Nel Bresciano è l’estate dell’autovelox. Il record di Longhena: sei in pochi metri

0

Tangenziale Ovest, Tangenziale Sud, Manerbio, Rovato… L’estate bresciana 2016 sarà ricordata come la stagione degli autovelox. E non c’è zona della Provincia che faccia eccezione. L’ultimo caso è quello di Longhena: patria del casoncello e, da ieri, uno dei Comuni italiana con la più alta densità di rilevatori di traffico in un solo tratto stradale.

In pochi metri, infatti, l’amministrazione ne ha collocati ben sei grazie al contributo della Regione che ha riguardato un progetto condiviso con i Comuni di Longhena, Maclodio, Lograto, Orzivechi, Orzinuovi e Villachiar. L’intento? Non è di far cassa, ma di far rallentare la velocità secondo il sindaco. Ma nel frattempo le multe arrivano…

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Se i “cittadini” rispettano i limiti, nessuno farà “cassa” a spese loro. Ti risulta così difficile non superare i 50 all’ora nella metropoli di Longhena?

  2. Longhena è attraversata da 2 strade provinciali (n. 33 e n. 34), l’intero attraversamento del paese sarà lungo sì e no un chilometro che, percorso a 50 all’ora richiede meno di un minuto. Se passi per Longhena o comunque per le provinciali non stai certamente facendo un viaggio di centinaia di chilometri ma, al massimo, spostamenti di poche decine, quindi aumentare la velocità di 10, 20, 30 o anche 40 km/h ti fa guadagnare pochissimi minuti ma aumenta esponenzialmente il rischio di incidente grave. Benissimo dunque le basse velocità, benissimo le sanzioni ai babbei che corrono e ai distratti che superano i limiti.

LEAVE A REPLY