Legambiente contro Trenord: in Lombardia ad agosto cancellato un treno su quattro

0

Complicati i collegamenti con i centri minori, difficile trovare un autobus nei festivi o un treno che colleghi le periferie della regione con il capoluogo lombardo in fascia serale, in contrasto con la stessa pubblicità di Trenord: “Ad agosto scoprite la Lombardia in treno con Discovery train”. Sono 461 su 2.200 le tratte giornaliere cancellate, in particolar modo per raggiungere i laghi di Como (-40), Verese (-36), Maggiore (-7), Iseo (-13) e le valli prealpine. A soffrire maggiormente sono le aree a domanda debole, come la bassa cremonese, bresciana e pavese, ma anche l’alto varesotto e l’alto milanese, con servizi minimi sempre più ridimensionati.

“Si tratta di una scelta in decisa controtendenza rispetto alla volontà di promuovere il turismo grazie ad un servizio pubblico efficiente – sottolinea Dario Balotta, responsabile trasporti di Legambiente Lombardia – Quest’anno non è possibile nascondersi dietro all’alibi della soppressione dei treni per rafforzare il servizio su Expo. Comprendiamo che Agosto sia il mese prediletto per i lavori di manutenzione, ma non è più il mese di serrata generale, come in passato e le città e i paesi restano vivi, sempre più persone lavorano o sono a casa e prediligono brevi spostamenti, soprattutto nei fine settimana. Alcune aree pregiate per il turismo, come i laghi e le valli lombarde, possono risultare ancor più attrattive in presenza di un’offerta di mobilità che le renda più accessibili e che le decongestioni dal traffico veicolare. Milano per esempio ha avuto una buona performance di presenze turistiche, ma i servizi di trasporto sono stati ridotti del 25%.”

Al forte ridimensionamento del trasporto pubblico su ferro si aggiunge il taglio alle corse degli autobus dopo la chiusura delle scuole, in particolar modo nelle fasce orarie serali e nei festivi, che negli ultimi tempi sono stati già oggetto di pesanti decurtazioni.

A settembre, si tornerà alla normalità? Non esattamente, considerando l’aria di crisi che continua a tirare sul versante trasporti. In particolare, sul fronte delle autolinee, ci si aspettano altri tagli: su Monza Brianza se dal Governo non arriveranno 4.5 milioni di euro indispensabili a confermare i contratti in scadenza a fine anno, il servizio sarà limato di un ulteriore 5%, che si aggiungono ai tagli dell’11% che il servizio di questa zona ha già subito dal 2008 ad oggi”.

>

> Linee

>

> Treni soppressi

> Bergamo Brescia

>

> 4

 

> Brescia Cremona

>

> 12

>

> Brescia Iseo Edolo

>

> 13

>  

Comments

comments

LEAVE A REPLY