono i principali obiettivi dei fanatici islamisti, vengono massacrati senza pietà e meritano tutta la nostra solidarietà. Quindi dove cavolo la vedi la guerra tra religioni? Io non sono cristiano ne musulmano, ma ritengo che chi lo é debba essere libero di professare il proprio credo liberamente. Non pensi?

  21. Non hai capito quello che ho scritto. Da parte nostrs, credenti e non, non c’e’ in ballo nessuna guerra. Noi, anzi quella parte di noi che non crede alle favole, vuole non essere invasa da gente che qui non ha ragione di stare perche’ non c’e’ lavoro e non ci sono le condizioni per mantenerla. Da parte loro invece c’e’ la volonta’ di islamizzarci nelle tradizioni e nella religione distruggendo lo stato laico che permette di aderire o meno in piena liberta’ ad una qualsiasi religione. Quindi attaccano noi tutti, credenti e non, nei paesi dove viviamo. Poi c’e’ il capitolo religione cattolica e problema del calo vertiginoso di fedeli. Visto ormai il sempre piu’ imperante laicismo, anche e soprattutto dovuto all’assoluta incapacita’ di preti, vescovi e papi di testimoniare con la poverta’ il messaggio cristiano, a loro non rimane che allearsi con i musulmani per combattere il laicismo che impedisce a loro di imporsi come religione di potere. Non mi stupirebbe se, fra qualche tempo, papa francesco, inneggiasse a qualsiasi religione, basta che non sia l’ateismo….

  22. Ma non ti sei ancora reso conto che ogni religione, quando diventa potere, crea guerre, divisioni e non aiuta l’individuo ad emanciparsi? La nostra, per esempio, cosa faceva sulla morale, decenni fa? Imponeva le sue regole sempre e solo sui poveri, che controllava e puniva, mentre i ricchi potevano fare quello che volevano alla faccia di tutto e tutti, compresa la chiesa che, anzi, li ospitava e li difendeva (pagando). Quindi basta con queste baggianate sempre a scapito dei piu’ deboli

  23. Sarebbe giusto chiudere i centri islamici irregolari che se si lasciano aperti sono discriminatori nei nostri confronti, sarebbe giusto che si vietassero i burqa e niqab per le strade italiane ed europee che anche se come sembra si sono arrampicati sugli specchi per non farli rientrare nel divieto previsto dalla legge sulla sicurezza 152/75 art. 5, comunque violano la legge sulle discriminazioni art. 43 legge 286/98 dopo che la Corte EuropeA diritti dell’Uomo li ha definiti lesivi dei diritti e delle libertà altrui, le nostre. Sarebbero da rimpatriare iu falsi profughi che si sono visti rifiutare la domanda di asilo non consegnando loro il foglio di rimpatrio e lasciandoli liberi di circolare tra gli italiani perchè anche questa libertà che si offre loro lede la nostra liberta, i nostri diritti e soprattutto il nostro diritto costituzionale alla sicurezza dato che non avendo diritto di asilo sono di fatto portatori del reato di clandestinità che come sostiene la Corte Costituzionale nella sentenza 250/2010 offende valori di rango costituzionale quali la difesa dei confini, la sicurezza, sanità e ordine pubblico. Perciò questa libertà che si lascia loro è un privilegio discriminatorio nei nostri confronti che andrebbe eliminato o caricandoli su un aereo e paghiamo volentieri loro il biglietto o ancor meglio come prevede il testo unico sull’immigrazione consegnandoli nelle Ambasciate e Consolati di provenienza che ci pensino loro a prendersene cura. Del resto Watiliks non ha trovato asilo all’interno di una Ambasciata estera? poinon abbiamo piu’ lavoro quindi basta far entrare immigrati e falsi profughi e basta regalare cittadinanza italiana a chi pensa di noi che siamo infedeli da eliminare, anzi solo per questo andrebbero riviste anche le cittadinanze già regalate impropriamente e ingiustamente perchè la legge non prevede venga data cittadinanza a chi puo’ rappresentare un pericolo per la nazione!!!

  24. Ma quella italianissima burqata che solo Libero riportava la notizia che sarebbe stata messa sotto controllo della giustizia, dov’è?? A casa o in carcere?? E se è a casa le consentono ancora di circolare per strada con il burqa??? Il Giudicenon dovrebbe verificare dopo che la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha definito la dissimulazione del volto con burqa e niqab lesiva dei diritti altrui, che lasciar circolare ancora per strada e nei luoghi pubblici i burqa e niqwab sono una discriminazione nazionale??? Burqa e Niqab non ledono forse la legge sulle discriminazioni art. 43 legge 286/98???? Basta burqa e niqab che circolano in Italia e in Europa!!!!

  25. Chiedo scusa. Sulla italianissima burqata di Brescia ho trovato notizie in internet. Sarà sottoposta a sorveglianza speciale e non potrà espatriare, nemmeno lasciare il suo Comune di residenza, frequentare le moschee e navigare in internet. Manca una informazione importante, potrà o non potrà circolare per le strade col burqa/niqab??? Come mai il giudice non ha valutato anche questa tutela di sicurezza e difesa dei diritti altrui??? Non sarebbe doveroso anche per i Sindaci, Prefetti o forze di polizia chiedersi se dopo questa sentenza non vietare anche per strada i burqa e niqab non rappresenti una discriminazione nazionale che viola l’art. 43 della legge 286/98??? O delle discriminazioni verso gli italiani non interessa a nessuno???

RISPONDI