Una famiglia su cinque ha un componente all’estero per lavoro

0

All’estero per cambiare vita? Alla ricerca di realizzazione professionale o di stabilità economica, l’estero rappresenta ancora un’occasione per circa 230mila lombardi: il 5% delle famiglie bresciane dichiara, infatti, di avere un proprio componente impegnato all’estero in esperienze di studio o lavoro. Nello specifico, per il 46% la scelta è dettata da esigenze professionali, per svolgere un’attività lavorativa specifica che in Italia non si riusciva a trovare, il 28% ha lasciato l’Italia per svolgere un corso universitario o un master di specializzazione, il 18% per migliorare la conoscenza delle lingue straniere, anche attraverso programmi di vacanza studio, e il 13% per lavoro, tra chi è in cerca di occupazione e chi svolge un’attività che non avrebbe scelto di fare in Italia.

A Milano città nel 2015 sono stati 4.128 a richiedere il trasferimento di residenza fuori dai confini nazionali: si tratta principalmente di giovani e laureati, infatti, il 39,3% ha un diploma di laurea e il 40,4% ha tra i 18 e i 35 anni. A fronte dell’esodo dei milanesi, sono quasi 13mila i trasferimenti di residenza in città da parte di stranieri, per lo più giovani under 35 (oltre il 70%). È quanto emerge da elaborazioni dell’Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Comune di Milano e da una stima su dati Istat e indagine “Famiglie e consumi. Monza e Brianza e Lombardia” realizzata dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza, in collaborazione con DigiCamere.

Comments

comments

LEAVE A REPLY