Moschee, Beccalossi: i sindaci non nascondano la testa sotto la sabbia

0
Assessore Beccalossi
Viviana Beccalossi Fratelli d'Italia

“La legge sui luoghi di culto e’ chiara e puntuale e i sindaci hanno tutti gli strumenti per farla
applicare. Anche per quanto riguarda le moschee e i centri islamici. Se poi qualcuno cerca di fare maldestramente l’azzeccagarbugli per dribblare le regole faccia pure. Noi, forti della sentenza della Corte Costituzionale che ha respinto l’impugnativa del Governo Renzi, proseguiamo dritti e spediti sulla nostra strada. La strada della legalita’ e della sicurezza dei lombardi”.

Lo dice l’assessore regionale al Territorio, Urbanistica Difesa del suolo e Citta’ metropolitana Viviana Beccalossi, incaricata dal presidente Maroni a porre in essere tutte le iniziative di contrasto al radicalismo islamico, che questa mattina in Consiglio regionale ha risposto a
un’interrogazione in merito alla Legge regionale sulle attrezzature religiose. “La Legge – prosegue Viviana Beccalossi- parla chiaro: per costruire nuovi luoghi di culto i Comuni devono
dotarsi all’interno del proprio Pgt di un Piano delle attrezzature religiose che preveda, tra l’altro, delle distanze adeguate tra luoghi di culto di diverse confessioni. I Sindaci possono e anzi devono operare in tal senso, anche senza l’indicazione di distanze minime da parte della Regione”.

“I sindaci – conclude Viviana Beccalossi – hanno due strade: quella di affermare la legalita’ e
applicare la legge o quella della politica dello struzzo mettendo la testa sotto la sabbia. Poi c’e’ anche l’anomalia del Comune di Milano dove il sindaco Sala di giorno inizia il percorso di una variante urbanistica nel rispetto della legge regionale e di notte mette la testa sotto la sabbia di palme e banani di piazza del Duomo restando colpevolmente inerte nei confronti di moschee e centri islamici illegali”.

Comments

comments


CALCIOBRESCIANO

RISPONDI