Brescia, aria ancora irrespirabile: se non piove scattano nuove misure

0

Mentre gli ambientalisti annunciano un flash mob di protesta, il Comune di Brescia informa che, visto l’andamento delle concentrazioni di Pm10, a partire da lunedì 20 febbraio 2017, qualora per le giornate di venerdì e sabato venissero confermati i livelli di concentrazione di polveri sottili oltre i 50 microgrammi/metro cubo, entreranno in vigore i provvedimenti di primo livello del Protocollo regionale per il miglioramento della qualità dell’aria (in tutti i 27 Comuni bresciani che lo hanno sottoscritto).

I dati relativi ai superamenti certificati da Arpa sono consultabili al seguente link: http://www.l15.regione.lombardia.it/#/protocollo-aria/pm10/list

In caso di conferma dei superi, domenica 19, in tarda mattinata, sulla pagina di Arpa sarà indicata la dicitura: “Attive da domani”.

Ricordiamo che le misure di primo livello prevedono che i veicoli diesel Euro 3, non dotati di sistemi di riduzione della massa di particolato allo scarico standard Euro 4, non possano circolare dalle 9 alle 17 nel caso in cui trasportino persone e dalle 7,30 alle 9,30 nel caso in cui trasportino cose. Per tutti i veicoli già limitati in modo strutturale dalle DD.G.R. n. 7635/08 e n. 2578/14 (Euro 0, 1 e 2), inoltre, il divieto di circolazione è esteso alle giornate di sabato, domenica e festivi infrasettimanali, dalle 7.30 alle 19.30. Si ricorda poi che per tutti i veicoli è vietato sostare con il motore acceso.

È anche prevista la riduzione di 1 grado centigrado del valore massimo delle temperature in abitazioni e negozi, passando da 20° C a 19° C con tolleranza di 2° C. Sono esclusi dal provvedimento ospedali, cliniche, case di cura e assimilabili, alberghi, palestre, piscine e saune, scuole e asili.

Vietato anche l’utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo), con prestazioni energetiche che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe 3 stelle. Infine, si applica il divieto assoluto per qualsiasi tipologia di combustioni all’aperto (falò rituali, barbecue, fuochi d’artificio, scopo intrattenimento, etc…) e per lo spandimento dei liquami zootecnici.

 

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome