Iseo, sindaco e giunta a costo zero. I cittadini risparmiano 260mila euro

4
Il sindaco di Iseo, il giornalista Riccardo Venchiarutti.
Il sindaco di Iseo, il giornalista Riccardo Venchiarutti.
Bsnews whatsapp

A Iseo Sindaco e Giunta han rinunciato allo stipendio. In 4 anni risparmiati oltre 260 mila euro. E nel 2017 nessuna spesa neppure per rimborsi e spese di rappresentanza. L’indebitamento del Comune scende da 18 a 6 milioni.

Il 2017 è a suo modo un anno storico nella vita del Comune di Iseo. Per la prima volta infatti la voce costi della politica sarà pari a zero. Dopo che 4 anni fa Sindaco e Giunta hanno rinunciato al loro stipendio da quest’anno non è più neppure prevista la somma che i datori di lavoro degli amministratori chiedevano all’Ente locale, in base alla legge, per le loro assenze. Inoltre non ci sono spese di rappresentanza e neppure rimborsi per viaggi. Insomma zero assoluto.

Iseo è uno dei pochissimi comuni di una certa consistenza (intorno ai 10 mila abitanti) a trovarsi in questa situazione. La legge prevede che il Sindaco Riccardo Venchiarutti percepisca 2600 euro al mese, la metà, cioè 1300, il vicesindaco PierFranco Savoldi, il 40% cioè 1040 gli assessori Pieranna Faita, Paola Bolis e Pasquale Archetti. Tutti hanno rinunciato per intero al loro compenso nel 2013, e la cifra risparmiata, oltre 270 mila euro sin qui, è andata a finanziare uno specifico capitolo cosiddetto “nuove povertà” attraverso il quale il Comune aiuta le famiglie iseane in difficoltà. Tutti i consiglieri comunali, minoranze comprese, hanno inoltre annunciato di voler devolvere in beneficienza il gettone di presenza alle sedute (poco più che simbolico: 13 euro lordi !).

Quello dei compensi agli amministratori è certamente una goccia nel mare ma ha contribuito agli ottimi risultati di bilancio. Il più eclatante: la drastica riduzione dell’indebitamento: era pari a 18 milioni nel 2009 ora è intorno ai 6 milioni.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

4 COMMENTI

    • Pensi allo stipendio fantasmagorico che da anni paghiamo come parlamentare europeo al suo leader Salvini che invece va da una manifestazione pubblica ad una televisione qui in Italia ed accumula ogni anno uno dei più alti tassi d assenteismo al Parlamento Europeo. Ancora pià vergognoso se pensiamo che il leader padano si batte un giorno sì e l’altro pure per uscire dall’euro e dall’Europa Unita per giunta come sostenitore di Putin e Trump nonchè della Le Pen. Gran fenomeno, davvero gran fenomeno !

RISPONDI