Smog, l’aria bresciana e lombarda rimane malata

Nella giornata di giovedì 2 novembre (sono gli ultimi dati noti), il limite di 50 microgrammi al metro cubo è stato ampiamente superato in Broletto (76 microgrammi), a Odolo (58), a Rezzato (91), a Sarezzo (80)

20
Mascherina antismog
Mascherina antismog

Continua ad essere malata l’aria bresciana e lombarda. La conformazione naturale della pianura padana, l’elevata concentrazione di industrie, il clima e il forte traffico automobilistico, infatti, fanno sì che i livelli di polveri sottili siano stabilmente tra i più elevati d’Italia, d’Europa e del mondo.

Nella giornata di giovedì 2 novembre (sono gli ultimi dati noti), il limite di 50 microgrammi al metro cubo è stato ampiamente superato in Broletto (76 microgrammi), a Odolo (58), a Rezzato (91), a Sarezzo (80), mentre il dato del Villaggio Sereno non era disponibile.  Valori in crescita rispetto all’inizio del mese, che potrebbero essere comunque mitigati dalla pioggia annunciata per questo fine settimana. Ma ottobre è stato uno dei mesi più scarsi anche su questo versante. E la soluzione del problema smog non può essere certo affidata al meteo.

I dati di Pm10 nell'aria secondo le centraline Arpa a inizio novembre 2017
I dati di Pm10 nell’aria secondo le centraline Arpa a inizio novembre 2017, fonte Comune di Brescia

Comments

comments

20 COMMENTS

  1. Le soluzioni per migliorare l’aria ci sono : vedi GdB del 3 nov. ” la soc.Rse Gestore Servizi Energetici, ritiene molto più utile la riconversione parziale del parco auto, pubblico e privato verso veicoli ecologici….si avrebbe una riduzione del 26% delle emissioni.”
    Lavaggio delle strade con getto di acqua dall’ altezza di circa 2 metri e contemporaneo innaffiamento dei giardini, pubblici e privati
    Piantumazione di piante e cespugli anti smog. Sul GdB del 4 nov i Fluorvivaisti lombardi insistono ” Un giardino di 100 mq assorbe 6 kg di polveri sottili..”
    Uso di materiali fotocatalitici inventati e prodotti da Italcementi.
    Ecc… Anche evitando eccessivi divieti, una collaborazione pubblico / privato

    • Fluorvivaisti lombardi ? Si occupano per caso di vivai…di fluoro in Lombardia, cioè di un minerale utile per ossa e denti ?

        • I florovivaisti non sanno piú a quale treno (redditizio) attaccarsi per crearsi un mercato… Dopo il flop e la malafede dimostrata col caso delle piante mal tegliate dai volontari del comune di bagnolo mella (a proposito, non vi abbiamo piú sentiti sull’argomento, cosí accaniti e attenti all’ambiente e al benessere delle piante solo quando le tagliano gli altri, guardate che le piante sono state ancora tagliate dagli incompetenti volontari che voi accusavate ma ai quali, su loro richiesta, non avete voluto insegnare) adesso sperano in questi interventi inutili x ridurre l’inquinamento nelle città…. mamma mia quanti disastri farebbero i civici al governo…. forse peggio dei politici…

  2. Dimenticavo. Sullo stesso GdB del 4 nov. fra le lettere al dir. ” polveri sottili, il mancato lavaggio delle strade.” L. Croce
    Interessante e circostanziata

    • Da “Eco delle Città” (rivista on line di ecologia): “La relazione finale dell’agenzia regionale (Arpa ndr) parla chiaro: risultano del tutto negativi i risultati del lavaggio delle strade effettuato lo scorso anno a Milano, nella speranza di abbassare il livello del Pm10 nell’aria. Il perché lo spiega Giancarlo Tebaldi, della sezione lombarda rilevatrice di Pm10: “Solo le polveri totali sospese sono dilavate dall’acqua, mentre il Pm10 ed il Pm5 si comportano come gas e dunque non ne risentono. Anzi – continua Tebaldi – bagnare le strade aumenta l’umidità che fa addirittura innalzare il Pm10, trattandosi di particelle idroscopiche”. Insomma: il lavaggio delle strade non dilava il Pm10 perché sono particelle troppo fini”. Se queste sono le conclusioni tecniche, essendo il nostro un problema soprattutto di PM10 e polveri sottili, lasciamo il Prof.Belli, come di consueto, nelle sue convinzioni, interessanti e circostanziate…

  3. AIM Vicenza tre autobotti per combattere inquinamento
    Asma : regolamento e calendari per lavaggio e pulizia strade
    Bolzano Brunico intensificano i lavaggi notturni con opportuni additivi
    Ecc…
    Le città del nord Europa lo usano spesso. Vecchia usanza nei paesi
    Il lavaggio simula in parte la pioggia che nessuno nega sia positiva per pM 10
    Lo scienziato Nostranullus è invitato a Vicenza, a Vercelli,a Brunico, spero non a Brescia !

    • Caro professore: ha fatto presente, come saggio nominato dal sindaco del bono, tutte queste innovative soluzioni, documentandole in maniera circostanziata, e portando numerosi esempi? Come cittadini vorremmo sapere: che risposte ha ricevuto? Attendiamo ansiosi risposte pertinenti a ciascuna domanda.

    • Cronaca di Torino 2016: “‘Il lavaggio intensivo delle strade di Torino non è la soluzione migliore al problema inquinamento. Si può dire infatti fallito il test effettuato dall’Arpa dal 30 gennaio all’8 febbraio, su esplicita richiesta dell’assessorato all’Ambiente, su un’estensione stradale di 14 chilometri. I risultati parlano chiaro e quello che emerge è l’assenza di dati che attestino una diminuzione delle concentrazioni di PM10 nell’aria dopo il lavaggio delle strade. Anzi, al contrario, è stato riscontrato un peggioramento relativo alle concentrazioni di particolato nella giornata della pulizia.” Il Prof.Belli è invitato a Milano e Torino e presso le due Arpa regionali: città governate da centrosinistra e grillini, regioni governate da centrodestra e centrosinistra. Della serie: piove sul bagnato…

  4. Tra Torino e Vicenza, incontriamoci a Cellatica, dalle nostre parti, dove mi dicono che dopo 7 o 8 giorni di siccità lavano le strade.

    • 7 o 8 giorni di siccità e 47 giorni continuativi di esubero ad oggi dei valori massimi di inquinamento da Pm10 (di norma…più di 200 in un anno) sono la stessa cosa poichè basta lavare le strade…et voilà !

    • Evviva la puerilità e le soluzioni semplici, tipo caritas e preti che, a pancia piena, lanciano anatemi contro la fame nel mondo e credono di aiutare i poveri imponendo i loro sistemi, senza accorgersi che spesso non solo non risolvono, ma complicano ulteriormente i problemi…. dai belli, faccia un passo in più e si distingua dal ciarpame che ho descritto.

  5. Sono a Kalisz e, anche senza volerlo, assisto a una discussione su come prepararsi a lavare le strade per combattere lo smog. Tranquillo duetto anonimo, faremo una riunione tecnica internazionale, dove però, non si può restare anonimi. Prometto che non proporrò Cellatica, terreno non imparziale.

    • Belli, si limiti a Brescia e, come saggio nostrano, imponga a Del Bono, previa telefonata ai “verginelli coi polmoni sani” di A2A, di lavare tutte le strade cittadine per una settimana, magari citandogli…Cellatica. Misuriamo prima e dopo i livelli di Pm10 e Pm5 e poi, da buoni S.Tommaso, le diamo molto volentieri ragione se i benefici sono doocumentabili. Altrimenti, basta chiacchiere altrimenti ci obbliga a ricordare che persino uno come il Presidente degli USA è convinto che l’inquinamento del pianeta sia una leggenda metropolitana.

  6. Alle mie circostanziate domande Belli non risponde: “Sono a Kalisz e, anche senza volerlo, assisto a una discussione su come prepararsi a lavare le strade per combattere lo smog…”. Concludiamo quindi che i civici chiacchierano ma non fanno, come i politici. Alle domande non rispondono come i politici. Quando ricoprono cariche se ne guardano bene da criticare chi li ha nominati, come i politici. Continuano a sbandierare alla gente distratta soluzioni roboanti, facili e puerili, ma alla fine non sanno nemmeno criticare chi non fa solo perchè occupano una poltrona (anche gratuita), come i politici. Ma allora, che differenza c’è fra loro e i politici? Nessuna! E qui l’abbiamo ampiamente constatato…

  7. Informarsi, leggere, documentarsi : prima di aggredire e sparlare !! Questo gli anonimi non lo san fare. A Brunico, Lienz e Klagenfurt l’Unione Europea ha promosso un progetto tecnico scientifico per lavaggio periodico delle strade con Cma per dissociare gli inquinanti ( Pm10 ) Inizio 2009 _ riduzione 20%. Ripetuto successo a Londra.
    Procuratevi il testo ! Oppure : startup – piattaforma Apa meccanismo simil pioggia :risultati favorevoli : eliminata nocività . Ecc…
    Testi solitamente complessi di 15 / 40 pagine, un po corposi per inserirli in qualche riga di Bsnews !!
    Oltre al buon senso antico e all’uso popolare in varie parti del mondo anche la scienza lavora, con perfezionamenti tecnici integrati.
    Basta chiacchiere anonime e vanesie ! Anziché balbettare procuratevi studi, dati, testi, …. seriamente.

    • Caro professore: ha fatto presente, come saggio nominato dal sindaco del bono, tutte queste innovative soluzioni, documentandole in maniera circostanziata, e portando numerosi esempi? Come cittadini vorremmo sapere: che risposte ha ricevuto? Attendiamo ansiosi risposte pertinenti a ciascuna domanda. È tanto difficile rispondere, caro belli?

  8. Questa è la spiegazione tecnico-scientifica riportata da Legambiente. A Linz e Klangenfurt cosa ci dicono di altrettanto tecnico ?
    “Inquinamento da polveri sottili a Padova, Legambiente: “Inutile il lavaggio strade”.
    Il lavaggio delle strade non ha alcun effetto significativo sulle concentrazioni di Pm10 nell’area lavata: ciò dipende dal limitato contributo della componente ‘suolo’ alle concentrazioni di Pm10. Se si considera questo fattore e lo spazio intercorso in 24 ore da una massa d’aria che si muove a 1m/s, il lavaggio artificiale del suolo, anche di un’area di dimensione pari al territorio comunale di Milano, non porta ad una variazione significativa alle concentrazione medie giornaliere di pm10. Esiste un gradiente verticale delle concentrazioni di pm10, calcolato pari a -10% su 25 metri, ma questo non risulta significativamente influenzato dal lavaggio delle strade. L’umidità del suolo influisce sulla risospensione del particolato (componente ‘suolo’) e quindi sul gradiente; l’effetto è però così limitato da non variare significativamente la qualità del pm10″.
    Noi aspettiamo sempre che Del Bono e A2A partano con una sperimentazione su suggerimento del saggio Belli. Altrimenti, ci trasferiamo tutti a Londra, a Brunico o a Cellatica, a seconda delle personali disponibilità economiche…

  9. Il duetto perfido e anonimo, Nostradamus e Klero- considerazione, non potendo accusare il Vaticano di produrre Pm 10, borbottano, propendendo per un ambiente inquinato,senza suggerire soluzioni come sempre. Sembra dicano : ” inquinate i vostri polmoni, ingrigite le vostre anime e i vostri corpi !
    Non seguite le innovazioni tecniche, non sperate in alcun miglioramento….. Noi, duetto perfido, non diamo alcun consiglio, bocciamo tutto ciò che può aprire uno spiraglio !

    Lasciamo spazio anche ad altri lettori / commentatori

    • Noi stiamo ancora aspettando le sue risposte alle solite domande che, per la terza volta, ripropongo: caro professore: ha fatto presente, come saggio nominato dal sindaco del bono, tutte queste innovative soluzioni, documentandole in maniera circostanziata, e portando numerosi esempi? Come cittadini vorremmo sapere: che risposte ha ricevuto? Attendiamo ansiosi risposte pertinenti a ciascuna domanda. È tanto difficile rispondere, caro belli?

LEAVE A REPLY