Ponte Zanano, al bar adesso il caffè si paga in bitcoin

Le giovani lumezzanesi Ilaria Zanotti e Sara Bossini, domenica, apriranno il primo bar in cui sarà possibile anche pagare il caffè in moneta virtuale

0
Nel Bresciano, a Ponte Zanano, apre il primo bar in cui è possibile pagare il caffé in bitcoin
Nel Bresciano, a Ponte Zanano, apre il primo bar in cui è possibile pagare il caffé in bitcoin

Le quotazioni hanno subito una crescita vertiginosa negli ultimi mesi e anni, ma con qualche drammatico crollo in mezzo. Ma l’oscillazione anomala della moneta non ha speventato le giovani lumezzanesi Ilaria Zanotti e Sara Bossini, titolari di un nuovo bar che domenica alle 17 aprirà le porte a Ponte Zanano di Sarezzo.

Il  bar il Fusto di via Serradello (all’imbocco della strada per Polaveno), infatti, sarà il primo – e unico – bar della provincia di Brescia ad accettare i pagamenti anche in bitcoin, la più celebre delle criptovalute presenti oggi sul mercato mondiale. Il pagamento – secondo quanto riferisce anche il Giornale di Brescia, che ha scovato la curiosa storia – avverrà ovviamente tramite cellulare, in cui il cliente avrà installato il proprio borsellino virtuale (bitcoin wallet).

COSA SONO I BITCOIN?

Il Bitcoin è una moneta virtuale le cui quotazioni hanno superato i 2000 dollari a unità: attualmente valgono circa il 40 per cento del mercato mondiale delle criptovalute, che secondo alcune stime si può quantificare in circa 20 miliardi di dollari. I bitcoin sono stati inventati nel 2008 su impulso di un anonimo programmatore conosciuto con lo pseudo di Satoshi Nakamoto e non esiste una banca centrale che li conia: a crearli possono essere i singoli utenti con un lungo lavoro che mette alla prova i processori dei computer. Il numero delle monete presenti sul mercato, inoltre, è stato limitato alla nascita per evitare forme di iperinflazione. I bitcoin garantiscono forme di pagamento totalmente anonime, anche per questo sono la moneta più usata sul deep web e da parte della criminalità organizzata on line. Ma sono numerosi ormai i punti fisici (ristoranti, hotel e via dicendo) che li utilizzano anche nella vita reale.

Comments

comments

LEAVE A REPLY