Aci Brescia, telenovela infinita. Il Tar: il Ministero si esprima sul commissario entro 60 giorni

0
Bsnews whatsapp

di Andrea Tortelli – Il ministero ha sessanta giorni di tempo per esprimersi in modo “trasparente” sul commissariamento dell’Aci di Brescia. E nel frattempo deve pagare le spese legali. E’ questa la decisione del Tar di Brescia – presa l’11 maggio e depositata ieri – sull’intricata vicenda dell’Automobil Club di Brescia in seguito al ricorso presentato dal socio Aci Francesco Muchetti, che aveva sollecitato inutilmente il dicastero ad esprimersi.

La vicenda aveva preso le mosse dalla mancata approvazione del bilancio 2014 dell’Aci durante l’infuocata assemblea del 30 giugno 2015 (40 voti contro 40), in cui erano state anche verbalizzate “diverse censure riguardanti in particolare l’accordo del 2010 con il gruppo Chopard per l’uso del marchio Freccia RossaMille Miglia”.

In seguito a questi fatti, il Consiglio nazionale di Aci – il 22 luglio – aveva sentito il presidente di Aci Brescia, arrivando alla conclusione che la nomina di un commissario non era necessaria perché il bilancio era in utile. Salvo poi – “visto il permanere della situazione di stallo”, il 29 ottobre – proporre al ministero la nomina di un commissario.

A quel punto Aci Brescia aveva convocato una nuova assemblea (18 dicembre 2015) approvando il bilancio con 164 voti a favore, 13 contrari e 2 astenuti. Ma nel frattempo anche il socio Mucchetti aveva già inviato al ministero una diffida con la richiesta di commissariamento. La risposta non è mai arrivata: da cui il ricorso, a cui si sono opposti Ministero e Aci Brescia.

Ma il tribunale ha dato ragione a Mucchetti, sottolineando che un socio non può proporre al ministero il commissariamento, ma anche che in questo caso la richiesta era legittima perché prima si era espresso il Consiglio generale dell’Aci. Inoltre la successiva approvazione del bilancio “non determina alcuna interruzione della procedura di commissariamento”.

“Il Ministero – si legge nel dispositivo – deve quindi completare la procedura di vigilanza aperta dal Consiglio generale dell’Aci, valutando analiticamente le ragioni all’origine della mancata approvazione del bilancio d’esercizio nei termini, e motivando in modo espresso e trasparente la propria decisione finale, qualunque essa sia (archiviazione o commissariamento)”. Entro 60 giorni dal deposito della sentenza.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

RISPONDI