Confindustria, patto tra Brescia, Cremona e Mantova: nasce la rete servizi innovativi

Le tre Associazioni territoriali di Brescia, Cremona e Mantova si sono incontrate oggi in Aib per firmare il nuovo protocollo di intesa

2
La firma dell'accordo tra le associazioni confindustriali di Brescia, Cremona e Mantova, www.bsnews.it
La firma dell'accordo tra le associazioni confindustriali di Brescia, Cremona e Mantova, www.bsnews.it

Il cambiamento dello scenario mondiale in cui le aziende si trovano ad operare tocca ogni ambito dell’operatività delle imprese italiane, rimodellandone il “fare impresa” finora conosciuto. Dalla comprensione del reale impatto delle tecnologie correlate all’Industria 4.0, al welfare aziendale, dall’improrogabile spinta verso l’internazionalizzazione, fino ad arrivare ai nuovi trend nell’ambito del Credito e della Finanza, dell’Ambiente e dell’Energia.

Le Associazioni territoriali e l’intero Sistema Confindustriale possono fare la differenza, attuando tutte quelle azioni necessarie ad aumentare la competitività delle nostre imprese, valorizzarle come “bene sociale” e difenderne i diritti, oltre che attraverso la rimodulazione o la creazione di nuovi servizi adeguati e rispondenti ai reali fabbisogni.

Le tre Associazioni territoriali di Brescia, Cremona e Mantova si sono incontrate oggi presso la sede di Associazione Industriale Bresciana per firmare il nuovo protocollo di intesa, di cui sono state poste le basi durante l’incontro operativo che ha sancito a febbraio 2017 il momento della nascita del Digital Innovation Hub della Lombardia Orientale.

Il protocollo d’intesa oggi sottoscritto dai tre Presidenti di Associazione Industriale Bresciana, Associazione Industriali Cremona e Confindustria Mantova, si concretizza nella nuova “Rete Servizi Innovativi per le Aziende” che si pone come obiettivo l’erogazione di servizi alle aziende associate, la realizzazione di progetti comuni di collaborazione e la creazione di iniziative orientate allo sviluppo delle imprese che sappiano valorizzare allo stesso tempo le esperienze e le specificità territoriali.

Dichiara Marco Bonometti, Presidente di Associazione Industriale Bresciana: ”Questo progetto nasce per realizzare iniziative concrete che mettano sinergicamente a sistema la molteplicità delle filiere dei nostri territori. Un’operazione importante che saprà dare sostegno ai nostri imprenditori. Ringrazio i miei colleghi di Cremona e Mantova e i rappresentanti delle nostre tre Camere di Commercio per aver creduto con noi in questo progetto, mettendosi con serietà al servizio delle imprese, cosa mai scontata”.

Aggiunge Umberto Cabini, Presidente di Associazione Industriali Cremona “Ringrazio Marco Bonometti per questa opportunità. Finalmente si apre un nuovo dialogo: una sfida per fare sistema con la finalità di erogare nuovi servizi alle territoriali, facendo economie di scala”.

Conclude Alberto Marenghi, Presidente di Confindustria Mantova “Oggi è un giorno importante. Credo molto in questo progetto e sono sicuro che continueremo a fornire servizi di eccellenza ai nostri Associati”.

La firma dell'accordo tra le associazioni confindustriali di Brescia, Cremona e Mantova, www.bsnews.it
La firma dell’accordo tra le associazioni confindustriali di Brescia, Cremona e Mantova, www.bsnews.it

A seguito della firma del protocollo, i Presidenti delle tre Associazioni territoriali si sono riuniti con i rappresentanti delle tre Camere di Commercio, Giuseppe Ambrosi – Presidente della Camera di Commercio di Brescia, Maria Grazia Capelli – Segretario generale della Camera di Commercio di Cremona e Carlo Zanetti – Presidente della Camera di Commercio di Mantova per confrontarsi sulle prossime iniziative a sostegno del sistema impresa.

Dichiara Giuseppe Ambrosi, Presidente della Camera di Commercio di Brescia “Dobbiamo evitare dispersione di risorse e restituire al territorio quanto da loro investito in termini di servizi e di sostegno. La Camera di Commercio di Brescia aderisce con grande entusiasmo a questa iniziativa di mutua collaborazione tra territori vicini per storia e cultura imprenditoriale”.

Ribadisce Maria Grazia Capelli Segretario generale della Camera di Commercio di Cremona “La situazione attuale ci spinge ad operare in un’ottica di sussidiarietà destinando le risorse a creare servizi per le imprese, in modo sinergico evitando inutili duplicazioni, come più volte indicato dal Presidente Auricchio e dalla giunta e dal consiglio camerale”.

Sottolinea infine Carlo Zanetti, Presidente della Camera di Commercio di Mantova “Un’ottima iniziativa e credo che noi tre camere di commercio dobbiamo diventarne il braccio operativo per finalizzare i nostri migliori servizi a supporto delle aziende”.

 

Comments

comments

2 COMMENTS

    • La politica nazionale è tutta impegnata nientemeno che…nel rilancio di Renzi, del suo super-io ipertrofico e della Santa Alleanza finale del 2018 tra un giovanotto di nome Berlusconi e un boy scout toscano per governare il Paese. La politica regionale lombarda è tutta concentrata sul referendum pseudo-autonomista dal costo di 46 milioni di euro per la sola consultazione. La Provincia di Brescia, una nullità assoluta per competenze residue, non dorme di notte nel tentativo di reperire i 57 milioni di euro senza i quali è impossibile tecnicamente chiudere il bilancio 2016. Il Comune di Brescia, che non riesce affatto a “cambiare l’aria” della quinta città più inquinata d’Europa e la prima in Italia per alcune correlate tipologie di tumore maligno, si occupa e preoccupa solo di svendere a piccole dosi ( si chiama “mitridatismo comunale”…) il patrimonio residuo in partecipazioni ed immobili per pagare ogni anno i “debiti incubo” del Metrobus. Profetizzo che per la politica la Lombardia Orientale sia e sarà solo un optional, come i fari antinebbia o il lunotto termico di un’autovettura…

LEAVE A REPLY