Influenza aviaria, a Remedello abbattuti 29mila capi

Ad intervenire su due allevamenti di anatre è stato il personale dell'ATS

0
Polli in allevamento - foto da Web
Polli in allevamento - foto da Web

Continuano nel bresciano le emergenze causate dall’influenza aviaria, il virus che colpisce i volatili ma che non è pericoloso per l’uomo.

L’ultimo caso – come riporta la versione online del Giornale di Brescia – è stato registrato a Remedello, dove il personale dell’ATS è intervenuto su due allevamenti di anatre con un’operazione di depopolamento abbattendo circa 29mila capi.

Quello di Remedello è però solo l’ultimo caso del mese di ottobre, un mese che – sempre secondo il quotidiano – è stato nero per gli allevatori avicoli: a San Gervasio, Pavone Mella e Pontevico sono stati abbattuti, in totale, più di 90mila tacchini.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome