La sentenza: l’omicidio di Frank fu programmato nove mesi prima

0

L’omicidio di Frank Serramondi e della moglie era stato programmato da ben nove mesi. A scriverlo è il gup Alessandra Sabatucci, nella sentenza di condanna degli assassini della coppia (avvenuta l’11 agosto 2015) e in particolare di Muhammad Adnan: colui che ha tirato le fila del tragico blitz. Secondo il giudice, il gestore del locale di fronte a quello delle vittime sarebbe stato mosso da invidia e dalla convinzione che il proprio insuccesso economico fosse dovuto a Frank. Per questo hanno ucciso con un fucile a canne mozze il pizzaiolo e la moglie, colpevole soltanto di trovarsi lì nel momento sbagliato. Non solo, per lo stesso motivo – per mandare un messaggio intimidatorio a Frank – qualche settimana prima avevano ferito Corri Arben, suo dipendente.  

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome