Donna incinta rapinata a calci e pugni sul treno, pochi minuti dopo il parto

0
Bsnews whatsapp

Ha partorito per le contrazioni indotte dalla fortissima emozione la donna al nono mese di gravidanza rapinata su un treno della linea Milano-Venezia da due malviventi che poi hanno cercato di far perdere le proprie tracce a Rovato. L’episodio risale al pomeriggio di sabato, intorno alle 16: due uomini hanno preso di mira la giovane per rubarle il cellulare con cui stava telefonando, la 28enne di origini nigeriane (residente a Romano) ha cercato di ribellarsi ma i malviventi – incuranti del suo stato – hanno iniziato ad aggredirla a calci e pugni. La donna, quindi, ha chiesto aiuto e il controllore ha chiamato le forze dell’ordine, mentre i due cercavano di darsi alla fuga nei dintorni della stazione di Rovato. I carabinieri li hanno presi dopo poche ore: si tratta di due 23enni di nazionalità albanese. Il primo è stato preso mentre da via Cesare Battisti si dirigeva verso il centro, il secondo domenica, dopo un’intensa attività investigativa. La vittima è stata trasportata al pronto soccorso di Chiari in stato di choc. La bimba è nata poco dopo. Si chiama Naomi e sta bene.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. Alla donna ed alla bimba. Siccome sono di colore non si sente la canea razzista. Vi immaginate se la donna e la bambina fossero bianche? Siamo arrivati a questo punto.

  2. Solidarietà a questa donna Nigeriana vittima di delinquenti che andrebbero espulsi senza se e senza ma. Aspettiamo con ansia leggi che legittimino le espulsioni per direttissima.

  3. Ma questi due delinquenti che sicuramente saranno già liberi? Dobbiamo aspettare il morto? Anzichè aspettare non possiamo pertarci avanti e ammazzarli direttamente?
    E’ chiaro a tutti che si sono messi a prendere a calci una donna incinta? Credete sia giusto fare un processo o altro? Certe persone vanno ammazzate e subito.

  4. Saranno già fuori i 2 delinquenti…
    Non c'entra la razza, sono 2 bastardi che hanno aggredito una persona con l'aggravante che si trattava di una donna in cinta. Andrebbero messi ai lavori forzati e alla sera 100 frustate prima mandarli di dormire in ginocchio sui ceci.
    Per 2 anni così e poi vedi che non lo fanno più

RISPONDI