Ghedi, sputa sui passanti e aggredisce ragazzino. 36enne ricoverato in struttura psichiatrica

0
vigili in azione
Un'auto della Polizia locale

Un 36enne violento è stato fermato dai vigili ieri a Ghedi grazie alle segnalazioni dei passanti. L’episodio è avvenuto nel piazzale del supermercato Lidl: l’uomo – secondo quanto riferisce una nota del Comune aveva iniziato a sputare sui passanti e all’attraversamento aveva spinto in malo modo un bambino di 11 anni che si stava recando a scuola. Preso per lo zaino il ragazzo ha rischiato di cadere a terra, ma è riuscito a cavarsela senza altri danni che un brutto spavento.

Sul posto si è così portata prontamente una pattuglia della Polizia Locale di Ghedi, che ha individuato il soggetto, un italiano di 36 anni, che è stato fermato (non senza difficoltà) e successivamente accompagnato negli uffici della stessa Polizia Locale. Gli accertamenti hanno evidenziato precedenti penali a carico dell’individuo per spaccio di stupefacenti. Lo stesso è stato esaminato da personale sanitario del servizio psichiatrico territoriale e in seguito ad un’apposita ordinanza del sindaco Lorenzo Borzi è stato sottoposto ad accertamento sanitario e al conseguente ricovero presso un’apposita struttura psichiatrica.

La posizione del trentaseienne è stata segnalata alla Procura della repubblica che sta valutando eventuali responsabilità penali a suo carico.

“Questo episodio – conferma il sindaco Lorenzo Borzi, che ha seguito l’intera vicenda insieme all’assessore alla sicurezza Gabriele Girelli – stata la conferma più eloquente dell’importanza fondamentale della collaborazione dei cittadini con le forze dell’ordine. L’ho già detto più volte e adesso lo ripeto, i ghedesi non devono avere timore di fare le loro segnalazioni, ma, al contrario, devono essere consapevoli che proprio partendo dalla loro segnalazione le forze dell’ordine, siano i Carabinieri, la Polizia Locale o quant’altro, possono agire con la necessaria efficacia. Segnalare è un modo per prevenire episodi che possono farsi anche molto pericolosi, come rischiava di capitare con l’individuo che stava spintonando un bambino che si stava recando a scuola. In casi del genere basta davvero poco perché la situazione degeneri, facendo correre, magari seri pericoli alle persone coinvolte. Può bastare una caduta e l’episodio diventa molto serio. L’intervento tempestivo degli agenti della Polizia Locale è riuscito a prevenire che la situazione degenerasse. Un risultato molto importante che è stato raggiunto solo grazie alla corretta segnalazione dei cittadini che si sono accorti di quello che stava accadendo. Questo comportamento e questo senso civico possono rendere più sicure le nostre comunità. E’ per questo che ribadisco una volta di più quanto sia importante che i cittadini segnalino, senza paura e con decisione, quello che vedono e che può sembrare sospetto o pericoloso. E’ il primo passo per rafforzare la sicurezza sul nostro territorio”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome