Ctb, polemica sulla presidenza. Lo sfogo dell’uscente Boroni: vogliono darla a qualche fallito

114

La presidenza del Ctb? Giusto toglierla a me per darla a qualche raccomandato fallito. A dirlo provocatoriamente è la presidente uscente Carla Boroni, che in un post su Facebook critica l’amministrazione per la mancata decisione e sottolinea: “uno è responsabile anche penalmente di una struttura, non prende un euro di gettone, continua a firmare cose importanti e gli "dei" ne stanno facendo una questione politica (quando le cose vanno benissimo)… Sono dei geni!”.

“Se non mi danno ancora la presidenza del CTB”, attacca la Boroni, “sarebbe disastroso tornare a fare l’associato in Università a tempo pieno! – per questo è giusto dare questo ruolo a chi non ha un cazzo da fare, falliti (d’impresa), non laureati, ecc., -peculiarità imprescindibili nel curriculum!-… (Già ma cosa dico… tanto la maggior parte dei politici non ha mai lavorato un giorno se non con pseudo lavori sospesi da ridicole aspettative). Con infinito orgoglio ho fatto bene, anzi benissimo, ho coperto debiti, sono passata Tric, ho assunto 9 persone, ho scelto un ottimo direttore, ho rotto mafie familiari… non mi viene riconosciuto? Amici (poi scriverò anche un bel trattatino documentato e articolato… tanto per non deludere i posteri) vi rimando "con gioia" a quel magnifico Santo laico bresciano (SC). Insomma”, conclude la presidentre uscente, “un colpo di teatro ogni tanto fa bene alle budella, soprattutto alle mie.

Comments

comments

114 COMMENTS

  1. Comprensibili lo sfogo e l’amarezza della Sig.ra Boroni, alla quale vanno riconosciuti capacità di indirizzo e di gestione, così come i risultati raggiunti alla guida del CTB. Un po’ meno comprensibile il riferimento assai caustico alle “benedizioni politiche” che purtroppo determinano (da sempre) la scelta finale dei rappresentanti nelle società a controllo pubblico a prescindere dai curricula. E’ sicura, Sig.ra Boroni, di non avere mai avuto almeno qualche piccolo santo in paradiso ? Magari proprio l’amicizia e la stima, ovviamente, di Alberto Cavalli, per dieci anni Presidente della Provincia, già Assessore e tuttora consigliere in Regione Lombardia ? Calma.

  2. Se si va bene a leggere il CV della Sig.ra BORONI si può ben scoprire quanto ABBIA COSI’ POCO A CHE FARE QUESTA SIGNORA DOCENTE DELL’ UNIVERSITÀ’ CATTOLICA ! Sarà mai possibile che in Italia e specie a Brescia si possa pensare che a sedere su certe “POLTRONE” non vadano professionisti del settore specifico e non solo i soliti AMICI DEGLI AMICI ? O dobbiamo sempre mantenere i CARROZZONI bresciani in mano a persone incompetenti ! Io da signora amante del Teatro con la “T” maiuscola spero in un giovane che abbia una formazione da TEATRO a dirigere il CTB – ma sarò una voce FUORI DAL CORO ! Ultima cosa : come mai la Sig.ra BORONI non dice quanto è stato il suo compenso ?

  3. “Fonte: Comunicato stampa”: significa che qualcuno ha diramato un comunicato stampa in cui è scritto “… a chi non ha un c***o da fare…”?

  4. Una fondamentale pubblicazione della nostra esimia dispensatrice di cultura: “Brescia e la civiltà dello spiedo” (Massetti e Rodella editori). Il mistero politico non è perchè la mandano via, ma come ci sia arrivata.

  5. Essendo io abituata a metterci la faccia (e non “Dubito”, “Si”, “Spiedo”, “???”… dietro un non nome è facile essere degli arroganti, maleducati), voglio solo dire che dal mio link (sulla mia bacheca) sono state tolte alcune parti, quindi risulta quanto riportato sopra, davvero fuori contesto. Il mio era uno sfogo ironico. Dire che ritorno in università (da cui non mi sono mai mossa, visto che al CTB non esiste gettone presenza per fare il presidente -così rispondo a “sfogo e invidia”-) è ovvio che era una battuta. Ma veniamo al punto.
    Io non mi sarei MAI candidata ad un secondo mandato se qualcuno degli amministratori comunali, provinciali e regionali (e non solo l’amico fraterno Alberto Cavalli, ma anche parecchi dell’attuale maggioranza) non mi avessero sollecitato a farlo e soprattutto mi avessero parlato chiaro, anche se ho amato profondamente il mio teatro, ho lavorato sodo (e la mia gente -uffici, compagnie ecc.- lo può confermare) questa esperienza poteva concludersi a giugno, alla scadenza naturale. Ero appagata e felice del lavoro fatto! Fine.
    Desidero invece che questa nomina non venga politicizzata -come sta accadendo-, non vengano fatti accordi sottobanco (bipartisan) e non vengano scelte-indicate persone non qualificate (per esempio non avere una laurea qualificante, avere fallimenti aziendali alle spalle, ecc.). Desidero troppo? Certo avrei fatto volentieri altri cinque anni, ora che i conti sono a posto (li ho messi a posto) e c’è un grande direttore con cui lavoro stravolentieri, ma impormi per forza propro no!!!
    Sono stata chiara?
    In quanto al sign. “???” confermo d’insegnare in università e sono piuttosto brava (almeno a detta dei miei allievi (e visto che sono associato ho passato anche qualche concorso nazionale). Quanto all’Armandina di “spiedo” (sempre lei, sempre lui) consiglio di leggere quel libro… non sarà Proust ma è filologicamente corretto.

    E qui chiudo, non risponderò più a nessuno se non si presenta con nome e cognome. Sul resto… insultatemi pure.

  6. Mi dice per cortesia in che modo sono stato arrogante o maleducato? Il sito riportava come fonte “comunicato stampa” e mi stupivo del fatto che in un comunicato stampa qualcuno si fosse espresso con quei termini. Vedo ora che viene riportata come fonte “Redazione”, quindi la mia osservazione aveva un fondamento.

  7. Comunque io ho letto il messaggio e visto l’articolo: il suo messaggio di Facebook è riportato integralmente senza tagli a differenza di quanto dice… Quanto all’ironia… Mi sembra tutta a posteriori :-9

  8. Ma allora è vero che prima della signora Boroni e del direttore Pistore, c’era un funzionario che guadagnava 150.000 ero l’anno? Più che un funzionario del Comune.

  9. Ma allora è vero che prima della signora Boroni e del direttore Pistore, c’era un funzionario che guadagnava 150.000 ero l’anno? Più che un funzionario del Comune.

  10. Ma allora è vero che prima della signora Boroni e del direttore Pistore, c’era un funzionario che guadagnava 150.000 ero l’anno? Più che un funzionario del Comune.

  11. Fare il proprio dovere all’interno dello stabile dove non venivano assunti tecnici tecnologici da 25 anni, provoca la rabbia di chi ha avuto privilegi per tasnti anni e ha maltrattato gli altri. Brava Carla!

  12. Brava Boroni! Leggendo i nomi di qualche candidato mi è venuto da vomitare…. Ma dove va la cultura a Brescia ? Nelle mani di incompetenti? Solo in Italia possono succedere queste cose.

  13. Quindi la signora BORONI comunque ha anche il coraggio di dire che è arrivata a dirigere il CTB chiamata dall’ AMICO FRATERNO ALBERTO CAVALLI … quindi non per MERITOCRAZIA o per CAPACITA’ (SPIEDO permettendo) ma solo perché AMICA DI AMICI !!! E allora cara Signora Professoressa della Cattolica …… perché si sorprendete tanto ? Cavalli era del CENTRO DESTRA e la giunta di DEL BONO è di CENTRO SINISTRA e quindi è certamente “trombata” come succede in questa ITALIETTA del NULLA !!! Certamente il centro destra avrà “trombato” qualcun altro e adesso tocca a lei !! CHI LA FA … SE L’ ASPETTI ….. Si mangi un bello spiedo che per lei Brescia è famosa per questo !!!

  14. Riusciremo a correggere i costumi ? Il malcostume che favorisce gli incapaci , che si fanno largo a suon di bufale, elargiscono favori a destra e a sinistra (un giorno sono di Forza Italia e il giorno dopo del PD e poi della Lega..),per arrivare a rosicchiare un incarico per il qualche non posseggono nessuna competenza. Stolti quelli che si lasciano abbindolare, che mandano avanti i non meritevoli pur di raccogliere qualche briciola. Dott.ssa Boroni, vada a testa alta, Lei si che merita di continuare il suo mandato!

  15. Riusciremo a correggere i costumi ? Il malcostume che favorisce gli incapaci , che si fanno largo a suon di bufale, elargiscono favori a destra e a sinistra (un giorno sono di Forza Italia e il giorno dopo del PD e poi della Lega..),per arrivare a rosicchiare un incarico per il qualche non posseggono nessuna competenza. Stolti quelli che si lasciano abbindolare, che mandano avanti i non meritevoli pur di raccogliere qualche briciola. Dott.ssa Boroni, vada a testa alta, Lei si che merita di continuare il suo mandato!

  16. Riusciremo a correggere i costumi ? Il malcostume che favorisce gli incapaci , che si fanno largo a suon di bufale, elargiscono favori a destra e a sinistra (un giorno sono di Forza Italia e il giorno dopo del PD e poi della Lega..),per arrivare a rosicchiare un incarico per il qualche non posseggono nessuna competenza. Stolti quelli che si lasciano abbindolare, che mandano avanti i non meritevoli pur di raccogliere qualche briciola. Dott.ssa Boroni, vada a testa alta, Lei si che merita di continuare il suo mandato!

  17. Conoscendo Carla presumo che se non fosse stata tirata per i capelli mai sarebbe candidata. Era contenta così. Era soddisfatta del suo lavoro. Questo commento non è si Samantha ma di un rancoroso vendicativo. In quanto allo spiedo so esattamente dove glielo metterebbe lei. Dai Carlina!4

  18. Capisco il Suo sfogo e le conseguenti parole forti che, nel Paese del politicamente corretto, risultano alle asinine anime belle piuttosto fuori luogo. Parlando di budella credo sia inevitabile di questo passo finire sempre più nello scatologico!

  19. Carla hai lavorato bene,troppo onestamente , ti sei pure ammalata per il tuo amato teatro e non meriti tutto questo accanimento!!!mi auguro prevalga’intelligenz a!

  20. Perché nessuno dice niente dei due confermati di comunione e liberazione… Regge l’asse pd Nadia e costano molto più di lievi… Ma il sindaco li vuole ancora. Questa è la vera vergogna!

  21. Evviva la Boroni che ha avuto il coraggio di ammettere che è stata chiamata dal forzista CAVALLI suo amico personale … però non dovrebbe stupirsi se adesso i cattocomunisti la vogliono far fuori ! e non capisco sinceramente quando scrive : non vorrei una candidatura politica, ma la sua è stata molto e molto e molto politica da FORZA ITALIA – quindi perché si stupisce ? infondo questa è Brescia ! Due anni fa qualcuno ha attaccato perché il Comune di Brescia aveva eletto una signora che ha un’ azienda delle pulizie alla presidenza di bresciaturism – ma dopo due anni quella signora è lì ancora ! e allora perché ci dobbiamo stupire se poi Brescia non funziona ?

  22. Si tengano lontani da questi scranni gli incapaci e impresentabili soggetti chiamati per cooptazione da politici appena alfabetizzati. La mancanza di competenze specifiche, in un settore così delicato, distruggerebbe quel poco che ormai rimane di una città troppo vilipesa come Brescia. Si interrompa per sempre il solito e fastidioso mito del giovanilismo! Servono figure capaci, non giovani (lo dico dall’alto dei miei 24 anni). I tempi sono veramente neri, diceva bene quel saggio: “quando il sole è basso anche i piccoli fanno le ombre lunghe”.

  23. Faccio presente (mi fa schifo forza Italia) che questa signora è riuscita portare a tric questo teatro… Questo possiamo riconoscerlo o neghiamo l’evidenza?stg.mr6p

  24. Gentile Prof.ssa Boroni, guardiamoci intorno: quanto degrado impera a Brescia? non c’è da stupirsi se ha intaccato anche la cultura.
    Dice il proverbio: il pesce inizia a puzzare dalla testa. Grazie per il suo operato.

  25. Quanti soldi danno al direttore e al consulente artistico? Quanto costano le produzioni? Perché non viene detto mai. Tutti addosso alla Boroni (che no mi è simpatica) ma il carretto lo ha tirato lei per cinque anni.

  26. Ringraziamo la Sig.ra Boroni per la franchezza. Io insisto nel giudicare le persone innanzitutto dal loro operato, o meglio dagli obiettivi raggiunti che nel suo caso sono stati positivi, ma soprattutto specifici e misurabili, come si usa dire in gergo manageriale. Ma purtroppo la Sig.ra Boroni ci conferma anche, nel suo caso specifico, che senza la “amicizia fraterna” con Cavalli non sarebbe arrivata alla guida del CTB. Lo sfogo ironico soprattutto contro il sistema e le prassi che condanna ed aborrisce, coinvolge in realtà proprio chi le ha consentito di fare (molto bene) ciò che ha fatto. “Così è, se vi pare” diremmo con Pirandello.

  27. mi piace sig.ra Boroni. Questa amministrazione ha dimostrato che non conta saper fare, conta chi conosce chi. Al sig. Stradivarius dico che forse il cons. Cavalli può averla nominata perché la conosce ma solo perché dotata di un curriculum davvero ben fornito. Ricordo sempre al sig. Stradivarius la conferma del presidente Fermi a BSmobilità fatta dall’allora sindaco Paroli, scelta nella continuità di un lavoro che meritava di essere finito. Qui siamo davanti all’opposto. Non conta cosa hai fatto, consta solo che c’è chi da tempo preme per quel posto.

  28. “In italia ti perdonano tutto, tranne il successo”. Frase azzeccatissima direi. Professoressa Boroni per quanto conti il mio commento, io credo che lei abbia fatto molto per il teatro e la cultura della nostra città. La seguo spesso e credo che questi anni sotto la sua presidenza abbiano dato ottimi frutti. Tante iniziative interessanti. Non entro nel merito economico (perche non mi compete) ma i risultati mi sembrano sotto gli occhi di tutti.
    Sono spesso venuta anche alle sue conferenze e mi ha sempre dato l’impressione di essere una persona che fa il suo lavoro con grande passione e non credo di sbagliarmi perche anche dai numerosi commenti dei suoi alunni su facebook traspare come loro la stimino.
    E comunque andranno per lei le cose,si ritenga soddisfatta del suo operato,ma ancora di piu di essere a posto con se stessa! Buona fortuna! Elisabetta

  29. 1. “io non mi sarei MAI candidata ad un secondo mandato se qualcuno degli amministratori comunali, provinciali e regionali (e non solo l’amico fraterno Alberto Cavalli, ma anche parecchi dell’attuale maggioranza) non mi avessero sollecitato a farlo e soprattutto mi avessero parlato chiaro”.
    2. “non vengano fatti accordi sottobanco (bipartisan)”.
    3. La perla di cultura: “per questo è giusto dare questo ruolo a chi non ha un ca@@o da fare”. L’ha presa bene…
    Prima ci dice che la sua riconferma le sarebbe stata garantita da un accordo bipartisan e poi ci dice che però le non DESIDERA che il suo successore venga scelto con un accordo bipartisan. Ci sei rimasta male? Vedrai che ti passa, la presidenza del CTB non è un diritto dell’uomo, a volte succede di non essere riconfermati.
    Ps: (dalla stampa locale on-line): “Il 6 giugno si apre il bando per le candidature e presidente in carica Carla Boroni sarebbe decisa a ricandidarsi, mentre tre Comune e Broletto il nome più accreditato sarebbe quello della presidente del Conservatorio Patrizia Vastapane. Boroni intanto ha incassato il sostegno del direttivo di Forza Italia.”

  30. Profe, ma tu non hai fatto solo il libro sullo spiedo, hai scritto tante cose belle su Ungaretti per Einaudi e Mondadori (se ben ricordo)e sulla letteratura italiana. Perché, tu che ci hai sempre insegnato il rispetto a tutti, qui vogliono svilirti in questo modo? Ma cos’è questo Ctb così ambito? Ti voglio bene

  31. Ha colto nel segno Arist: c’è chi da tempo brama quel posto! Senza averne le competenze ovviamente, come solitamente succede in questi casi. Nemmeno la padronanza della grammatica italiana…. Però avendo molto tempo libero a disposizione può dedicarsi anima e corpo a perseguire il proprio intento con ogni mezzo: dalla pubblicità gonfiata, alle finte competenze, alle affermazioni fasulle contro la Dottoressa Boroni. Chi appoggia non brilla certo per acume, infatti Dio li fa e poi li accoppia. Che esempio diamo ai giovani? Ai nostri figli? Ci chiederanno a che pro studiare ed impegnarsi? Cosa si guadagna ad essere corretti se avanzano gli incapaci? Ci guadagna comunque la nostra coscienza, e non è poco!!!!! Brava Boroni!

  32. Complimenti per l’eleganza del linguaggio, pari alla correttezza del costrutto. Ora potrebbe tradurre dalla costruzione dialettale a quella della lingua italiana?

  33. Qui sembra siano tutti informatissimi, io non sono mai andato al CTB ma immagino che la professoressa Boroni sia stata una brava presidente. Non conoscendola personalmente sono rimasto stupito dalla durezza delle parole e ho cercato su internetil suo nome. Ho visto sul sito del Comune che la professoressa è molto impegnata in numerose attività non legate al suo lavoro in Università che penso quindi le lasci tantissimo tempo libero rispetto ad altri lavori. La cosa che mi ha sorpreso di più è che ho scoperto che è stata nominata nel consiglio del CTB nel 1997, cioè circa venti anni fa nel secolo scorso quando ancora c’era la Lira e che con questo mandato nel quale è stata appena rieletta raggiungerà la ragguardevole quota di un quarto di secolo nello stesso consiglio del quale è stata anche presidente. Ecco, penso che 25 anni nello stesso posto siano troppi anche per una persona competente e che forse a Brescia ci possa essere anche qualcun altro. Tra l’altro parlare male della politica e chiamarsi fuori da quel mondo dopo essere stata eletta da quel mondo per 25 anni in un ente pubblico non suona bene come non suona bene usare la cultura per colpire i propri rivali dandogli degli ignoranti falliti senza laurea. La cultura per me non serve per offendere gli altri ma per capire di più gli altri ma forse sono ignorante anche io. Che storia…

  34. Questa è la dimostrazione delle ingerenze. Chiudere la bocca a chi osa criticare o segnalare le scorrettezze! Mandatela al CTB, se ne accorgeranno gli impiegati cosa significhi avere il fiato sul collo se non si fa come dice lei. Poteva anche risparmiarsi il : Non capisco ma, ridicolo. Ma Davvero auguriamoci che al CTB vada una figura adatta al ruolo!

  35. L’analogia tra Boroni e Fermi fa rabbrividire. A chi si firma Arist consigliamo di andare in rete e sentire su You Tube (basta cliccare Fermi+Incalza) cosa dice di persona in video Ettore Fermi intercettato nel cosiddetto “sistema Incalza-Perotti” e poi si ognuno può cominciare a pensare a come mai spendemmo un miliardo di euro per un’infrastruttura inutile che avrebbe indebitato i bresciani per i prossimi trent’anni. La continuità nella catastrofe accomuna tutti i sindaci e le amministrazioni dalla fine degli anni novanta ad oggi.

  36. Boroni ha lavorato sodo e i risultati si sono visti. Non si può negare. Essere rimpiazzati da un personaggio di chiara fama e preparazione ci sta anche, ma ipotizzare che una carica del genere possa andare ad ex gestori di bar o impresa pulizie oppure finti laureati è inconcepibile! Ma come ragionano in Comune? Forza Carla Boroni !

  37. INVITIAMO I LETTORI (IN PARTICOLARE IL LETTORE MANGUSTA/MOZART) AD EVITARE COMMENTI DIFFAMATORI E/O OFFENSIVI NEI CONFRONTI DI ALTRE PERSONE… EVENTUALI ABUSI REITERATI NON SARANNO TOLLERATI.

    IN QUALSIASI CASO RICORDIAMO A TUTTI CHE – DA REGOLAMENTO – NON SONO CONSENTITI DIBATTITI PUBBLICI SULLE CANCELLAZIONI E CHE PER EVENTUALI SPIEGAZIONI E’ POSSIBILE CONTATTARE LA MAIL info@bsnews.it ALLEGANDO FOTOTOCOPIA DEL PROPRIO DOCUMENTO DI IDENTITA’. GRAZIE.

  38. Scusate, ma se la principale candidata alla successione in un Ente che si occupa di eventi artistici teatrali di prosa era prima Presidente del Conservatorio di Brescia, cioè la fucina dei futuri artisti nel campo della musica, avrà almeno competenze, conoscenze, professionalità in ambito artistico o culturale. Ed invece no, si è sempre occupata di gestire un’ impresa del settore terziario. Diciamo che se le chiedessimo chi ha scritto Macbeth e chi invece lo ha messo in musica se ne andrebbe per un impegno urgente in azienda.

  39. Egregio Non capisco ma, nemmeno io capisco, mi riferisco al suo scritto, ma vedo che Lei stessa/o ne da la spiegazione nella Sua ultima frase. Alla Boroni auguro tutto il bene, dentro o fuori dal CTB, e ringrazio per quanto ha fatto per la città.

  40. La mangusta è un animale che mangia rettili e rane. Poveri rettili! Povere rane!
    Meno male che spesso riescono a scappare prima di essere scoperti!

  41. INVITIAMO I LETTORI (in particolare l’utente MANGUSTA/MOZART/VERI TAS E ALTRI NICK) AD EVITARE COMMENTI DIFFAMATORI E/O OFFENSIVI NEI CONFRONTI DI ALTRE PERSONE… EVENTUALI ABUSI NON SARANNO TOLLERATI. IN QUALSIASI CASO RICORDIAMO A TUTTI CHE NON SONO AMMESSI DIBATTITI PUBBLICI SULLE CANCELLAZIONI E CHE PER EVENTUALI SPIEGAZIONI E’ POSSIBILE CONTATTARE LA MAIL info@bsnews.it ALLEGANDO FOTOTOCOPIA DEL PROPRIO DOCUMENTO DI IDENTITA’. GRAZIE.

  42. INVITIAMO I LETTORI A NON DIRE CHE LE CANDIDATE IN CORSA PER IL CTB SONO TUTTE BELLE E INTELLIGENTI PERCHE’ NON E’ VERO.

  43. A me la Boroni non è dispiaciuta. bisogna prenderla per quello che è, anche con i suoi eccessi verbali poco istituzionali e che personalmente non apprezzo. Ciò non toglie che il vizio di attribuire agli altri collusioni politiche di cui ti ha beneficiato per vent’anni è, per lo meno, risibile. Al netto del fatto che sia giusto o meno affidarsi alle amicizie di Cavalli (quello dei derivati della Provincia) o di qualche altro politico, trovo scontato che la Boroni se la prenda per un eventuale presidente ignorante e incapace. Lo farei anche io. Il problema è che, per ora, parliamo di aria fritta. le nomine non ci sono, e quando ci saranno giudicheremo. tutta questa discussione da “webeti” mi sembra inutile. p.s. non occorre essere laureati per essere uomini o donne di cultura. Conosco molti laureati insegnanti universitari (e non mi riferisco alla Boroni che non conosco) di una ignoranza abissale.

  44. ringrazio “cittadino” per il suo intervento. Una sola osservazione, non polemica, sul finale: il problema non è la laurea come condizione necessaria per essere colti, ci mancherebbe, ma se una persona per farsi apprezzare sente il bisogno di essere chiamato “Dottore” senza esserlo …. beh, allora forse c’è qualcosa che non va.
    Mi scuso con “cittadino” per la precisazione, non me ne voglia.

  45. ringrazio Perceval. certo, sono d’accordo. Un’ultima considerazione: indipendentemente dai meriti della Boroni, non trovo nulla di strano che la politica desideri un cambio della guardi. Lo ammette Lei stessa, dando però scontata la nomina di una persona culturalmente e professionalmente inferiore all’attuale. E questo è un processo alle intenzioni non degno di Lei

  46. Seguo da anni BSNEWS e mi sembra che questa BORONI un PRIMATO l’ ha avuto qui : 92 COMMENTI ….. mai successo – mi sembra !!

  47. Posso comprendere lo sfogo della Boroni; persona capace, onesta , lavora in università e nel CTB con abnegazione , è sicuramente all’altezza dei suoi compiti. Trovo impensabile e anche scorretto che si voglia collocare un personaggio in un ambiente teatrale che non sappia chi sia Racine, Calderon de La Barca, Ibsen,ecc. Perciò mi permetto di esprimere una mia opinione, di esprimere gradimento per la presidente Boroni e preoccupazione per le sorti di una Istituzione artistica. Il commento di “Non capisco ma” è scritto dalla ex presidentessa del conservatorio, che provi a negare. Lo stile è inconfondibile, ne abbiamo lette a iosa di sue missive redatte in italiano alquanto discutibile, e firmate dott.ssa. Volete cancellare anche questo commento? Fatelo, è la prova inconfutabile delle ingerenze citate. Censurate i commenti, quanto è stato fatto in altra sede invece rimane, agli atti. In Italia funzionerebbe tutto se ci fossero sempre LE PERSONE GIUSTE AL POSTO GIUSTO!

  48. È il mio secondo intervento e ci metto ancora una volta la faccia, perché questo insegno a fare ai miei ragazzi: ad essere coraggiosi e assumersi delle responsabilità perquel che dicono. Qui sono stati censurati molti link, sgradevoli certo (ma provate a leggere quelli cattivi scritti a me, sono ancora tutti sotto) tuttavia io non ho chiesto di togliere nulla. Ho detto una cosa iniziale in cui credo e poi mi sono assunta le conseguenze. Hanno invece fatto cassare tutta una serie di cose (dalla ammucchiata bipartisan della cultura cattolica a Brescia, alla sollecitazione di avere una storia più laica nelle istituzioni culturali), le critiche (a volte grevi) mosse da alcuni docenti del conservatorio alla loro presidente. Il far cancellare però è una forma di debolezza e di fragilità intellettuale molto grave. Dalla tesi e da un’antitesi spesso fuoriesce una sintesi su cui costruire cose nuove e ripensate e questo, anche se spesso porta sofferenza, fa molto bene alla società che pensa e alla cultura vera, quella del cuore. In caso contrario questi strumenti servono solo a misurare la personale permalosità o il ferito amor proprio. Ps. Condivido la critica sugli eccessi verbali che mi viene rivolta (me lo dice sempre anche mia mamma).

  49. È il mio secondo intervento e ci metto ancora una volta la faccia, perché questo insegno a fare ai miei ragazzi: ad essere coraggiosi e assumersi delle responsabilità perquel che dicono. Qui sono stati censurati molti link, sgradevoli certo (ma provate a leggere quelli cattivi scritti a me, sono ancora tutti sotto) tuttavia io non ho chiesto di togliere nulla. Ho detto una cosa iniziale in cui credo e poi mi sono assunta le conseguenze. Hanno invece fatto cassare tutta una serie di cose (dalla ammucchiata bipartisan della cultura cattolica a Brescia, alla sollecitazione di avere una storia più laica nelle istituzioni culturali), le critiche (a volte grevi) mosse da alcuni docenti del conservatorio alla loro presidente. Il far cancellare però è una forma di debolezza e di fragilità intellettuale molto grave. Dalla tesi e da un’antitesi spesso fuoriesce una sintesi su cui costruire cose nuove e ripensate e questo, anche se spesso porta sofferenza, fa molto bene alla società che pensa e alla cultura vera, quella del cuore. In caso contrario questi strumenti servono solo a misurare la personale permalosità o il ferito amor proprio. Ps. Condivido la critica sugli eccessi verbali che mi viene rivolta (me lo dice sempre anche mia mamma).

  50. Perchè non organizzare un confronto all’americana tra le due candidate, magari su qualche radio o tv privata? Cosi politici e cittadini e staff del ctb potrebbero farsi un’opinione maggiormente circostanziata… Mi pare evidente che l’audience ci sarebbe…

  51. I candidati sono alcuni e certo all’ultimo momento dal cilindro del sindaco salterà fuori il preside Gerri o il commercialista fratello del più noto notaio. Certo non ci sono speranze per la brava attrice Turra ne la tanto citata Boroni

  52. Ricordi male… Solo nell’ultimo anno io ho visto 5 0 6 notizie con più di 100 commenti… Una della Bordonali con quasi mille!!!

  53. Se non ricordo male, il nuovo statuto del CTB ideato dal duo Castelletti-Del Bono è il vero snodo di potere che porta alla presunta disputa sul nuovo Presidente, benchè figura che deve esser condivisa biparrisan. Prima il Consiglio di Amministrazione prevedeva 5 consiglieri (2 del Comune, 2 della Provincia, 1 della Regione) mentre oggi sono ridotti a 3 (2 del Comune, 1 della Regione, 1 della Provincia). Per quanto riguarda l’assemblea dei soci prima erano 11 (5 del Comune, 5 della Provincia, 1 della Regione) mentre ora sono 5 (3 del Comune, 1 della Provincia, 1 della Regione). Domanda: chi ha in mano oggi il potere decisionale e gestionale ? Risposta: il Comune di Brescia. Conclusione: un plauso alla Castelletti Assessore alla Cultura, cinque lustri di esperienza finalizzata all’esercizio del potere non sono bruscolini in politica. Tutto il resto segue, molto a distanza ovviamente.

  54. Ho letto l’intervento di Stradivarius, puntale come sempre. Mi chiedo come mai la Boroni, che non è nata ieri e che non è salita sul carro Castelletti-Del Bono, abbia firmato quello statuto che prevedeva lo strapotere del Comune capendo bene così che era facile estrometterla (in politica puoi fare benissimo, ma se sei antipatico al capo ti buttano fuori a calci nel sedere). Forse la signora, un po’ ingenuamente ha amato un po’ troppo il Ctb eper amore si può essere bruciati.

  55. Tranquilli, il sindaco è troppo appassionato alla mondanità, come a Brescia mostre ha voluto i grandi nomi anche qui furoreggerà la Baresani… e solo perché Fabio Volo ha detto di no!

  56. Per quel che mi riguarda, dopo i dissapori di tre anni fa, io ho lavorato molto e credo bene con la Castelletti. Non siamo amiche, ma ci siamo dette sempre le cose in faccia e abbiamo fatto tutto per l’ente. Per quel che mi riguarda. Sul resto non dico niente, ma sono profondamente dispiaciuta.

  57. Sul punto presentato da Stradivarius mi pare che manchi un aspetto che invece risulta dai giornali, ovvero che i contributi del Comune sono non paritari ma di gran lunga superiori a quelli della Provincia. Ciò mi sembra di aver capitato ha portato a ridefinire le nomine stabilite dai vari enti.
    Quanto alla polemica,ho visto che la prof. Boroni non era una risorsa interna al CTB, ne aveva precedenti di gestione di istituti culturali prima della presidenta del CTB. Quando ha ricevuto la nomina di indicazione politico istituzionale per questo ruolo era Presidente della Provincia l’amico fraterno cui la stessa professoressa nel suo post su facebook fa riferimento, ovvero Alberto Cavalli, dunque appare plausibile una scelta di competenza professionale, ma anche fiduciaria. Rn conclusione risulta evidente che una nomina istituzionale sottosta a due ambiti, quello fiduciario con i vertici istituzionali degli enti cui spetta nominare i consigli e quello delle competenze: il primo ha riguardato sia la prof. Boroni sia il suo successore, il secondo è documentabile sulla base di titoli, esperienze di gestione o in campo artistico, aspetti,la cui valutazione spetta in primo luogo a commissioni preposte ed è valutabile, anche qui con evidente discrezionalità soggettiva, dal curriculum. In ogni caso chi lascia dovrebbe, a mio giudizio, evitare sfoghi.

  58. Sul punto presentato da Stradivarius mi pare che manchi un aspetto che invece risulta dai giornali, ovvero che i contributi del Comune sono non paritari ma di gran lunga superiori a quelli della Provincia. Ciò mi sembra di aver capitato ha portato a ridefinire le nomine stabilite dai vari enti.
    Quanto alla polemica,ho visto che la prof. Boroni non era una risorsa interna al CTB, ne aveva precedenti di gestione di istituti culturali prima della presidenta del CTB. Quando ha ricevuto la nomina di indicazione politico istituzionale per questo ruolo era Presidente della Provincia l\’amico fraterno cui la stessa professoressa nel suo post su facebook fa riferimento, ovvero Alberto Cavalli, dunque appare plausibile una scelta di competenza professionale, ma anche fiduciaria. Rn conclusione risulta evidente che una nomina istituzionale sottosta a due ambiti, quello fiduciario con i vertici istituzionali degli enti cui spetta nominare i consigli e quello delle competenze: il primo ha riguardato sia la prof. Boroni sia il suo successore, il secondo è documentabile sulla base di titoli, esperienze di gestione o in campo artistico, aspetti,la cui valutazione spetta in primo luogo a commissioni preposte ed è valutabile, anche qui con evidente discrezionalità soggettiva, dal curriculum. In ogni caso chi lascia dovrebbe, a mio giudizio, evitare sfoghi.

  59. Conosco Carla (lavorandoci insieme)e se lo ha fatto è perché l’hanno blandita in maniera subdola perché avevano anche paura di lei (visto che è onesta e ha fatto tutto alla luce del sole, guerre comprese. Io non sono di centro destra, ma ho seguito bene tutte le vicende e sono abbastanza schifata da chi ho votato con convinzione.

  60. …Robe di poltrone ..speriamo solo migliori il calendario del Teatro e si lavori per dare una mano alle associazioni ed i circoli teatrali

  61. Quello del peso a monte dei contributi all’Ente pubblico nell’affidarne a valle il potere sia di indirizzo e di controllo (Soci) sia di gestione (Consiglio di Amministrazione) è stato usato come “cavallo di Troia” dalla Castelletti per scardinare innanzitutto politicamente quella che purtroppo ormai fu “l’era Boroni” nella conduzione del CTB. Ribadisco che la politica è spietata, non fa sconti a nessuno e prescinde troppo spesso da quella che ne sarebbe la prima ed ultima finalità: il bene comune. La scuola socialista spartitoria e di potere è in questo inarrivabile. Perciò aspetto alla prova con curiosità chi, erede della Boroni, dovrebbe in futuro fare meglio del passato. Sig.ra Carla, si metta, come il saggio cinese pensando ai suoi nemici, sulla riva del fiume ed aspetti tranquillamente.

  62. e pensare che si stanno quasi rivalutando Bernardelli Curuz, Brunello e Lechi al confronto con De Corato e Minini con corollario di Fo. Grande Castelletti!!

  63. Ho letto commenti offensivi e ben peggio, con affermazioni da dimostrare in un tribunale. Ai cagasotto che parlano di coraggio… Almeno firmatevi con nome e cognome… Incoerenti…

  64. 30 AGOSTO ORE 9,23 “PROPOSITIVA” DICEVA: “perchè non organizzare un pubblico dibattito tra le due…..?”. Io proporrei che il confronto fosse proposto tra tutti i candidati e non solo tra le “due” che magari io poi non ho capito proprio bene quali siano. Ma piuttosto che un confronto o dibattito direi: perchè non chiamare TUTTI coloro che sono candidati ad una carica così sentita dalla cittadinanza a tenere, magari nel salone Vanvitelliano, una “lectio magistralis” sul teme del Teatro a Brescia, sua storia e prospettive, proposte di indirizzo e loro radice storica, etc etc etc? Credo che poi potremmo giudicare le scelte della Amministrazione con maggior cognizione di causa e, voglio sperare, anche chi dovrà decidere sentirà maggiormente il peso della responsabilità per una scelta appropriata. Giusto o no?

  65. INVITIAMO I LETTORI AD EVITARE COMMENTI DIFFAMATORI E/O OFFENSIVI NEI CONFRONTI DI ALTRE PERSONE E RICORDIAMO CHE SU BSNEWS.IT NON VENGONO MAI FATTE CANCELLAZIONI DI COMMENTI ENTRANDO NEL MERITO DELLE OPINIONI ESPRESSE.

    RICORDI AMO INOLTRE A TUTTI CHE – DA REGOLAMENTO – NON SONO CONSENTITI DIBATTITI PUBBLICI SULLE CANCELLAZIONI. CHI DUNQUE VOLESSE SPIEGAZIONI SULLE CANCELLAZIONI PUO’ CONTTATTARE LA MAIL info@bsnews.it ALLEGANDO FOTOTOCOPIA DEL PROPRIO DOCUMENTO DI IDENTITA’.

    TUTTI I MESSAGGI PUBBLICATI CONTRARI ALLE REGOLE SARANNO SISTEMATICAMENTE CANCELLATI E IN CASO DI REITERAZIONE DI COMPORTAMENTI ILLEGALI GLI AUTORI SARANNO SEGNALATI ALLE AUTORITA’ PREPOSTE). CONFIDIAMO NELLA COLLABORAZIONE DI TUTTI. GRAZIE.

  66. INVITIAMO I LETTORI AD EVITARE COMMENTI DIFFAMATORI E/O OFFENSIVI NEI CONFRONTI DI ALTRE PERSONE E RICORDIAMO CHE SU BSNEWS.IT NON VENGONO MAI FATTE CANCELLAZIONI DI COMMENTI ENTRANDO NEL MERITO DELLE OPINIONI ESPRESSE.
    RICORDI AMO INOLTRE A TUTTI CHE – DA REGOLAMENTO – NON SONO CONSENTITI DIBATTITI PUBBLICI SULLE CANCELLAZIONI. CHI DUNQUE VOLESSE SPIEGAZIONI SULLE CANCELLAZIONI PUO\’ CONTTATTARE LA MAIL info@bsnews.it ALLEGANDO FOTOTOCOPIA DEL PROPRIO DOCUMENTO DI IDENTITA\’.
    TUTTI I MESSAGGI PUBBLICATI CONTRARI ALLE REGOLE SARANNO SISTEMATICAMENTE CANCELLATI E IN CASO DI REITERAZIONE DI COMPORTAMENTI ILLEGALI GLI AUTORI SARANNO SEGNALATI ALLE AUTORITA\’ PREPOSTE). CONFIDIAMO NELLA COLLABORAZIONE DI TUTTI. GRAZIE.

  67. INVITIAMO I LETTORI AD EVITARE COMMENTI DIFFAMATORI E/O OFFENSIVI NEI CONFRONTI DI ALTRE PERSONE E RICORDIAMO CHE SU BSNEWS.IT NON VENGONO MAI FATTE CANCELLAZIONI DI COMMENTI ENTRANDO NEL MERITO DELLE OPINIONI ESPRESSE.
    RICORDI AMO INOLTRE A TUTTI CHE – DA REGOLAMENTO – NON SONO CONSENTITI DIBATTITI PUBBLICI SULLE CANCELLAZIONI. CHI DUNQUE VOLESSE SPIEGAZIONI SULLE CANCELLAZIONI PUO\\\’ CONTTATTARE LA MAIL info@bsnews.it ALLEGANDO FOTOTOCOPIA DEL PROPRIO DOCUMENTO DI IDENTITA\\\’.
    TUTTI I MESSAGGI PUBBLICATI CONTRARI ALLE REGOLE SARANNO SISTEMATICAMENTE CANCELLATI E IN CASO DI REITERAZIONE DI COMPORTAMENTI ILLEGALI GLI AUTORI SARANNO SEGNALATI ALLE AUTORITA\\\’ PREPOSTE). CONFIDIAMO NELLA COLLABORAZIONE DI TUTTI. GRAZIE.

LEAVE A REPLY