Rovato, Tirelli accusa Belotti: cacciata perché volevo fare chiarezza sui debiti degli assessori

0

Si fa sempre più scottante la polemica nell’amministrazione di Rovato. Dopo il ritiro delle deleghe da parte del sindaco Tiziano Belotti di ritirare le deleghe a Tanja Tirelli, infatti, l’ormai ex assessore al Bilancio Tania Tirelli ha diffuso una nota con un comunicato durissimo, in cui si accusa sostanzialmente il primo cittadino di averle tolto le deleghe per aver provato a fare chiarezza sui presunti debiti di alcuni assessori nei confronti del Comune.

“Mi hanno detto dai vertici (della Lega, ndr)”, si legge nel comunicato, “che in primis va tutelato l’elettore, colui che ha scelto il partito votandolo o che potrà votarlo in seguito al bene che svolgerò per il paese. Mi sono attenuta a questo. Per primo ho sempre anteposto il bene dei cittadini e la tutela della Lega Nord in quanto rovatese e militante. Sono serena, in 7 mesi ho lavorato con la massima serietà, svolgendo al meglio il mio compito mantenendo un atteggiamento di onestà verso i cittadini rovatesi. Altri invece hanno ben pensato di “eliminare” la persona dalla quale si sentivano probabilmente controllati. Il motivo è semplice. A seguito dei volantini anonimi distribuiti a Rovato che dichiaravano che alcuni amministratori avevano debiti nei confronti del Comune, per motivi di trasparenza verso i rovatesi e di tutela verso l’ente Comunale, ho chiesto informazioni al dirigente finanziario, ma per tutta risposta”, attacca Tirelli, “il Sindaco mi ha revocato le deleghe da assessore. Due assessori al bilancio revocati in poco tempo dal Sindaco senza alcuna motivazione se non dei capricci. Ringrazio i dipendenti comunali che si sono resi sempre disponibili, attivi e seri nel loro lavoro, molto di più che alcuni amministratori”.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Prima o poi la corte dei conti chiederà giustificazioni all'amministrazione comunale. Nel frattempo possiamo solo sottolineare l'ennesima caduta di una classe dirigente incapace

  2. Purtroppo non c'è nulla di divertente e di inventato nelle notizie quotidiane da rovato. È solo frutto del meticoloso lavoro di lenta distruzione della cosa pubblica messa in atto da chi ha sicuramente non poche difficoltà gestionali

  3. pare siano 7 i magnifici che hanno debiti con il comune di Rovato. Ecco perchè l’assessore è stata tagliata fuori! Ora vogliamo i nomi di queste persone, vogliamo vedere chi dopo tanto rumore si permette di cacciare chi vuole fare pulizia a Rovato. Vera pulizia. Vediamo che dice ora il segretario provinciale della Lega Nord quello che si è autonominato nel CDA di Cogeme!!!

  4. Sul disastro di questa amministrazione siamo tutti d'accordo. Attenzione a non dire cose non esatte in quanto il segretario provinciale della lega non è nel CDA di Cogeme. Fortunatamente questo CDA è tecnico e non politico e sta lavorando come mai è stato fatto nei precedenti mandati, Il segretario in questione è nella società che è stata parzialmente acquisita da A2A.

  5. fa un pò sorridere che dei potenziali amministratori si candidino a governare il Comune (bene) rilasciando attestazione che nessun contenzioso è aperto con il Comune….. visto che dovrebbero essere loro in primis a far rispettare l’Ente…. e si scopre che sono i primi a non aver rispetto per i propri elettori….

  6. Di la tua. Perché non ci sono confronti con i cittadini che rappresenta spiegando il suo punto di vista? Perché siete sempre molto presenti in campagna elettorale e dopo vi trincerate tutti nel totale mutismo se c'è qualcosa che pensate possa minacciarvi? Aiutateci a capire. in caso contrario è lecito aspettarsi che la gente additi questo comportamento

  7. mi correggo LHG…. sempre solini pubblici! La domanda rimane perché la Lega Nord Provinciale a Brescia evita di fare chiarezza su questa situazione?? Segretario Formentini vuole intervenire a difesa di chi voleva vederci chiaro o si resta fermi senza voler chiarire veramente chi lavora per roveto e chi ci guadagna?

  8. Evita di dire cose non corrette. È l'assemblea dei soci che ha deciso il nome in quanto è un atto che può essere deciso solo dai titolari dell'azienda e non dal CDA….i proprietari sono i sindaci a maggioranza leghista e sono loro che hanno votato.

  9. L'imprecisione l'ho fatta io questa volta. Diciamo che la maggioranza non è di centro sinistra. In ogni caso, al di là di chi abbia eseguito l'atto formale, sta di fatto che queste amministrazioni a guida leghista stanno facendo esattamente il contrario di ciò che predicano contro roma ladrona. Ci sono comportamenti che farebbero impallidire la prima repubblica e l'amministrazione di rovato non è da meno

LEAVE A REPLY