Giochi, Beccalossi: no al modello Far west del governo

Lo dice l'assessore regionale commentando la proposta illustrata oggi dal sottosegretario Pier Paolo Baretta durante un’audizione al Senato

1
Viviana Beccalossi
Viviana Beccalossi
Bsnews whatsapp

“No al modello in stile Far West proposto dal Governo, sì a regole chiare e puntuali come quelle oggi in vigore in Lombardia. Il sottosegretario Pier Paolo Baretta invece che proporre norme che valgano per tutti gli 8.000 comuni italiani, escogita soluzioni impraticabili che manderanno in tilt i nostri sindaci. In pratica, se passasse l’idea del Governo, che indica in un massimo di 150 metri la distanza da un luogo sensibile e in 50 metri quella minima obbligatoria come scelta opzionale dei sindaci, ci troveremmo ad avere città ‘slot-free’ confinanti a ad altre con slot machine in ogni strada”.

Lo dice Viviana Beccalossi, assessore regionale al Territorio e Urbanistica della Lombardia, delegata dal presidente Maroni a trattare la materia della ludopatia, commentando la proposta illustrata oggi dal sottosegretario Pier Paolo Baretta durante un’audizione al Senato. “Lombardia e Governo – prosegue Viviana Beccalossi – sono agli antipodi, noi abbiamo una legge, approvata all’unanimità dall’intero Consiglio regionale e apprezzata da tutti i sindaci, che impone una distanza minima di 500 metri tra una ‘macchinetta mangiasoldi’ e un luogo sensibile, il Governo Gentiloni vorrebbe ridurre questa distanza a 50 metri. Proposta irricevibile che sarà oggetto di discussione lunedì 22 maggio a Milano dove abbiamo organizzato la ‘Seconda giornata nazionale per il contrasto al gioco d’azzardo patologico’”.

“Al sottosegretario Baretta, cui abbiamo proposto la disponibilità a ragionare su una distanza minima obbligatoria di 300 metri – aggiunge l’assessore Beccalossi – rispondo che la mia posizione, è la stessa di molte altre Regioni e Amministrazioni comunali, prima fra tutte la Puglia del presidente Emiliano che certamente non fa parte del mio schieramento politico”. Se impedire che migliaia di famiglie italiane si rovinino e purtroppo a volte precipitano addirittura in un dramma irreparabile significa, come mi accusa Baretta, essere proibizionista allora mi fregio di questo titolo”. “Ma il sottosegretario – conclude Viviana Beccalossi – è troppo intelligente per non capire che noi siamo per una vera regolamentazione del gioco. E che il gioco d’azzardo non può essere l’ultima spiaggia per risanare i conti dello Stato sulla pelle della povera gente”.

Comments

comments

Ufficiostampa.net

CALCIOBRESCIANO
CONDIVIDI

UN COMMENTO

  1. “ci troveremmo ad avere città ‘slot-free’ confinanti a ad altre con slot machine in ogni strada”

    È già così anche oggi basta guardare al confine tra Brescia e Rezzato: a Rezzato hanno proibito a delle attività commerciali di installare 1 o 2 macchinette che servivano ad arrotondare già scarsi bilanci perché il comune ha identificato nella scuola Lonati un punto sensibile, se ci si sposta 50 metri il comune di Brescia ha fatto aprire una sala giochi gigantesca con decine e decine di macchinette mangia soldi, una sala aperta giorno e notte, nonostante quest’ultima sia ancora più vicina alla scuola Lonati. Così i pubblici esercizi di Rezzato sono, come si suol dire, cornuti e mazziati! Ma nessuno dice nulla! Ne il comune di Rezzato e men che meno il comune di Brescia. Summum ius summaIniura.

RISPONDI