Internazionali di tennis di Brescia, italiane poco fortunate nei sorteggi

2° turno qualificazioni: Caregaro b. Ghitescu (Rom) 7-5 6-2, Chiesa b. Brianti 6-4 6-2, Alves (Bra) b. Duca (Rom) 6-4 6-2, Pigossi (Bra) b. Bronzetti 6-3 6-4, Marfutina (Rus) b. Sabino (Svi) 6-1 5-2 ritiro, Hon (Aus) b. Colmegna 6-4 2-6 6-4, Matteucci b. Balducci 6-2 6-3, Simic (Bih) b. Bilardo 6-2 6-4.

0
Martina Caregaro - foto GAME
Martina Caregaro - foto GAME

Sono due gli incontri che attirano in modo particolare la curiosità degli appassionati nel main draw sorteggiato oggi e al via domani sui campi del Tennis Forza e Costanza, sede dell’edizione numero 10 degli Internazionali femminili di Brescia. Da una parte quello tra l’azzurra di Fed Cup Martina Trevisan e la testa di serie numero 6, la paraguaiana Montserrat Gonzalez; dall’altra quello tra la giocatrice più titolata presente quest’anno, la slovena Polona Hercog (ex numero 35 Wta), e la 19enne azzurra Lucrezia Stefanini, che proprio domenica scorsa ha vinto il primo torneo pro in carriera, il 15 mila dollari di Hammamet. Entrambe le sfide andranno in scena nella giornata di mercoledì, mentre per domani il match clou è quello in programma alle 17.30, quando sul Centrale del Castello saranno di fronte Stefania Rubini e Jil Teichmann, la 19enne svizzera che promette davvero bene, e che è la seconda favorita per il titolo. La numero 1, stando alle classifiche stilate oggi dalla Wta, è invece l’ucraina Kateryna Kozlova, 140 al mondo ma con un passato recente da numero 89: per lei ci sarà un esordio (mercoledì) contro la venezuelana Gamiz, che al Forza e Costanza arrivò in finale a sorpresa due anni fa, battuta soltanto dalla Vogt.

 

Complessivamente, le italiane in gara sono otto, ma soltanto la ligure Cristiana Ferrando ha avuto un sorteggio che la farà partire con un certo margine di vantaggio, essendo stata abbinata a una qualificata. Per le altre, ci sarà bisogno di un exploit per approdare agli ottavi e mantenere vive le speranze di trovare un’altra azzurra nell’albo d’oro, dopo il trionfo nel 2016 di Karin Knapp. Nella giornata di domani, intanto, si conclude il tabellone delle qualificazioni, che sta portando alla ribalta altre italiane dal potenziale interessante. Sta confermando il suo momento felice la trentina Deborah Chiesa, che ha fatto valere la sua maggior pesantezza di palla di fronte a una Alberta Brianti un po’ sottotono. Molto bene anche Alice Matteucci, compagna di allenamenti della Chiesa nel team romano che fa capo ai fratelli Piccari: per lei, comodo 6-2 6-3 su Alice Balducci, marchigiana che in questi tornei è spesso capace di fare risultato. Nulla da fare invece per Lucia Bronzetti, che però non è dispiaciuta nella sconfitta patita dalla brasiliana Laura Pigossi, e per Martina Colmegna, eliminata dopo una battaglia di tre set con la promettente australiana Priscilla Hon, 19enne che tra le juniores ha saputo lasciare il segno arrivando a un passo dalle top 10. Esce di scena, ma a causa di un malessere che l’ha condizionata per tutta la partita fino a costringerla al ritiro, pure la svizzera Lisa Sabino, vincitrice della prima edizione degli Internazionali nel 2008. Domani ultimo (e decisivo) turno delle qualificazioni a partire dalle ore 10. Dalle 12, il via ai match del main draw.

RISULTATI

2° turno qualificazioni: Caregaro b. Ghitescu (Rom) 7-5 6-2, Chiesa b. Brianti 6-4 6-2, Alves (Bra) b. Duca (Rom) 6-4 6-2, Pigossi (Bra) b. Bronzetti 6-3 6-4, Marfutina (Rus) b. Sabino (Svi) 6-1 5-2 ritiro, Hon (Aus) b. Colmegna 6-4 2-6 6-4, Matteucci b. Balducci 6-2 6-3, Simic (Bih) b. Bilardo 6-2 6-4.

Deborah Chiesa – Foto GAME

Comments

comments

LEAVE A REPLY