Controlli ambientali, Mottinelli: serve un tavolo di confronto Regione-Province

Il Presidente della Provincia di Brescia e di Unione Province Lombarde, Pier Luigi Mottinelli, propone un tavolo di confronto tra Regione e tutti i Presidenti di Provincia lombardi sul tema delle competenze

0
Pier Luigi Mottinelli
Pier Luigi Mottinelli

Dopo la decisione della Provincia di Brescia di sospendere i controlli sanzionatori in materia di utilizzo degli effluenti di allevamento (liquami) fino a quando non ci sarà chiarezza con Regione Lombardia, alla quale vanno tutti gli introiti delle multe ed è l’Autorità che decide sui ricorsi, il Presidente della Provincia di Brescia e di Unione Province Lombarde, , anche se convinto che sia stato un errore da parte di Regione Lombardia evocare a se la delega dell’Agricoltura, propone un tavolo di confronto tra Regione e tutti i Presidenti di Provincia lombardi affinché si faccia chiarezza sulle competenze.

“I controlli per l’utilizzo dei reflui zootecnici – sottolinea il Presidente – a seguito del riordino delle competenze deciso dalla Regione, sono attribuiti alla stessa Regione con l’unica eccezione della Provincia di Sondrio e la città metropolitana di Milano. Inoltre, le guardie ecologiche volontarie (GEV), dopo avere superato un esame di abilitazione da parte di una commissione regionale, sono nominate guardie giurate con decreto prefettizio e le loro competenze sono previste da un decreto del Presidente della Regione (D.p.g.r. 21 aprile 2009 – n. 3832). Alle Province rimane solo la gestione, che consiste nel fornire a tali volontari gli strumenti per poter lavorare e il contributo regionale è irrisorio, per la Provincia di Brescia lo stanziamento ammonta a 5.000 euro. Se le GEV risultano impreparate è la Regione che deve intervenire, così come è sempre la Regione che può intervenire sugli ambiti di competenza delle stesse GEV. E’ necessario fare chiarezza sulle competenze e trovare una soluzione che non penalizzi le Province, alle quali restano in carico solo i costi di queste operazioni”.

Nel quadro delle relazioni tra il Presidente di UPL Mottinelli e il Governatore Maroni, all’ indomani del referendum del 4 dicembre, si sta dialogando per la conferma delle deleghe.

“Auspico – ha concluso Mottinelli – che da parte dell’Assessore Fava ci sia un atteggiamento propositivo e di correttezza istituzionale nell’interesse degli allevatori, del mondo agricolo  e soprattutto dell’ambiente”.

Si precisa che la Provincia di Brescia non ha mai sospeso i controlli attraverso il personale di ruolo della Polizia Provinciale, ma solo quelli delle GEV.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome