Casa, per gli antagonisti 199 picchetti antisfratto in un anno

L'ultima azione sarà giovedì, quando la sinistra organizzerà un presidio davanti alla Prefettura contro lo sgombero dell'Albergo Alabarda

1
Il picchetto antisfratto degli antagonisti a Brescia
Il picchetto antisfratto degli antagonisti a Brescia

Giovedì 28 dicembre, dalle 14.30, gli antagonisti bresciani organizzeranno un presidio davanti alla Prefettura in Piazza Duomo a Brescia contro l’annunciato sgombero dell’Albergo Alabarda e per chiedere “una dignitosa sistemazione abitativa per tutti gli occupanti perchè nessuno finisca in strada in pieno inverno”.

Sarà questa l’ultima azione del Magazzino 47 e di Diritti per tutti sul fronte della casa, dopo un anno caratterizzato da ben 199 picchetti contro gli sfratti e i pignoramenti a Brescia e provincia. La media è quasi di un picchetto al giorno, escludendo i festivi e anche giovedì gli antagonisti sono entrati in azione in via Zadei a difesa dell’ artigiano egiziano Ata, fallito a causa della crisi, e di sua moglie.

La buona notizia è comunque la sensibile diminuzione delle sentenze di sfratto registratesi negli ultimi due anni: si è passati da 802 nuove sentenze di sfratto a Brescia città nel 2014 a 471 nel 2016 e quest’anno la previsione è che saranno poco meno di 400; nel resto della provincia invece la diminuzione ha portato le sentenze da 1436 nel 2014 a 1169 del 2016.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Ma la raccolta della cgil x sostenere radio onda d’urto a che punto è? Avete chiesto l’euro a tutti i vostri iscritti e 100 euro ai sindacalisti, come vi suggerivo? In questa maniera riuscirete a pagare sia la radio che trovare in affitto regolare case x questa gente, invece di pretendere sempre con la violenza e le occupazioni le proprietà degli altri. Un ultimo suggerimento: se proprio volete occupare, impadronitevi della curia, del centro paolo sesto e dei tanti locali della chiesa. Là il posto c’è e in abbondanza, non create danno alla gente comune e togliete a chi ha in abbondanza. Dai allora che le soluzioni ci sono….

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome